Vermi Intestinali dei Cani

Generalità

I vermi intestinali dei cani sono parassiti che colonizzano il tratto enterico dell'animale causando svariati disturbi.

http://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/03/29/vermi-intestinali-dei-cani-orig.jpeg

Generalmente, i parassiti che infestano l'intestino dei cani sono nematodi e cestodi; purtroppo, alcuni di essi possono essere trasmessi anche all'uomo (zoonosi).

Trattare le parassitosi intestinali dei cani è perciò molto importante, non solo per il benessere dell'animale, ma anche per evitare la trasmissione del parassita ad altri animali e all'uomo.

Nel corso dell'articolo verranno analizzati i principali vermi intestinali dei cani, i disturbi e i sintomi da essi indotti e le possibili cure per contrastare l'infestazione causata da questi sgraditi organismi.

Tipi di Parassiti

Tipi di Vermi Intestinali dei Cani

Come accennato, i vermi intestinali che colonizzano e attaccano il tratto enterico dei cani sono generalmente parassiti appartenenti al phylum dei nematodi (Phylum Nematoda) e parassiti appartenenti al phylum dei platelminti, classe dei cestodi (Phylum Platyhelminthes, Classe Cestoda). Di seguito, i principali vermi intestinali dei cani appartenenti ai suddetti phylum verranno brevemente descritti.

Nematodi

I nematodi vengono volgarmente chiamati "vermi tondi o cilindrici" a causa della loro forma. Fra quelli che più comunemente infestano l'intestino dei cani, ritroviamo:

  • Gli ascaridi: si tratta di parassiti che infestano il tratto enterico dei cani e possono essere trasmessi anche all'uomo. Gli esemplari adulti vivono nell'intestino cibandosi del suo contenuto. Provocano irritazione della mucosa enterica a causa dei movimenti che effettuano per evitare di essere espulsi. Le uova deposte dagli esemplari femminili, invece, vengono eliminate con le feci, all'interno delle quali si schiudono liberando larve che - dopo un primo periodo di sviluppo - possono infestare nuovi cani, oppure l'uomo. Fra le specie di ascaridi che possono infestare sia i cani che l'uomo ricordiamo Toxocara canis e Toxascaris leonina.
  • Gli ancilostomi: al gruppo degli ancilostomi appartengono differenti generi e specie di vermi intestinali dei cani, quali ad esempio Ancylostoma caninumUncinaria stenocephala. Anche in questo caso, si tratta di parassiti che possono infestare sia i cani sia l'uomo. Una volta giunti a livello enterico, questi vermi attaccano la mucosa intestinale per cibarsi del sangue dell'animale ospite.
  • Tricuridi: i tricuridi sono una famiglia di parassiti comprendenti diversi generi e specie. Fra questi, spicca Trichuris vulpis, i cui esemplari adulti albergano nell'intestino del cane cibandosi di sangue e altri fluidi organici. Le uova prodotte dalle femmine vengono espulse con le feci dell'animale ed evolvono nell'ambiente esterno fino a diventare infestanti. Tuttavia, esse si schiudono solo quando raggiungono l'ospite definitivo (il cane, appunto), pertanto, questi vermi non sono in grado di provocare parassitosi nell'uomo.
  • Strongili intestinali: fra i parassiti di questo tipo che possono infestare tanto i cani quanto l'uomo ritroviamo Strongyloides stercoralis. Si tratta di un parassita che si caratterizza per un ciclo di vita diviso in due fasi: una fase parassita in cui vive nel lume intestinale del malcapitato ospite e una fase a vita libera, durante la quale gli esemplari maschi e femmine possono dare origine a larve libere non parassite che vivono nell'ambiente. Tuttavia, in determinate condizioni non ancora chiarite, le larve libere si trasformano in larve infestanti, dando origine ad una nuova fase parassita. Attraverso il circolo ematico questi vermi intestinali dei cani possono trasferirsi anche in altri distretti corporei.

