Selegilina

Generalità

La selegilina è un principio attivo appartenente alla classe degli inibitori delle monoammino ossidasi di tipo B (altrimenti conosciute con l'acronimo MAO-B). Più nel dettaglio, la selegilina è un inibitore selettivo e reversibile delle MAO-B.
SelegilinaGrazie alla sua selettività, la selegilina è ampiamente utilizzata nel trattamento del morbo di Parkinson, sia da sola che in associazione alla levodopa.

Esempi di Specialità Medicinali Contenenti Selegilina

  • Jumex®
  • Selecom®
  • Egibren®

Indicazioni Terapeutiche

L'utilizzo della selegilina è indicato per il trattamento di:

Avvertenze

Prima di iniziare la terapia a base di selegilina, è molto importante informare il medico se:

La selegilina, inoltre, non dovrebbe essere impiegata nei pazienti con meno di 18 anni di età, poiché non esiste alcuna indicazione per l'uso specifico di questo principio attivo in questa categoria di pazienti.
In seguito all'uso di selegilina, potrebbero insorgere effetti collaterali in grado di alterare la capacità di guidare veicoli e/o macchinari; pertanto, tali attività devono essere sospese durante l'assunzione del farmaco.
Infine, è bene ricordare che per chi svolge attività sportiva, l'impiego del farmaco in questione senza necessità terapeutica costituisce doping e - anche se assunto per fini terapeutici - può comunque causare positività ai test anti-doping.

Interazioni con altri Farmaci

L'uso della selegilina in associazione ai seguenti farmaci è controindicato:

Inoltre, si sconsiglia l'uso contemporaneo di selegilina e di contraccettivi orali, poiché questi ultimi possono aumentare la biodisponibilità della stessa selegilina.
L'uso contemporaneo di selegilina e di anticoagulanti e/o farmaci digitalici richiede un attento monitoraggio dei pazienti.
Ad ogni modo, prima di iniziare la terapia con selegilina, è fondamentale informare il medico se si stanno assumendo - o se sono stati recentemente assunti - farmaci di qualsiasi tipo, compresi i farmaci senz'obbligo di prescrizione medica, i medicinali da banco, i prodotti erboristici e gli omeopatici.

Effetti Collaterali

Come qualsiasi altro farmaco, la selegilina può causare effetti collaterali di vario tipo, benché non tutti i pazienti li manifestino.

Il tipo di effetti avversi e l'intensità con cui si manifestano possono variare da individuo a individuo, in funzione della sensibilità di ciascun paziente nei confronti dello stesso farmaco.
Di seguito saranno brevemente elencati i principali effetti indesiderati che possono manifestarsi durante la terapia con selegilina.

Disturbi del sistema nervoso

Durante il trattamento a base di selegilina possono manifestarsi:

Disturbi psichiatrici

La terapia a base di selegilina potrebbe favorire la comparsa di insonnia, disturbi del sonno e alterazioni dell'umore.

Disturbi cardiovascolari

Durante l'assunzione di selegilina potrebbero manifestarsi bradicardia, tachicardia sopraventricolare e/o ipotensione ortostatica.

Altri effetti collaterali

Altri effetti indesiderati che potrebbero manifestarsi durante la terapia con selegilina, sono:

Sovradosaggio

In caso di assunzione di dosi eccessive di selegilina, potrebbe manifestarsi ipertensione.
Pertanto, nel caso in cui si sospetti un sovradosaggio da selegilina, è bene contattare subito il proprio medico e recarsi nel più vicino pronto soccorso.

Meccanismo d'azione

Come accennato, la selegilina è un inibitore delle monoammino ossidasi di tipo B.
Più nel dettaglio, questo principio attivo è in grado di legarsi in maniera selettiva, anche se reversibile, a uno specifico sito d'azione presente nei suddetti enzimi. L'interazione selegilina-enzima provoca un'inibizione di quest'ultimo che, pertanto, non è più in grado di metabolizzare la dopamina, aumentandone quindi la disponibilità e favorendone l'azione.
Il morbo di Parkinson si caratterizza proprio per una ridotta trasmissione dopaminergica a livello delle aree nigrostriatali.
Quando la selegilina viene somministrata in associazione alla levodopa, inoltre, ne prolunga la durata d'azione proprio grazie alla sua capacità di ridurre il metabolismo della dopamina. Per via di questa capacità della selegilina, perciò, è possibile ridurre la dose di levodopa somministrata, contribuendo in questo modo a ridurne gli effetti collaterali, ma senza alterarne l'efficacia terapeutica.

