Metodo Billings: vantaggi e svantaggi

Metodo Billings

Il metodo Billings è uno strumento naturale per la pianificazione della fertilità femminile. Osservando le caratteristiche del muco cervicale, Metodo Billings - Muco Cervicaleil metodo Billings permette alla donna di comprendere quali sono i suoi giorni fertili, ovvero il periodo più fecondo e più adatto per concepire. Quando utilizzato a fini contraccettivi, il metodo Billings permette invece di conoscere in quali giorni astenersi da rapporti sessuali non protetti (per evitare una gravidanza).
Il metodo Billings è dunque uno strumento di controllo delle nascite perché la coppia può decidere di utilizzarlo non solo per evitare una gravidanza indesiderata, ma anche e soprattutto per programmarla.

Cosa fare se...

  1. ...una coppia desidera un figlio. Il metodo Billings permette alla donna di identificare i giorni di massima fertilità; pertanto, la coppia che desidera una gravidanza dovrebbe consumare rapporti completi nei giorni in cui il muco cervicale appare fluido e filamentoso.
  2. ...una coppia non desidera una gravidanza. Il metodo Billings può essere interpretato al contrario: per evitare una gravidanza, la donna dovrebbe astenersi da rapporti sessuali non protetti quando il muco cervicale è fluente ed appiccicoso. In alternativa, durante questi giorni "ad alto rischio", è possibile avvalersi di metodi contraccettivi differenti e più affidabili (es. preservativo).

Vantaggi

Visto in chiave contraccettiva, il metodo Billings - che rientra tra le forme di contraccezione naturale - è ammesso dalla Chiesa. Per molte donne e uomini religiosi, il "consenso" della Chiesa spinge la coppia ad avvalersi regolarmente di questo metodo per prevenire una gravidanza poco gradita. Per altre coppie, vivere la sessualità senza pregiudizi morali o religiosi favorisce una maggior intesa all'interno del rapporto stesso. Con il metodo Billings, la coppia vive responsabilmente l'atto procreativo, all'interno di uno scenario d'amore per la vita e di rispetto per la religione.
Il metodo Billings costituisce un discreto aiuto anticoncezione (o pro-concezionale) durante tutto il periodo fertile della donna: allattamento, premenopausa, periodo post parto, dopo un aborto, nel periodo di sospensione della pillola estro progestinica o della spirale IUD ecc..
Il metodo Billings - che richiede un'ottima conoscenza e padronanza del proprio corpo - aiuta la donna a comprendere al meglio ogni segnale che l'organismo le invia. Un'alterazione del muco cervicale, per esempio, può essere interpretata dalla donna come spia accesa di un disturbo intimo allo stadio iniziale, permettendo così alla stessa un intervento terapeutico immediato.
Il metodo Billings, essendo completamente naturale, è privo di controindicazioni e non presenta i tipici effetti indesiderati di alcuni contraccettivi ormonali (alterazioni del ciclo mestruale e dell'umore, aumento di peso, stato di salute generale...); purtroppo, però, il grado di protezione da gravidanze indesiderate non è altrettanto elevato.

Svantaggi

Il metodo anticoncezionale Billings non è infallibile perché numerosissimi fattori possono interferire con analisi e valutazione del muco cervicale. Tra questi, ricordiamo:

In presenza di uno o più di questi fattori, la donna può confondere i giorni meno fertili con quelli più fecondi.


In simili circostanze, il metodo Billings può fallire perché la donna non interpreta correttamente le caratteristiche del muco cervicale.


Altro svantaggio non trascurabile è che il metodo Billings NON è indicato per i rapporti occasionali, dato che non protegge in alcun modo da malattie sessualmente trasmesse.
La stessa pratica contraccettiva Billings non è indicata per le giovani donne che hanno appena aperto le porte alla sessualità. In questo caso, il metodo Billings è sconsigliato perché le giovanissime non conoscono ancora perfettamente il proprio corpo.
Ricordiamo infine che, per sfruttare il massimo dell'efficacia contraccettiva del metodo Billings, la coppia dovrebbe astenersi dai rapporti non protetti per 14-17 giorni ad ogni ciclo.

Efficacia anticoncezionale

Se paragonato a metodi contraccettivi barriera, ormonali od impiantabili, il rischio di fallimento del metodo Billings è estremamente alto (3-22%). Adottando ulteriori accorgimenti, è però possibile aumentare l'efficacia contraccettiva del metodo Billings:

  • Metodo sintotermico. Si basa sulla valutazione combinata di più elementi:
    • cambiamenti del muco cervicale (Metodo Billings)
    • variazione della temperatura corporea durante il ciclo (altra pratica contraccettiva naturale)
    • modificazioni fisiologiche della cervice uterina (rilevabili mediante autopalpazione della cervice)
      Normalmente, 3 giorni prima e 3 giorni dopo il picco massimo della temperatura basale, il muco cervicale si presenta particolarmente filamentoso e fluido, e la cervice uterina risulta soffice e dilatata. In questo lasso di tempo, per evitare la gravidanza, la coppia dovrebbe astenersi dai rapporti non protetti.
  • Metodo Billings + coito interrotto: anche in questo caso, i due metodi contraccettivi sono ammessi dalla Chiesa. Il coito interrotto prevede l'immediata e tempestiva interruzione del rapporto sessuale qualche istante prima dell'eiaculazione. Durante questi istanti, l'uomo deve preoccuparsi di dirigere l'eiaculato lontano dai genitali esterni della donna.
  • Metodo Billings + contraccettivo barriera. In questo caso, l'abbinamento di un metodo naturale (Billings) con uno strumento contraccettivo meccanico (preservativo femminile, condom, diaframma, cappuccio cervicale) protegge efficacemente da gravidanze indesiderate. Nonostante quanto affermato, la duplice protezione "naturale + meccanica" non è ammessa dalla Chiesa. Tuttavia, la coppia può decidere liberamente se avvalersi di pratiche contraccettive più affidabili o meno.

In conclusione, più che uno strumento contraccettivo per prevenire gravidanze indesiderate, il metodo Billings dovrebbe esser interpretato dal punto di vista opposto. Difatti, il metodo Billings si rivela un ottimo strumento per comprendere quali sono i giorni potenzialmente più fecondi della donna.



Ultima modifica dell'articolo: 14/03/2016