Galattorrea

Definizione di galattorrea

La galattorrea indica una secrezione sierosa o lattescente da un capezzolo (o da entrambi), che si verifica nella donna al di fuori del periodo dell'allattamento (galattorrea non puerperale). Questo secreto lattiginoso anomalo, tipico della galattorrea, appare molto simile al colostro (il "primo latte" prodotto dalle ghiandole mammarie nell'immediato post partum).

Incidenza

La galattorrea è fisiologica quando la secrezione lattea continua, nella madre che allatta, nei mesi successivi al parto: la perdita sierosa mammaria potrebbe avvenire in seguito ad una spremitura del capezzolo, ma anche spontaneamente.galattorrea
Le secrezioni lattescenti possono essere di diversa entità: alcune donne lamentano una produzione abbondante e copiosa simile al latte, anche alcuni anni dopo il parto, pur non presentando patologia alcuna. Per altre donne, invece, la secrezione lattiginosa dal capezzolo è modesta ed evocabile dalla mera spremitura della mammella.
Considerando che circa il 10% dei tumori al seno esordisce con secrezioni dal capezzolo, è buona abitudine rivolgersi al medico già dai primi sintomi, ad esclusione, ovviamente, delle donne in allattamento.
Pur considerando la galattorrea un fenomeno esclusivamente femminile, il disturbo è stato riscontrato anche in alcuni uomini (condizione pressoché rara): nel maschio la galattorrea si manifesta non solo con la secrezione lattiginosa dai capezzoli, ma si accompagna frequentemente a cefalea, calo della libido, possibile impotenza ed offuscamento della vista.

Disturbi correlati

La galattorrea può essere confusa, talvolta, con secrezioni mammarie di diversa natura (perdite purulente, ematiche) che non rispecchiano modulazioni endocrine e che meritano un'ispezione medica più approfondita.
La galattorrea, spesse volte, è riscontrabile nelle donne affette da amenorrea, iperprolattinemia, ipotiroidismo, dispareunia, infertilità, oligomenorrea, tumori ipofisari ed iperandrogenismo.

Classificazione

In base al modo in cui viene secreta la sostanza lattiginosa, la galattorrea può definirsi intermittente o continua, spontanea o indotta (dalla spremitura del capezzolo), e bilaterale od unilaterale.
Inoltre, è opportuno distinguere la galattorrea associata ad amenorrea dalla galattorrea che si presenta nelle donne con mestruazioni regolari: la ricerca eziologica e la conseguente terapia risolutiva sono infatti diverse. Dalle statistiche mediche, emerge che l'80% delle donne affette da galattorrea soffre anche di notevoli ritardi mestruali (sindrome amenorrea galattorrea); quando  la galattorrea si presenta in concomitanza all'amenorrea, probabilmente, la donna è affetta anche da iperprolattinemia e/o ipotiroidismo.
Nei casi in cui la galattorrea si manifesta senza irregolarità mestruali consistenti, le secrezioni lattiginose dai capezzoli sono, in genere, dovute all'assunzione di farmaci (antidepressivi triciclici, oppioidi, pillola anticoncezionale, farmaci neurolettici - es. fenotiazine, antistaminici,cimetidina, alcuni antipertensivi), associati a condizioni di stress e ad alterazioni dei valori di prolattinemia.
Si stima che l'iperprolattinemia si presenti nel 30% delle donne affette da galattorrea; in questi casi, si parla di galattorrea da iperprolattinemia, che può essere correlata o meno ad un'insufficienza tiroidea. L'aumento della prolattina è causa di galattorrea, ma potrebbe provocare anche disturbi mestruali e, nei casi più gravi, infertilità. La galattorrea è il primo campanello d'allarme per un'alterazione della sintesi di prolattina, che si può verificare anche indipendentemente dalla variazione dei livelli ormonali nel sangue; diversamente, è stato stimato che solo il 16.5% delle donne affette da iperprolattinemia soffre anche di galattorrea (in altri numeri ed in altre parole, una donna su 6 affetta da iperprolattinemia presenta anomale secrezioni lattiginose dalle mammelle). [Trattato di diagnostica funzionale endocrinologica, D. Andreani, G. Menzinger, D. Andrean ].
Le secrezioni lattee tipiche della galattorrea possono essere fermate attraverso la correzzione del valore degli ormoni alterati nel sangue.
Nei casi sopra citati di galattorrea indotta da terapie farmacologiche/ormonali, si è verificato un aumento della prolattimenia: questa evidenza rimarca quanto possano incidere i valori di prolattina nella manifestazione della galattorrea.

Sindrome galattorrea amenorrea

Abbiamo visto che la galattorrea è spesso correlata all'amenorrea (sindrome amenorrea-galattorrea): a tal proposito, sono state classificate tre sotto-categorie, corrispondenti, a loro volta, ad altre sindromi.

  • Nella sindrome di sindrome di Forbes-Albright, l'associazione galattorrea-amenorrea è favorita da un adenoma ipofisario noto come adenoma cromofobo;
  • Nella sindrome di Chiari-Frommel, la galattorrea e l'amenorrea perdurano anche molti mesi dopo la gravidanza;
  • La sindrome di Ahumada-del Castillo prevede la connessione tra i due disturbi (amenorrea, galattorrea) indipendentemente dalla gravidanza.

Diagnosi e terapie

Considerando che il livello di prolattina influisce notevolmente sulla galattorrea, è comprensibile che il dosaggio dell'ormone risulti di fondamentale importanza diagnostica; inoltre, è opportuno effettuare un'indagine sul dosaggio degli ormoni tiroidei liberi e sull'ormone tireostimolante (TSH).

La terapia della galattorrea consta nella rimozione dei fattori scatenanti, per cui l'equilibrio ormonale risulta indispensabile; tuttavia, anche la somministrazione di farmaci dopaminergici potrebbe correggere l'iperprolattinemia, di conseguenza risolvere la galattorrea.

Riassunto

Per fissare i concetti…

 

Disturbo

Galattorrea

Descrizione

Una secrezione sierosa o lattescente da un capezzolo (o da entrambi), che si verifica nella donna al di fuori del periodo dell'allattamento (galattorrea non puerperale)

Galattorrea fisiologica

La galattorrea è fisiologica quando la secrezione lattea continua nella madre che allatta nei mesi successivi al parto

Incidenza

Prevalentemente femminile, ma non mancano le eccezioni maschili

Galattorrea nell'uomo

Secrezioni lattiginose dai capezzoli, frequente cefalea, calo della libido, possibile impotenza ed offuscamento della vista

Malattie correlate

Amenorrea, iperprolattinemia, ipotiroidismo, dispareunia, infertilità, oligomenorrea, tumori ipofisari ed iperandrogenismo

Classificazione

La galattorrea può definirsi: intermittente o continua, spontanea o indotta (dalla spremitura del capezzolo) e bilaterale od unilaterale.

Ulteriori classificazioni

Galattorrea da iperprolattinemia
Sindrome amenorrea galattorrea

Fattori predisponenti

Assunzione di farmaci (antidepressivi triciclici, oppioidi, pillola anticoncezionale, farmaci neurolettici, antistaminici, alcuni antipertensivi), stress e ad alterazioni dei valori di prolattimemia

Terapia per risolvere la galattorrea

Controllo della prolattinemia
Valutazione della quantità di ormoni tiroidei e dell'ormone TSH
Equilibrio ormonale
Somministrazione di farmaci dopaminergici