Ginestra in breve, Riassunto sulla Ginestra

Scorri la pagina verso il basso per leggere la tabella riassuntiva sulla ginestra

 

Ginestra Emblema della natura maligna → resistenza e capacità di adattamento in luoghi aridi: oggetto di opere poetiche straordinarie (es. Leopardi)
Ginestre: gruppo di piante cespugliose con i fiori gialli profumati
Ginestra, simbologia e tradizione Romani e Greci → ginestre: piante gradite per attirare le api (miele)
Bibbia → le fronde della ginestra percosse dal vento hanno disturbato Gesù
Simbologia → ginestra: umiltà e modestia
Sinonimo → frusta di Cristo (rami appuntiti della pianta)
Ginestra: generi e specie Famiglia: Leguminose Papilionacee
Generi molto diversi:
  • SpartiumS. junceum: modello di riferimento
  • Genista → ginestrella o Genista tinctoria
  • UlexU. europaeus o ginestrone
  • Cytisus → G. dei carbonai
  • Sarothamnus
  • Coronilla
  • Colutea
Ginestra: elementi comuni a tutti i generi e specie
  • Portamento arbustivo-cespuglioso
  • Fiori gialli profumatissimi
  • Foglie tendenti a cadere precocemente
  • Rami nudi ed affilati
Ginestra: Spartium junceum Modello di riferimento per le ginestre
Descrizione: arbusto tipico delle regioni meridionali d'Italia
Foglie: assenti (afilia)
Rami: flessibili, nudi, particolarmente ramificati e generalmente senza foglie
Infiorescenze gialle, emananti una profumazione intensa
Fusto: eretto e scopiforme, ricchissimo in clorofilla → le foglie delegano al fusto la funzione clorofilliana
Semi: velenosi per la presenza di citisina (alcaloide)
Essenze che caratterizzano il fitocomplesso: Alcaloidi chinolizidinici, soprattutto citisina, flavonoidi, saponine
Ginestra dei carbonai: Cytisus scoparius Descrizione: pianta tipica del Nord Italia (aree collinari e montane)
Particolarità: rami  scanalati longitudinalmente + foglie costituite da gruppetti di tre foglioline nella parte bassa dei rami
Foglie: cadono precocemente
Fiori: (all'ascella delle foglie) color giallo dorato, molto profumati
Essenze che caratterizzano il fitocomplesso: Alcaloidi chinolizidinici (sparteina e lupanina), Amine biogene (tirosina, tiramina, dopamina)
Ginestra: olio essenziale Essenza → molecole alcaloidee, flavonoidi, saponine ed amine biogene
Processo estrattivo ed essenze: estrazione con esano + distillazione
Ottenimento di “concreta” (1° distillazione) → “assoluta” (ulteriore raffinazione)
Impieghi dell'olio essenziale di ginestra Profumeria: intensificare il profumo di alcune miscele
Ambito alimentare: arricchire marmellate di frutta
Matrice 1 tonnellata di fiori di ginestra → 1-2 kg di concreta e 0,5-1,2 kg di assoluta
Ginestra: impieghi fitoterapici Proprietà ginestra comune: Proprietà ginestra dei carbonai: Proprietà ginestrone:
  • Antinfiammatorie
  • Spasmolitiche
  • Tranquillanti
  • Utili nel trattamento dei disturbi legati all'affaticamento cardiaco
  • Proprietà antielmintiche (semi, tossici)
  • Consigliato per alleggerire disturbi epatici, tosse ed asma (decotto di fiori)
  • Rientra tra i fiori di Bach → trattamento della rassegnazione
Ginestra: effetti collaterali L'impiego dell'estratto di ginestra è :
  • vietato per le gestanti
  • sconsigliato nei soggetti affetti da ipertensione (soprattutto in concomitanza con IMAO)
Assunzione smodata di estratti di ginestra: vomito e diarrea


Ultima modifica dell'articolo: 10/10/2016