Apnea notturna: anche un problema di guida sicura

A cura di Luigi Ferritto(1), Walter Ferritto(2), Giuseppe Fiorentino(3)

 

1) Dipartimento di Medicina Interna, Clinica Athena Villa dei Pini, Piedimonte Matese (CE);

 

2) Divisione di Medicina Interna, Ospedale A.G.P. Piedimonte Matese (CE);

 

3) UOC Fisiopatologia, Malattie e Riabilitazione Respiratoria, AORN Monaldi, Napoli

 

 

La Sindrome delle Apnee Ostruttive nel Sonno (Obstructive Sleep Apnea Syndrome, OSAS) è un disturbo respiratorio del sonno, caratterizzato da ripetuti episodi di parziale o completa ostruzione delle vie aeree superiori che si verificano durante la fase inspiratoria. Questa ostruzione si manifesta come una riduzione (ipopnea) o cessazione completa (apnea) del flusso di aria, con persistenza di movimenti respiratori toraco-diaframmatici. La mancanza di un'adeguata ventilazione alveolare solitamente esita in una riduzione della saturazione di ossigeno del sangue arterioso (SaO2) e, nel caso di sforzi prolungati, in un graduale aumento della pressione arteriosa e di anidride carbonica (PaCO2). Questi eventi respiratori spesso terminano con un arousal. Ne deriva un sonno di scadente qualità e poco ristoratore, con sintomi sia notturni (russamento intenso, necessità di urinare, ecc) che diurni (eccessiva sonnolenza, irritabilità, diminuzione dell'attenzione e disturbi neuro-comportamentali, ecc.). Si stima che in Italia oltre 1.600.000 persone ne siano affette. Tra le conseguenze cliniche e sintomatologiche dell'OSAS ve n'è una che può costituire un problema di salute pubblica: la sonnolenza. Oltre alle ovvie ripercussioni sulle attività quotidiane come scarso rendimento e ridotta produttività sul lavoro, comporta infatti un aumento del rischio di incidenti stradali per la riduzione delle capacità Apnee notturneattentive, con conseguente riduzione delle capacità nella guida di un autoveicolo. Gli incidenti dovuti alla sonnolenza del guidatore avvengono più facilmente nel primo pomeriggio e a fine notte/prime ore del mattino ed hanno la caratteristica di essere particolarmente gravi per la mancanza di una reazione di difesa da parte del guidatore. Vi è ormai un'ampia letteratura che conferma l'associazione tra OSAS e aumentato rischio di incidenti alla guida, con un rischio da 2 a 7 volte maggiore di incorrere in un incidente automobilistico. E' dimostrato che, anche in assenza di sonnolenza documentata, nei pazienti con OSAS si riscontra un allungamento dei tempi di reazione, con conseguente rischio di impatto con un ostacolo. In base al ritardo dei tempi di reazione tra pazienti OSAS e soggetti normali si è visto che i primi percorrono mediamente a 130 km/h (velocità massima consentita sulle autostrade italiane) 22 metri in più prima di iniziare a frenare. E' anche dimostrato che in alcuni ambiti professionali, in particolare tra gli autisti professionisti, il sommarsi di più fattori di rischio comporta una maggiore prevalenza di disturbi respiratori nel sonno rispetto alla popolazione generale. Inoltre, la natura sedentaria e monotona di questa attività, il fatto che la guida si prolunghi spesso per molte ore in situazioni poco stimolanti, come la guida in autostrada ed in ore notturne, espongono più facilmente questa categoria professionale ad un maggiore rischio di sonnolenza alla guida, all'aumento dei tempi di reazione e di conseguenza ad incidenti stradali. Uno studio italiano pubblicato nel 2001 (Sleep 2001; 24:203-206), analizzando il totale degli incidenti avvenuti nel periodo 1993-1997 sulla rete autostradale italiana, ha portato a identificare la sonnolenza come causa o concausa del 21.9% degli incidenti accaduti, a fronte della rilevazione ISTAT che, nello stesso periodo, si aggirava intorno al 3.2%. Facendo riferimento all'anno 2002 secondo il Ministero Apnea notturna incidenti automobilisticidella Salute gli incidenti extraurbani sarebbero il 15% del totale e tra questi, l'OSAS inciderebbe per un 50% (stima CREMS) con un totale di 9551 eventi, pari al 3.99% di tutti gli incidenti stradali avvenuti in Italia, con un numero di vittime pari a 367. Se per le OSAS, nella popolazione è indubbio che vi sia un incremento degli incidenti, nel singolo individuo è impossibile prevedere se tale rischio si possa verificare, anche nel caso di professionisti del trasporto. L'indicazione è quella di un'accurata informazione in tal senso a tutti i pazienti, in particolare a chi percorre alla guida un elevato numero di chilometri all'anno è di avviare la diagnosi e il trattamento previsto, oggi pienamente efficace.


Diagnosi Apnee Ostruttive »



ARTICOLI CORRELATI

Creatina puraCreatina negli alimentiMetabolismo anaerobico alattacidoConosci gli integratori di creatina?Kre Alkalyn - Creatina Tamponata o AlcalinaAssunzione di creatinaCm2 Nitrate – SANCrea Max - Ultimate NutritionCreatene - AndersonCreatina alta, valori creatina in sangue e urineCreatina e proteine - creatina ed insulinaCreatina e sportCreatina micronizzataCreatina monoidratoCreatina piruvato - Scitec NutritionCreatina, tipi di creatinaCreatinchinasi, Creatina fosfochinasiCREATINE POWDER Micro – EUROSUPEffetti della creatinaIl sistema creatina - creatinfosfatoIntegratori di creatinaKre-alkalyn MaximzeNuove forme di creatinaQuanta creatina assumere?Scitec Nutrition - Creatina etil estereSport e Dieta vegetariana - Creatina, Proteine e Fabbisogno ProteicoUso della creatinaVantaggi prestativi derivati dall'assunzione di creatinaCreatina su Wikipedia italianoCreatine su Wikipedia ingleseAminoacidi amminoacidiAmminoacidi naturali per dimagrireFunzioni degli aminoacidiCitrullinaAmminoacidi solforatiIntegrazione di Citrullina nella Pratica SportivaArgininaGlutaminaSapore degli Amminoacidi e Scelta degli IntegratoriProteine ed amminoacidi ramificatiCarnitinaGlicinaIdrossiprolina in cosmetici ed integratoriIntegratori di Glicina: Sono Utili?Integratori di OKG - Funzionano?MetioninaAminoacidi Ramificati: Funzioni, Fonti Alimentari, IntegratoriTreoninaAMINO-4 complex – ANDERSONAminoacidi glucogeneticiAminoacidi ordinari e occasionaliAminoacidi Ramificati BCAAaminoacidi su Wikipedia italianoAmino acid su Wikipedia inglese