Ernia Cervicale

Punti chiave

L'ernia cervicale consiste nella fuoriuscita di materiale gelatinoso dal nucleo polposo di un disco intervertebrale situato nel tratto cervicale. A seguito dell'erniazione, si viene a formare una sorta di protuberanza del disco intervertebrale che comprime le radici nervose dirette ad un braccio e/o il midollo spinale.

Cause
I traumi cervicali costituiscono la principale causa di ernia cervicale; tra questi ricordiamo: aumento dei carichi sul rachide, colpo di frusta, inclinazione delle vertebre, indebolimento del disco causato dall'invecchiamento, spondilosi cervicale.


Sintomi
Il sintomo principale dell'ernia cervicale è il dolore al collo (cervicalgia) che tende ad irradiarsi lungo il braccio (brachialgia). Il dolore può essere affiancato da sintomi secondari: debolezza degli arti superiori, formicolii alle braccia, mal di testa e compromissione del midollo spinale (mielopatia).


Diagnosi
Un'ernia cervicale viene confermata da più test diagnostici: TC, RMN, radiografia del collo, mielografia, discografia, elettromiografia.


Trattamento e terapia

  1. Terapia conservativa (indicata per le ernie lievi) → assunzione di FANS, corticosteroidi, rilassanti muscolari, utilizzo del collare cervicale, fisioterapia
  2. Terapia chirurgica (per le forme gravi di ernia cervicale) → discectomia anteriore e posteriore


Definizione di ernia cervicale

L'ernia cervicale (o ernia discale cervicale) è definibile come una sporgenza di un disco intervertebrale del tratto cervicale, che comprime le radici nervose dirette ad un arto superiore e, talvolta, anche il midollo spinale. Pur trattandosi di una malattia benigna, l'ernia cervicale è percepita come un disagio altamente invalidante, dal momento che esordisce con dolore intenso, penetrante e persistente. Il paziente affetto da ernia cervicale necessita pertanto di riposo, l'unica apparente soluzione possibile per placare il dolore.


Un po' di anatomia per capire...


Il rachide cervicale è costituito da 7 vertebre articolate tra loro in modi differenti; queste vertebre vengono identificate con la lettera C, e progressivamente numerate da C1 a C7.
La prima e la seconda vertebra cervicale - denominate rispettivamente atlante ed epistrofeo - costituiscono il rachide cervicale superiore: in questa sede non c'è un disco intervertebrale, pertanto non è possibile che si crei un'erniazione.
Le ernie cervicali possono invece instaurarsi nel rachide cervicale inferiore, costituito dalle rimanenti 5 vertebre (C3-C7).
Ogni disco è formato da:

  • Nucleo polposo, costituito da una sostanza gelatinosa composta dall'88% di acqua
  • Anelli concentrici fibrosi (anulus fibrosus): contengono il nucleo e lo proteggono da movimenti bruschi e da carichi pesanti, impedendo la fuoriuscita della sostanza gelatinosa dal disco
  • Legamenti longitudinali anteriore e posteriore, la cui funzione è rafforzare l'anulus. A livello cervicale, il legamento posteriore deve adempiere ad un'importantissima funzione, ovvero proteggere il midollo spinale. A tale scopo, questo legamento è potente e largo.
  • La rottura dell'anello fibroso determina la fuoriuscita del nucleo polposo dalla propria sede (ernia cervicale).

Ernia Cervicale


L'ernia cervicale si manifesta più frequentemente a livello di C4-C5, C5-C6 e C6-C7.
Ernia CervicaleA differenza delle ernie addominali (es. ernia ombelicale, ernia inguinale ecc.), l'ernia cervicale è un erniazione interna, dunque lo spostamento dei visceri - che avviene all'interno del corpo - non è evidente.