Modalità d'uso e Posologia

La selegilina è disponibile in formulazioni farmaceutiche adatte alla somministrazione per via orale sotto forma di compresse e soluzione orale.

Trattamento del Morbo di Parkinson e del Parkinsonismo

Per il trattamento del morbo di Parkinson e del parkinsonismo, la selegilina è disponibile sotto forma di compresse.
Quando impiegata in monoterapia, la dose di principio attivo abitualmente somministrata è di 10 mg al giorno, da assumersi in un'unica somministrazione al mattino, oppure in due dosi frazionate, una al mattino e una al pomeriggio.
Quando, invece, la selegilina è impiegata in associazione ad altri farmaci per il trattamento del morbo di Parkinson, la dose iniziale abitualmente impiegata è di 5-10 mg al dì, da assumersi in un'unica somministrazione al mattino, oppure da suddividersi in due somministrazioni separate (una al mattino e una al pomeriggio).
Nei pazienti che manifestano acinesia e discinesia, invece, la dose di selegilina consigliata è di 10 mg al giorno.

Trattamento della sindrome psico-organica primaria

Per il trattamento della sindrome psico-organica primaria, la selegilina è disponibile sia sotto forma di compresse, sia sotto forma di soluzione orale.
La dose abitualmente impiegata è di 10 mg di principio attivo al dì, da assumersi in un'unica somministrazione al mattino.

Gravidanza e Allattamento

Viste le indicazioni terapeutiche della selegilina, è improbabile che questo farmaco venga impiegato in pazienti in età fertile.
Ad ogni modo, a causa dei potenziali rischi che potrebbero esserci, l'uso della selegilina in gravidanza è generalmente controindicato.
Non è noto se questo principio attivo venga escreto nel latte materno, pertanto, a scopo precauzionale, anche l'uso del farmaco da parte di madri che allattano al seno è controindicato.

Controindicazioni

L'impiego della selegilina è controindicato nei seguenti casi:

  • Ipersensibilità nota alla stessa selegilina;
  • Se si è affetti da gravi disturbi motori NON dovuti a carenza di dopamina;
  • Se si soffre di ulcera gastrica o di ulcera duodenale attiva;
  • Se si è in terapia con farmaci antidepressivi di qualsiasi tipo, simpaticomimetici, linezolid (un antibiotico) od oppioidi (come la petidina);
  • Se si stanno assumendo altri inibitori delle monoammino ossidasi;
  • In gravidanza;
  • Durante l'allattamento.


ARTICOLI CORRELATI

Morbo di ParkinsonMucuna - Proprietà Mucuna pruriensFarmaci per la cura del Morbo di ParkinsonMorbo di Parkinson - I Sintomi della MalattiaCause del Morbo ParkinsonCiticolinaLeganto - rotigotinaMorbo di Parkinson: i miti da sfatareTrattamento Farmacologico del morbo di ParkinsonAkineton - Foglietto IllustrativoAltri Sintomi del Morbo di ParkinsonAzilect - Foglietto IllustrativoDatscan - Foglietto IllustrativoDiagnosi del morbo di ParkinsonDisipal - Foglietto IllustrativoExelon - Foglietto IllustrativoJumex - Foglietto IllustrativoMadopar - Foglietto IllustrativoMirapexin - Foglietto IllustrativoNeupro - Foglietto IllustrativoParlodel - Foglietto IllustrativoRequip - Foglietto IllustrativoSinemet - Foglietto IllustrativoSintomi Morbo di ParkinsonSirio - Foglietto IllustrativoStadi del morbo di ParkinsonStalevo - Foglietto IllustrativoAzilect - rasagilinaComtan - entacaponeComtess - entacaponeCorbilta - levodopa, carbidopa, entacaponeDaTSCAN - ioflupaneEntacapone TevaEXELON - rivastigminaLevodopa Carbidopa Entacapone OrionMADOPAR ® - Levodopa + Benserazide Mirapexin - pramipexoloNeupro - rotigotinaNimvastid - rivastigminaNumient - Levodopa/CarbidopaOprymea - pramipexolo basePramipexole Accord - PramipexoloPramipexole Teva - pramipexolo basePrometax - rivastigminaRasagiline ratiopharm - rasagilinaREQUIP ® - Ropinirolo Rivastigmina ActavisRivastigmina TevaRivastigmine 1 A PharmaRivastigmine HexalMorbo di Parkinson su Wikipedia italianoParkinson's disease su Wikipedia inglese