Tosse secca

Che cos'è la tosse secca?

Si veste dell'aggettivo "secca" o "non produttiva" ogni tipo di tosse privo di espettorazione muco-catarrale.

Tosse SeccaTipica degli stati infiammatori bronchiali ad origine virale e delle patologie pleuriche, la tosse secca si manifesta con l'emissione di un rumore secco-abbaiante, risultato di un dolore o di un sollecito in gola. Il più delle volte, la tosse secca esordisce con un forte dolore al petto, affiancato da accessi ravvicinati e ripetuti di tosse, che sovente esitano in vomito.
A seconda della causa scatenante, la tosse secca può apparire all'improvviso e scomparire altrettanto rapidamente, oppure persistere per molte settimane.


Per capire...
La tosse non è una malattia: piuttosto, è un sintomo che si manifesta quando le mucose respiratorie vengono irritate da agenti virali, batterici, smog, fumo o polveri.
La tosse è dunque un riflesso difensivo e protettivo che l'organismo adotta per eliminare l'agente irritante dalle vie aeree.

Altri sintomi

Il più delle volte, la tosse secca non costituisce un fenomeno a sé stante; tant'è che viene spesso accompagnata da altri sintomi che variano chiaramente in base alla causa scatenante.
Essendo un fenomeno ricorrente in buona parte degli stati influenzali, la tosse secca tende a presentarsi in associazione a sintomi caratteristici come febbre, malessere generale, mal di gola, nausea, voce rauca e dolori articolari.
Meno frequentemente, il quadro clinico della tosse secca viene completato da altri sintomi, quali alitosi (alito cattivo), gengive sanguinanti, diarrea, inappetenza ed eruzione cutanea.
Nella maggior parte delle persone, la tosse secca peggiora durante le ore notturne, per attenuarsi gradualmente nelle prime ore del mattino.

Malattie correlate

La tosse secca costituisce un sintomo caratteristico di numerose affezioni respiratorie di origine infettiva, allergica, traumatica e perfino neoplastica.
Vediamo dunque come esordisce la tosse secca nelle differenti malattie ad essa correlate, e da quali altri sintomi viene affiancata:

  • Asma: la tosse secca di origine asmatica è accompagnata da respiri sibilanti più o meno persistenti, difficoltà respiratorie e senso di oppressione toracica.
  • BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva): la tosse e la difficoltà respiratoria sono sintomi caratteristici di questa terribile affezione. La tosse secca, tuttavia, non costituisce un sintomo onnipresente nel contesto della BPCO: infatti, mentre alcuni pazienti accusano questo tipo di disturbo, in altri casi la malattia si manifesta con tosse grassa (catarrale).
  • Bronchite acuta: l'infiammazione dell'albero bronchiale presenta una sintomatologia variabile. Se durante i primi stadi la bronchite acuta si distingue per la tosse secca e stizzosa, nella fase avanzata la malattia produce una tosse tipicamente catarrale (tosse grassa), accompagnata da febbre e malessere generale.
  • Cardiopatie con ipertensione venosa (insufficienza cardiaca congestizia): la tosse secca ed insistente tipica di questo disturbo è nota precisamente come tosse cardiaca.
  • Complicanza della sarcoidosi polmonare: anche questo tipo d'infiammazione cronica può causare tosse secca. La simultanea presenza di granulomi (formazione di agglomerati cellulari) e tosse secca accerta un sospetto di sarcoidosi polmonare.
  • Empiema pleurico: si tratta di un accumulo di liquido purulento (ricco di pus) nel cavo pleurico, che si distingue per la comparsa di tosse associata a dispnea, dolore toracico, febbre ed astenia.
  • Enfisema polmonare: una tosse secca cronica e persistente può talvolta nascondere una forma di enfisema polmonare (complessa patologia a carico dei polmoni che tende ad aggravarsi progressivamente, fino a degenerare nel deficit respiratorio).
  • Laringite virale: la tosse secca costituisce un sintomo tipico dell'infiammazione acuta della laringe che, fortunatamente, tende a risolversi da sé nell'arco di un breve periodo.
  • Pertosse: nei suoi stadi iniziali, la pertosse si manifesta con numerosi colpi di tosse secca, brevi e continui, che sfociano in un'inconfondibile inspirazione rumorosa paragonabile ad un rantolo stridulo. Al termine della serie di 5-6 colpi di tosse secca, segue un conato di vomito con l'emissione di un espettorato mucoso e filante.
  • Pleurite: infiammazione della membrana che riveste torace e polmoni. La tosse secca tipica della pleurite, stizzosa e talvolta sanguinolenta, è spesso accompagnata da febbre, difficoltà respiratorie e tachicardia.
  • Pneumotorace e versamento pleurico (rispettivamente, accumuli patologici di aria/liquido nel cavo pleurico): la tosse secca caratteristica di queste condizione patologiche è particolarmente stizzosa e continua.
  • Polmonite infettiva: in base all'agente causale, l'infiammazione dei polmoni può esordire con tosse secca o grassa. La tosse secca non costituisce dunque una caratteristica distintiva della polmonite infettiva: per accertare il tipo di patogeno coinvolto, è necessaria un'attenta indagine diagnostica.
  • Reazioni allergiche (es. rinite): in alcuni pazienti, anche l'esposizione ad allergeni (es. pollini) può produrre sintomi come tosse secca e persistente, caratterizzata da sibili, gemiti e difficoltà respiratorie.
  • Tubercolosi: malattia polmonare potenzialmente grave trasmessa da Mycobacterium tuberculosis. La tosse secca tubercolare - che tende a protrarsi per più settimane - è spesso accompagnata da emottisi (espulsione di sangue dalla bocca) e dolori toracici acuti.
  • Tumore: le neoplasie come il cancro all'esofago, alla faringe, alla laringe ed al polmone tendono a manifestarsi, in modo più o meno intenso, con tosse secca e stizzosa che non regredisce con alcun farmaco.

Altre cause di tosse secca

Non necessariamente la tosse secca è sinonimo di malattie infettive, allergie o tumori. Molti pazienti, infatti, sviluppano la tosse secca e stizzosa dopo l'inalazione di sostanze irritanti, come fumo ("tosse del fumatore"), polveri ed inquinamento.
Oltre alle sostanze irritanti, anche alcuni farmaci possono indurre tosse secca: molti pazienti in cura con gli ACE-inibitori (farmaci per la cura dell'ipertensione arteriosa) accusano spesso sintomi collaterali come la tosse secca.


Possibili complicanze

Abbiamo visto che la tosse secca tende a ripresentarsi più e più volte durante il giorno, specie quando la causa risiede in un'infezione virale. Il ripetersi continuo del tossire può indurre lesioni bronco-polmonari anche gravi, tali da rivelarsi estremamente pericolose per chi soffre di affezioni cardiache od ipertensione. Per questa ragione, in caso di tosse secca persistente, si raccomanda di ricorrere a medicamenti specifici e di non trascurare alcun sintomo, chiaramente sempre e solo dopo aver consultato il medico.
La visita medica si rivela indispensabile quando la tosse secca e persistente è accompagnata da sintomi particolari, quali nello specifico:

Quando il quadro clinico di un paziente affetto da tosse secca cronica include uno o più di questi sintomi, il consulto di una figura competente in materia si rivela essenziale per sorprendere sul nascere l'insorgere di eventuali patologie anche gravi.