Cause

L'ernia cervicale è causata essenzialmente dalla lacerazione delle fibre di contenimento dell'anello fibroso (che costituiscono la parete del disco).
L'usura e la degenerazione del disco, unitamente ai traumi cervicali, costituiscono le principali cause di ernia cervicale. Più precisamente, il paziente può contrarre un'ernia cervicale nelle seguenti situazioni:

  • Atteggiamento e postura del corpo errati
  • Aumento dei carichi sul rachide
  • Colpo di frusta
  • Deficit muscolari e debolezza dei tessuti legamentosi
  • Inclinazione delle vertebre: la modificazione della normale struttura delle vertebre aumenta il rischio di ernia discale cervicale
  • Indebolimento fisiologico del disco (causato dall'invecchiamento)
  • Sollecitazioni ripetute nel tempo
  • Spondilosi cervicale (malattia degenerativa di un disco cervicale)
  • Vibrazioni sul rachide

Sintomi

Il sintomo principale dell'ernia cervicale è il dolore al collo (cervicalgia), che tende ad irradiarsi lungo il braccio (brachialgia).
ErnieL'ernia cervicale è spesso dolorosissima, tanto che il dolore può compromettere seriamente l'attività lavorativa del paziente che ne viene colpito: il malcapitato, infatti, trova sollievo esclusivamente con il riposo, atteggiamento che - come vedremo successivamente - non sempre è corretto.
Il dolore può essere associato ad eventuali disturbi da compressione delle strutture nervose annesse, collocate nel canale vertebrale (radici nervose e midollo spinale). La pressione esercitata sulla radice del nervo è definita radiculopatia cervicale.
Il dolore cervicale è inoltre affiancato da una serie di sintomi secondari, come:

  • Acutizzazione del dolore roteando la testa e stirando il collo
  • Compromissione del midollo spinale (mielopatia cervicale)
  • Debolezza muscolare del braccio + dolore cervicale persistente (cervicobrachialgia)
  • Deficit motori più o meno gravi (es. paresi)
  • Difficoltà a muovere il braccio
  • Formicolii alle braccia e sensazione di scosse elettriche
  • Ipomobilità dell'arto superiore
  • Mal di testa
  • Sensazione di punture di spilli a livello cervicale

Nei casi più gravi, l'ernia discale invade il canale cervicale, comprimendo dunque il midollo osseo: in simili frangenti, i sintomi dell'erniazione si ripercuotono anche a livello della gamba (mieloradicolopatia).

Dolore Ernia Cervicale

Più in dettaglio...

Ernia cervicale dura e molle


ERNIA CERVICALE MOLLE


Si tratta di erniazioni esclusive del nucleo polposo che si caratterizzano per un'estrusione del disco cervicale nel canale neurale. L'ernia cervicale molle è causata dall'usura e dalla degenerazione del disco, spesso a seguito di eventi traumatici o colpi di frusta.
La variante molle dell'ernia cervicale si riscontra principalmente a livello delle vertebre C6 e C7 (70-80% dei casi diagnosticati di ernia cervicale molle) e tra la C5 e la C6 (20-30%). L'ernia cervicale molle colpisce in particolar modo i soggetti di età inferiore ai 50 anni.
I sintomi più ricorrenti sono:

  • Dolore al collo che s'irradia lungo il braccio
  • Dolore più intenso e penetrante al risveglio
  • Torcicollo
  • Sensazione di rigidità costante a livello cervicale

Molti pazienti paragonano il dolore derivato da un'ernia a livello C5-C6 a quello innescato da un infarto al miocardio.


ERNIA CERVICALE DURA


L'erniazione si caratterizza per una degenerazione del nucleo polposo associata ad un osteofitosi margino-somatica: Ernia cervicale durasi tratta di una condizione patologica contraddistinta dalla presenza di malformazioni ossee a forma di becco od artiglio a livello del margine del corpo vertebrale. L'ernia cervicale dura può essere accompagnata anche da una stenosi (restringimento) del canale neurale dove la radice nervosa esce dal canale vertebrale.
I sintomi tendono ad esordire in modo graduale: i pazienti affetti dalla variante dura dell'ernia cervicale riferiscono un dolore radicolare a cui si associano spesso alterazioni dei riflessi osteo-tendinei e deficit muscolari.


1 2 3 >>