Cestodi

Al contrario dei nematodi, i cestodi possiedono una forma appiattita che ha dato origine al nome comune di "vermi piatti". Fra quelli che possono parassitare il tratto intestinale dei cani, ritroviamo:

  • Dipylidium caninum: anche noto come "tenia del cane", questo parassita infesta l'intestino di canidi e felini. Per poter completare il suo ciclo di vita necessita di un ospite intermedio - generalmente rappresentato dalle pulci - e di un ospite finale (cane o gatto, appunto). Questo tipo di verme intestinale, perciò, viene trasmesso dal morso della pulce.
  • Echinococcus granulosus: è il parassita responsabile dell'echinococcosi nel cane, una parassitosi nella quale gli individui adulti di questo verme vivono nell'intestino del cane attaccandone le pareti. Normalmente, il suo ciclo vitale non prevede l'attacco dell'uomo, ma in alcuni casi potrebbe infestarlo e "utilizzarlo" come ospite intermedio provocando l'echinococcosi cistica.

Lo sapevi che…

I vermi intestinali dei cani non sono gli unici parassiti in grado di albergare ed attaccare il tratto enterico del migliore amico dell'uomo. Difatti, anche la giardia e i coccidi (entrambi protozoi) sono parassiti intestinali dei cani.

Contagio

Modalità di Trasmissione dei Vermi Intestinali dei Cani

Le modalità con cui i parassiti intestinali entrano nell'organismo dei cani sono molteplici. La via attraverso la quale i vermi intestinali raggiungono l'intestino dei cani può variare in funzione del tipo di parassita e del suo ciclo vitale.

Ad ogni modo, i vermi intestinali possono entrare nell'organismo dei cani nei seguenti modi:

  • Per via orale, attraverso l'ingestione delle uova o delle larve direttamente dall'ambiente.
  • Per ingestione di un altro animale infetto (ad esempio, topi o altri roditori, carni e frattaglie infette crude, ecc.).
  • Per via transplacentare: la madre infetta, perciò, trasmette il parassita al cucciolo prima che nasca.
  • Attraverso il latte materno.
  • Per penetrazione attiva delle larve attraverso la cute o i cuscinetti delle zampe.

Viste le molteplici modalità attraverso le quali i vermi intestinali dei cani riescono ad infestare gli animali, sarebbe bene sottoporre le feci del proprio cane ad analisi periodiche, soprattutto se vive all'aperto e/o se entra in contatto con altri cani o animali che potrebbero essere infestati.

Curiosità

Le larve di alcuni tipi di vermi intestinali dei cani - come, ad esempio, le larve di ascaridi e ancilostomi - una volta entrate nell'organismo dell'animale, possono migrare nell'intestino, oppure possono restare quiescenti all'interno dei suoi tessuti muscolari, per poi riattivarsi in un momento successivo, ad esempio, in seguito ad eventi stressanti o traumatici.

Sintomi

Manifestazioni e Sintomi Causati dai Vermi Intestinali dei Cani

La sintomatologia indotta dai vermi intestinali dei cani può essere diversa da animale a animale e può dipendere da diversi fattori, quali, ad esempio, il tipo di verme che ha provocato l'infestazione, il tempo di permanenza all'interno dell'organismo del cane, l'età del cane (cucciolo o adulto) e la gravità dell'infestazione nel suo complesso.

Ad ogni modo, fra i diversi sintomi che potrebbero manifestarsi, ricordiamo:

Purtroppo, nei casi più gravi e nei casi non tempestivamente diagnosticati e trattati, l'animale potrebbe anche andare incontro alla morte.

Diagnosi

Come si Determina la Presenza di Vermi Intestinali dei Cani?

La diagnosi di vermi intestinali dei cani può considerarsi relativamente semplice da effettuare. Difatti, nella maggioranza dei casi, la diagnosi viene effettuata in maniera corretta semplicemente attraverso la valutazione dei sintomi riportati dal proprietario dell'animale e attraverso l'analisi delle feci del cane. In alcuni casi, il veterinario potrebbe decidere anche di effettuare un prelievo di sangue, ma normalmente l'esame coprologico è sufficiente. L'analisi delle feci, infatti, permette di individuare l'eventuale presenza di larve o uova di vermi intestinali e, allo stesso tempo, permette di determinare quale parassita ha causato l'infestazione.

Cura

Cure e Trattamenti Contro i Vermi Intestinali dei Cani

La cura contro i vermi intestinali dei cani mira, naturalmente, all'eliminazione dei parassiti che hanno provocato l'infestazione nell'animale. Per fare ciò, il veterinario solitamente prescrive la somministrazione di farmaci antiparassitari per via orale, specifici per il tipo di verme responsabile della parassitosi. Tuttavia, in alcuni casi e in particolare in quelli molto gravi, per eliminare completamente i vermi intestinali dei cani, potrebbe essere necessario ricorrere ad un intervento chirurgico.