Pinzimonio

Pinzimonio nella storia

Già nei tempi più antichi, il pinzimonio era una pratica alimentare molto diffusa: un trionfo di colori garantiti dalle verdure più disparate, che decoravano a regola d'arte grandi vassoi da portata. Probabilmente, in passato, il ruolo del pinzimonio era puramente decorativo, perciò ben diverso dall'uso attuale: nei giorni nostri, il pinzimonio funge da ottimo antipasto, leggero e nel contempo appetitoso.

Cos'è il pinzimonio?

pinzimonioPer chi, ancora, non avesse capito di cosa stiamo parlando, il pinzimonio indica una salsina composta da una miscela d'olio extravergine d'oliva, sale, pepe nero (o bianco) ed, eventualmente, aceto o limone (a chi piace), preposta ad intingervi verdure crude accuratamente lavate e tagliate a listarelle sottili o a pezzetti cuboidali. In alcuni paesi, il classico pinzimonio assume una connotazione ancor più gustosa: il mix di olio, sale e pepe viene sostituito con maionese o salsa allo yogurt, spesso mescolata con prezzemolo.
Il trionfo di cui parlavamo rimane comunque ma, a differenza del passato, il pinzimonio non assume solamente una funzione decorativa.

Come si prepara

La preparazione del pinzimonio risulta piuttosto semplice. Anzitutto la salsa viene preparata con olio extravergine d'oliva, sale, pepe e limone o aceto: il tutto viene mischiato energicamente per formare un'emulsione. Dopo la preparazione della salsina, si procede con quella delle verdure, che possono cambiare in base alla stagione: infatti, sono preferibili gli ortaggi di stagione, cosicché il pinzimonio risulti fresco, e le verdure croccanti e nel contempo tenere e dolci.
Le verdure sono tagliate a listarelle o a cubetti, e poste in un unico piatto da portata oppure in più ciotole di dimensioni ridotte, una per ogni commensale.
Tre le verdure principe non possono mancare le carote, il sedano, i finocchi, i peperoni ed i pomodori; alcuni azzardano anche le zucchine crude, che ben si sposano con il pinzimonio alternativo, preparato con la maionese. Anche i cipollotti, i cuori di carciofo, il radicchio ed i cetrioli possono far parte del pinzimonio, chiaramente rispettando la stagionalità.

 

Segui la nostra Video Ricetta sul pinzimonio di verdure




Pinzimonio e proprietà

Il pinzimonio, oltre a saziare senza appesantire, nasconde anche molteplici proprietà:

  • La salsa del pinzimonio è costituita da olio extravergine d'oliva (acidità non superiore allo 0,8%): come sappiamo, è fonte di grassi monoinsaturi, tra cui l'acido oleico. Proprio per questo motivo è utilissimo per tenere sottocontrollo i livelli di colesterolo nel sangue. Non a caso, l'olio extravergine d'oliva è consigliato a chi soffre di ipercolesterolemia. Da considerare anche le sue proprietà epatoprotettrici, antinfiammatorie, lassative ed anti-ulcera gastrica.
  • Uno degli ingredienti cardine del pinzimonio è il sedano (Apium graveolens), ottimo diuretico, rinfrescante, aperitivo e digestivo. Da non dimenticare pure la sua potente azione rimineralizzante, antipertensiva ed ipocolestrolemica.
  • Anche le carote (Daucus carota), nel pinzimonio, giocano un ruolo importantissimo: sono anzitutto una miniera di sali minerali e vitamine, oltre ad abbondare in riserve zuccherine. La carota è ricordata anche come diuretico, digestivo e carminativo.
  • Il finocchio (Foeniculum vulgare), nel pinzimonio, potenzia le azioni digestive, diuretiche, carminative e rimineralizzanti anticipate da sedano e carota. Inoltre, il finocchio è utile in caso di gotta, inappetenza, astenia, flatulenza, oltre ad essere un alleato nella regolarizzazione del ciclo mestruale femminile, per la sua ricchezza in flavonoidi ed in fitoestrogeni. Utilissima la funzione di disintossicazione epatica associata al finocchio.
  • Il peperone (Trialeurodes vaporariorum), oltre a decorare il pinzimonio di giallo, rosso o verde, è una miniera di vitamina C, potente antiossidante. Oltre a questo, il peperone esercita la sua azione come digestivo e stimolante la digestione gastrica. Sfortunatamente non mancano le controindicazioni legate al peperone: per la cospicua quantità di capsicina, il peperone può risultare indigesto, ed è sconsigliato per chi soffre di ulcera gastrica o di bruciore di stomaco perché, stimolando la digestione, tende ad inacidire il pH gastrico.
  • Anche il pomodoro (Solanum lycopersicum), con il suo bel colore rosso, rallegra le composizioni di pinzimonio: più precisamente, per la sua forma e la sua “praticità d'uso”- se così si può dire – il pomodorino prende il posto del classico pomodoro nella realizzazioni del vassoi di pinzimoni. Chiaramente antiossidante per la ricchezza in licopene, il pomodoro è altresì un ottimo alimento stimolante la digestione salivare e gastrica, diuretico ed ipocolestrolemizzante. Sfortunatamente, il pomodoro è un alimento potenzialmente allergizzante: a tal proposito, le persone sensibili o allergiche, devono resistere ai pomodorini, che vivacemente rallegrano il pinzimonio.

Riassunto

Pinzimonio: per fissare i concetti


Pinzimonio: tra passato e presente Passato: pinzimonio → funzione puramente decorativa
Presente: pinzimonio → ottimo antipasto, leggero ma gustoso
Pinzimonio: salse Classica: olio extravergine d'oliva, sale, pepe ed eventualmente limone o aceto
Saporita: aggiungere maionese
Sfiziosa: aggiungere salsa yogurt e prezzemolo
Pinzimonio: verdure Rigorosamente fresche e di stagione:
  • Carote → diuretico, digestivo e carminativo
  • Finocchio → digestivo, diuretico, carminativo, epatoprotettivo
  • Sedano → diuretico, rinfrescante, aperitivo, digestivo,  rimineraliz-zante, antipertensivo ed ipocolestrolemico
  • Peperoni → antiossidante, digestivo e stimolante della digestione gastrica MA indigesto (capsicina) e irritante della mucosa gastrica
  • Pomodori → antiossidante, stimolante della digestione, diuretico MA allergizzante
  • Zucchine crude → ottime accompagnate con una salsa maionese
  • Cipollotti (non sempre graditi)
  • Cuori di carciofo → di stagione
  • Servite in ciotoline o in piatti da portata
Pinzimonio e proprietà
  • Sazia senza appesantire
  • Diuretico
  • Rimineralizzante
  • Vitaminizzante
  • Digestivo
  • Carminativo
  • Fonte di grassi monoinsaturi (salsa) → utile per tenere sotto controllo colesterolo, ulcera, funzionalità epatica, transito intestinale