Tosse grassa: Farmaci, Rimedi, Consigli

Un Riflesso Protettivo

I termini "grassa", "umida" e "produttiva" sono indistintamente utilizzati per descrivere un tipo di tosse accompagnato dall'emissione di catarro (espettorato).

Tosse grassa rimediContrariamente a quanto ritenuto dal pensiero comune, la tosse grassa costituisce un prezioso riflesso protettivo che l'organismo mette in atto per liberare velocemente le vie respiratorie ostruite da un "tappo" di muco. Nelle classiche affezioni respiratorie come raffreddore ed influenza, la normale respirazione viene ostacolata da grossi accumuli di muco misto a batteri: il riflesso della tosse - che favorisce appunto l'espulsione di queste secrezioni infette - è indispensabile per velocizzare i tempi di guarigione della malattia di base.

Farmaci contro la tosse grassa

Sebbene costituisca una condizione effettivamente fastidiosa ed irritante (sia per il malato, sia per chi gli sta attorno), la tosse grassa NON dev'essere soffocata con i farmaci antitussivi. Questi medicamenti - largamente utilizzati per il controllo della tosse secca - andrebbero ad ostacolare la fisiologica e naturale rimozione dei batteri imprigionati nel muco, dilatando i tempi di guarigione o, ancor peggio, incoraggiando la proliferazione dei patogeni.


Nota bene
In presenza di tosse grassa, i farmaci antitussigeni/narcotici - come codeina e destrometorfano - sono vivamente controindicati proprio perché rallenterebbero la fisiologica rimozione del muco infetto.


Qual è dunque la cura farmacologica più adatta per la tosse grassa?


Ricordiamo brevemente che la tosse grassa non è una malattia; piuttosto, dev'essere interpretata come un sintomo comune a diverse affezioni a carico delle vie respiratorie. Detto questo, è comprensibile come la cura della malattia di base risulti a dir poco essenziale per allontanare la tosse.
Ad ogni modo, il medico può consigliare o prescrivere alcuni farmaci in grado di favorire la fluidificazione del muco: in alcune occasioni, infatti, la consistenza del muco "incollato" alle vie aeree è talmente densa e viscosa da renderne difficoltosa l'espulsione dalla bocca con un colpo di tosse. In questi casi, i farmaci mucolitici (o fluidificanti) possono agevolarne l'eliminazione proprio perché agiscono a livello delle proteine del muco, frantumandole.


I farmaci mucolitici più utilizzati sono:

I farmaci mucolitici non devono essere somministrati ai bambini di età inferiore ai due anni, dal momento che possono aumentare il rischio di ostruzione bronchiale, soprattutto in tenera età.


Anche i farmaci espettoranti possono essere assunti per favorire l'espulsione del secreto mucoso in eccesso: a tale scopo, sono indicate le soluzioni sature di ioduro di potassio e gli estratti di ipecacuana.
In presenza di un'accertata sovrinfezione batterica, accanto alla terapia con i mucolitici, il paziente dovrà seguire una terapia antibiotica specifica per favorire l'allontanamento del patogeno coinvolto nell'infezione. L'assunzione di antibiotici determina un inevitabile indebolimento del sistema immunitario: pertanto, per rafforzare il naturale sistema di difesa dell'organismo, si consiglia di assumere yogurt con fermenti lattici vivi od integrare la dieta con un probiotico.

Rimedi naturali

Fatta eccezione per le forme correlate alle infezioni, le tossi grasse non richiedono necessariamente la somministrazione di farmaci specifici.
Tuttavia, per restringere i tempi di guarigione, è possibile usufruire di alcuni rimedi naturali mirati: a tale scopo, gli sciroppi naturali e le tisane contro la tosse costituiscono, probabilmente, l'alternativa fitoterapica più apprezzata in assoluto.


Quali sono i principi attivi naturali più indicati contro la tosse grassa?


