Sciatica

Che cos'è la sciatica?

Nervo Sciatico

Il termine "sciatica" è largamente utilizzato nel linguaggio comune per esprimere un dolore che s'irradia lungo l'intero nervo sciatico, dalle sue radici alle estremità. Più precisamente, la sciatica è chiamata sciatalgia in riferimento all'infiammazione del nervo sciatico.

La dolorabilità sciatica viene percepita soprattutto sulla parte bassa della schiena, sui glutei e sulla gamba, spesso a seguito di un trauma od una pressione diretti sullo stesso nervo sciatico. Oltre al dolore, il quadro clinico originato della sciatica viene completato da una serie di sintomi secondari, quali: debolezza muscolare, formicolii alle gambe e difficoltà più o meno marcata nel controllare i movimenti degli arti inferiori.


Per capire...


Il nervo sciatico (o ischiatico) è il nervo più voluminoso ed imponente del corpo. Esso origina in sede lombare (nel plesso nervoso sacrale) ed innerva i muscoli posteriori ed anteriori di coscia e gamba. Estendendosi fino al piede, il nervo sciatico si dirama dalla schiena e scorre tra vertebre, pelvi ed osso dell'anca. Il nervo sciatico garantisce la sensibilità e la motilità delle gambe; pertanto, un'ingiuria a livello dello stesso può seriamente compromettere la capacità di deambulare.

Sciatica: cause e fattori di rischio

CAUSE


Esistono numerose varianti di dolore sciatico, differenziate in base all'agente eziologico che vi si pone alle origini.
In generale, la sciatalgia è frutto di una compressione a carico dei nervi lombari L4/L5 o sacrali S1, S2 ed S3. In altre occasioni, la sciatica è espressione di una lesione traumatica del nervo sciatico.
La sciatica viene ribattezzata radicolopatia lombare quando il dolore dipende dalla compressione di una radice dei nervi dorsali. In simili frangenti, le cause imputate sono:

La sciatica è una condizione dolorosa spesso riferita dalle donne durante la gravidanza (fase avanzata). In tal caso, la sciatica può esser conseguenza della compressione esercitata dall'utero sul nervo sciatico.


FATTORI DI RISCHIO


Alcuni soggetti sono più esposti ad episodi ricorrenti di sciatica. I fattori di rischio sono di seguito descritti:

  • Artrite
  • Attività lavorative che richiedono di spostare carichi, guidare veicoli a motore per lunghi periodi e torcere frequentemente la schiena
  • Diabete: aumenta il rischio di danno ai nervi; di conseguenza, la patologia diabetica costituisce un possibile fattore di rischio per la sciatica
  • Età avanzata, spesso responsabile di fisiologiche modificazioni del rachide
  • Infezioni della colonna vertebrale
  • Obesità
  • Osteoporosi
  • Patologie del rachide
  • Sedentarietà
  • Sovrasforzo muscolare
  • Traumi diretti a cosce, natiche e gambe

Sintomi

La sciatica esordisce sempre con una spiacevole percezione di DOLORE, la cui intensità e persistenza varia in base alla causa che vi si pone alle origini. Il dolore può essere avvertito come bruciante, acuto, penetrante, inarrestabile oppure può essere più lieve ed acutizzarsi in determinate circostanze. Spesso, il dolore sciatico si manifesta con più ferocia dopo sforzi, colpi di tosse o starnuti. Anche lo stress, l'ansia e le tensioni quotidiane/lavorative possono influire negativamente sulla sciatalgia, aggravando il dolore.
Altri pazienti affetti da sciatica, invece, riferiscono solo un lieve formicolio ed un'alterazione della sensibilità delle gambe.
Ricordiamo che il nervo sciatico è coinvolto nel movimento, ovvero controlla la motilità e consente di deambulare. Una lesione grave a carico del nervo può causare un dolore sciatico intenso ed invalidante, tanto che può essere pregiudicata anche la capacità di camminare.
In generale, il quadro clinico del paziente affetto da sciatica si contraddistingue per:

  • Compromissione della naturale capacità di movimento
  • Dolore acuto/atroce
  • Dolore "elettrico"
  • Dolore circoscritto in una precisa zona della gamba (es. polpaccio, natica o ginocchio) o dolore irradiato dalla zona lombare al piede
  • Indebolimento muscolare della gambe coinvolta
  • Intorpidimento/formicolio alle gambe
  • Perdita di controllo degli sfinteri anale e vescicale (raro)
  • Progressiva acutizzazione del dolore
  • Sensazione di aghi che pungono la pelle della gamba

Il dolore caratteristico della sciatica tende a comparire in una sola metà del corpo; tuttavia, non mancano i casi in cui la sciatica si manifesta in entrambe le gambe.

Diagnosi

Dall'anamnesi del paziente, associata ad un attento esame fisico, emerge il quadro clinico tipico della sciatica: dolore, torpore, debolezza e riflessi muscolari deboli.
Come analizzato, la sciatalgia è un sintomo che accomuna più patologie differenti. A partire da questo presupposto, è comprensibile come sia fondamentale imbastire la diagnosi nell'ottica di individuare il fattore eziologico. A tale scopo, si procede con più test diagnostici:

Farmaci e trattamenti

La cura migliore per la sciatica dipende dalla causa che l'ha originata. Talvolta, è raccomandato il riposo forzato associato alla modifica di alcune abitudini comportamentali e posturali.
Un dolore sciatico di lieve entità può essere allontanato semplicemente mediante la somministrazione di farmaci antidolorifici oppure seguendo un programma fisico-riabilitativo.


Le pratiche riabilitative includono esercizi utili per:

  • Sostenere la schiena
  • Correggere la postura
  • Irrobustire la muscolatura
  • Migliorare la flessibilità del rachide (resa difficoltosa a causa del dolore esercitato sul nervo sciatico)

Alcuni pazienti affetti da sciatalgia più grave necessitano di corsetti, stampelle o tutori, utili per alleggerire il dolore.
Quando il dolore sciatico dipende dall'ernia ad disco, è doveroso intraprendere una terapia volta a correggere o controllare l'ernia discale. La terapia più immediata consiste nella somministrazione di FANS, corticosteroidi o miorilassanti. In altri casi, quando il dolore sciatico diventa insopportabile, è pensabile un intervento chirurgico di discectomia.
Per la cura della sciatica sono disponibili anche terapie alternative, quali osteopatia, chiropratica ed ultrasuono-terapia.


1 2 3 >>