Mercurius Solubilis

Che cos'è

Il Mercurius solubilis - anche noto come "Mercurius vivus" e talvolta semplicemente abbreviato in "mercurio" - è un rimedio omeopatico largamente impiegato nel trattamento di disturbi che interessano diversi distretti corporei, come l'apparato digerente, le vie respiratorie superiori, i denti o le articolazioni.
Mercurius solubilisQuesto rimedio omeopatico si ottiene a partire dal mercurio (il ben noto metallo liquido a temperatura ambiente) mediante un procedimento lungo e laborioso. In commercio, il rimedio Mercurius solubilis è reperibile sotto forma di gocce o globuli a diverse concentrazioni. La scelta di utilizzare una concentrazione piuttosto di un'altra dovrebbe essere effettuata dal medico omeopata, poiché dipende dal tipo di disturbo che si necessita trattare.
Nel corso di quest'articolo verranno illustrate le principali caratteristiche di questo rimedio omeopatico e i principali disturbi per i quali il suo impiego risulta indicato.


Attenzione!

Le pratiche omeopatiche non sono accettate dalla scienza medica, non sono state sottoposte alle verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Pertanto, potrebbero rivelarsi inefficaci o perfino dannose per la salute.
Non a caso, sulle confezioni dei prodotti omeopatici vi è l'obbligo per legge di apporre la dicitura "senza indicazioni terapeutiche approvate".

Preparazione

Preparazione del Rimedio omeopatico Mercurius Solubilis

Il rimedio omeopatico Mercurius solubilis si ottiene mediante una preparazione piuttosto complessa e laboriosa.
Secondo la Farmacopea Omeopatica Tedesca, tale rimedio si prepara sciogliendo 10 parti di Hydrargyrum nitricum oxydulatum (o Mercurius nitricus oxydulatus, un altro rimedio omeopatico) in una soluzione di 88 parti di acqua purificata e 2 parti di acido nitrico R. Dopodiché, è necessario portare la soluzione a pH 7 mediante l'uso di ammoniaca. Il precipitato che si forma dev'essere immediatamente filtrato, "asciugato" con parecchi strati di carta da filtro e posto ad essiccare in essiccatore, al riparo dalla luce, per almeno 24 ore.
Dalle lavorazioni successive di questo precipitato si otterrà poi il rimedio omeopatico in diverse diluizioni.


Curiosità

Il rimedio Mercurius solubilis gode di una grande fama nel mondo dell'omeopatia. Difatti, in molti sostengono che il dottor Hahnemann (padre dell'omeopatia) iniziò i suoi studi sulle dosi infinitesimali proprio partendo dal mercurio che - all'epoca in cui visse il medico tedesco - era largamente impiegato (sotto forma di nitrato) nel trattamento della sifilide, nonostante i suoi pesanti effetti tossici.

Indicazioni

Principali Indicazioni del Rimedio Mercurius Solubilis

Secondo il principio base dell'omeopatia de "il simile cura il simile", il Mercurius solubilis è considerato il rimedio d'eccellenza contro tutti quei disturbi che portano alla formazione di secrezioni maleodoranti e brucianti, ma non solo. L'omeopatia, infatti, ritiene tale rimedio utile anche in numerose altre situazioni, quali:

Oltre ai suddetti disturbi di tipo fisico, il rimedio Mercurius solubilis può essere utilizzato anche in caso di disturbi dell'umore e del comportamento, quali stati di agitazione, paura, collera e irascibilità.

Il tipo Mercurius Solubilis

Caratteristiche del tipo caratteriale Mercurius Solubilis

Il tipo caratteriale Mercurius solubilis è solitamente di sesso femminile, ha una carnagione molto chiara, occhi azzurri e capelli biondi. È un tipo agitato, parla e si muove velocemente (come l'argento vivo, nome volgare con cui un tempo veniva definito il mercurio).
Il tipo Mercurius è una persona emotivamente insicura, sospettosa nei confronti altrui, non ama essere criticato ed è soggetto ad attacchi d'ira. È piuttosto incostante e tende a cambiare opinione e stile di vita di frequente. In questi casi, perciò, il rimedio Mercurius solubilis è in grado di favorire il ristabilirsi di calma e stabilità.
Oltre a ciò, il tipo Mercurius è molto sensibile al caldo e al freddo, tende a sviluppare con facilità infiammazioni a carico delle mucose ed ulcere e tende ad avere salivazione e sudorazione notturna abbondanti.

Modo d'uso

La scelta della diluizione da impiegare e la frequenza con la quale assumere il rimedio omeopatico devono essere stabilite dal medico omeopata su base strettamente individuale, poiché dipendono dal tipo di disturbo che si deve trattare, dalla sua gravità, dai sintomi manifestati e dalle caratteristiche dello stesso paziente.
Ad ogni modo, in linea generale, si ritiene che basse diluizioni (4-5 CH) di Mercurius solubilis siano utili per favorire la suppurazione; mentre alte diluizioni (come, ad esempio 30 CH) siano utili per diminuirla.
Dopo l'inizio del trattamento, la posologia può essere aggiustata in funzione della riposta del paziente alla stessa terapia.

Gravidanza e Allattamento

Il Rimedio Mercurius Solubilis può essere utilizzato in Gravidanza e durante l'Allattamento?

Dal momento che i prodotti omeopatici sono estremamente diluiti, la concentrazione di "sostanze attive" (in questo caso il mercurio) è infinitesima, se non nulla. Pertanto, in linea teorica, l'uso di simili prodotti durante la gravidanza e l'allattamento non dovrebbe arrecare danni né al feto/bambino, né alla madre.
Tuttavia, le donne in gravidanza e le madri che allattano al seno, prima di assumere qualsiasi medicinale o sostanza (inclusi i prodotti omeopatici come il Mercurius solubilis), dovrebbero chiedere SEMPRE il parere del proprio medico o ginecologo.



Ultima modifica dell'articolo: 05/11/2017

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