Le molecole attive più utili per contrastare la tosse grassa possono essere ricavate dalle seguenti piante:

Per facilitare la fluidificazione del muco in modo naturale, i suffumigi sono estremamente efficaci, specie se arricchiti con oli essenziali dalle proprietà espettorati.
Anche l'alimentazione è importante quando si presenta la tosse: in simili circostanze, si dovrebbero preferire alimenti caldi come minestre, brodi e latte (addolcito con il miele) per ammorbidire le mucose irritate della gola e favorire la fluidificazione del muco. Anche la frutta e la verdura, naturalmente ricche di antiossidanti, vitamine e sali minerali, sono raccomandate anche e soprattutto durante gli stati influenzali.

Rimedi omeopatici

In alternativa ai rimedi fitoterapici, la tosse grassa può talvolta beneficiare dall'omeopatia. I prodotti omeopatici devono essere scelti attentamente in base al tipo di tosse grassa, ad esempio:

  • Antimonium tartaricum, indicato per la tosse grassa accompagnata da muco maleodorante che viene espettorato con difficoltà
  • Coccus cacti, indicato per la tosse grassa con catarro denso, eventualmente accompagnata da episodi di vomito
  • Ferrum phosphoricum, indicato per la tosse grassa, dolorosa o pruriginosa, eventualmente associata ad emotisi (emissione di sangue dalla bocca)
  • Ipecacuanha, indicata per la tosse grassa affiancata da conati di vomito e difficoltà respiratorie

Si raccomanda sempre di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dall'omeopata e di evitare nella maniera più assoluta l'auto-terapia.

Consigli pratici e prevenzione

La terapia più potente contro la tosse grassa è la prevenzione dalle infezioni: è perciò consigliato evitare ogni possibile situazione di contagio, come ad esempio i luoghi affollati ed il contatto con una persona influenzata. Per ridurre al minimo il rischio d'infezioni a carico delle vie respiratorie, si raccomanda un abbigliamento consono alle temperature esterne: a tale scopo, durante i mesi più rigidi è buona regola coprirsi bene con sciarpe, berretti e cappotti prima di uscire all'aperto.
Anche mantenere l'ambiente in cui si vive e si lavora alla giusta umidità (40-60%) si rivela importante ai fini della prevenzione dalla tosse: per questo, si consiglia di utilizzare sempre umidificatori, in particolare durante i mesi freddi.
Ancora, rafforzare le difese immunitarie può costituire un'ulteriore protezione contro le infezioni: in questo caso, una dieta ricca di alimenti antiossidanti, frutta, verdura, probiotici e fermenti lattici vivi non può che essere un vero toccasana per l'organismo.
In presenza di tosse grassa, si raccomanda poi di non deglutire il catarro: un simile atteggiamento favorisce la permanenza e la proliferazione dei batteri lungo il tratto respiratorio.
Anche se scontate, queste norme igienico-comportamentali sono indispensabili per proteggere l'organismo da agenti infettivi e malattie influenzali che potrebbero causare la tosse.

Quando chiamare i soccorsi

La tosse grassa costituisce un fenomeno estremamente comune e ricorrente in entrambi i sessi ed in tutte le fasce d'età, dai neonati agli anziani.
Tuttavia, è buona regola prestare attenzione ai segni ed ai sintomi che accompagnano la tosse grassa in modo da distinguere una forma "comune" da una tosse grassa patologica.
Di seguito, sono elencati i sintomi d'allarme che possono nascondere un disturbo pericoloso:

  • L'espettorato è sanguinolento
  • La tosse grassa è accompagnata da febbre alta e difficoltà respiratorie
  • La tosse compare solo di notte
  • La tosse grassa è affiancata da sintomi come acufeni (ronzio alle orecchie), mal di testa, eruzioni cutanee o perdita evidente di peso
  • La tosse grassa si presenta in un paziente iperteso, asmatico, cardiopatico o affetto da glaucoma
  • La tosse grassa produttiva dura oltre 5 giorni