Epididimite

Che cos'è l'epididimite?

Tra le patologie dell'apparato genitale maschile, l'epididimite è catalogata tra i “disturbi dello scroto”: pur essendo una condizione piuttosto sporadica, non dev'essere dimenticata, poiché, come vedremo durante la disquisizione, l'epididimite potrebbe degenerare, dunque creare serie complicazioni.
Il termine epididimite è costituito da un suffisso –ite, desinenza greca che indica un processo flogistico: il prefisso rimanda all'epididimo, quel dotto sottile, lungo ed attorcigliato su se stesso, che congiunge ogni testicolo al proprio dotto deferente. L'epididimite indica quindi un'infiammazione dell'epididimo.

Cause

Il più delle volte, la causa responsabile di epididimite risale ad un'infezione batterica, ma non è raro che in uno status aseptico il paziente lamenti un'infiammazione a carico dell'epididimo [tratto da http://medicinasalute.com/]
epididimiteGeneralmente, l'epididimite provocata da un'infiltrazione batterica (sopratutto E. coli) consegue ad altri disturbi predisponenti, quali prostatiti batteriche od uretriti: a rigor di ciò, è chiaro come questa catena di eventi possa aggravare la condizione preesistente. In caso di prostatite batterica, l'evenienza di epididimite aumenta ancor più quando viene effettuato un massaggio prostatico energico, reo del riversamento retrogrado dei liquidi contagiati tramite il dotto deferente.
Il reflusso di urina all'interno dell'epididimo è la più frequente causa di epididimite chimica, generata da sforzo fisico estremo, sollevamento pesi od altri sport portati all'eccesso.
Altre cause responsabili di epididimite risiedono in malattie veneree, quali. per esempio, la clamidia e la gonorrea; tuttavia, le infezioni da miceti (es. Candida albicans) solo raramente sono collegate alla manifestazione di epididimite.
Ancora, taluni interventi a carico dell'apparato genitale-urinario maschile (es. prostectomia, cateteri ecc.) possono essere una concausa dell'epididimite.
Anche le disfunzionalità renali e vescicali potrebbero essere in qualche modo correlate all'epididimite: basti pensare alle infezioni tubercolari, patologie particolarmente allarmanti: in simili frangenti, quando vengono interessati i reni, i microorganismi patogeni tendono a diffondere tramite le vie urinarie, sino a giungere in prossimità dell'uretra posteriore e della vescica, per poi espandersi a livello prostatico, ai dotti deferenti, agli epididimi ed ai testicoli.
L'epididimite può essere conseguenza della somministrazione di alcune specialità farmacologiche, tra cui l'Amiodarone, farmaco utilizzato nel trattamento dell'aritmia cardiaca: tra gli effetti collaterali possibili si ricorda anche l'infiammazione a livello dell'epididimo, che può essere curata, in questo caso, modulando la posologia del farmaco o sospendendo il trattamento dello stesso. In simili circostanze, è comunque doveroso informare il medico.

 

Cause predisponenti l'epididimite

  • Prostatiti batteriche/uretriti → infiltrazione batterica → infiammazione dell'epididimo
  • Prostatite batterica → massaggio prostatico energico → riversamento retrogrado dei liquidi contagiati tramite il dotto deferente → epididimite
  • Sforzo fisico estremo, sollevamento pesi → reflusso di urina all'interno dell'epididimo → epididimite chimica
  • Clamidia e gonorrea → infiammazione dell'epididimo
  • Infezioni tubercolari → i microorganismi patogeni tendono a diffondere tramite le vie urinarie → epididimite
  • Somministrazione di alcune specialità farmacologiche → effetto collaterale: epididimite

Incidenza

Dall'analisi dei fattori causali predisponenti l'epididimite, si evince che la condizione, in alcuni casi, è trasmessa sessualmente, in altri  invece, è dovuta ad ulteriori fattori, indipendentemente dalla trasmissione venerea.

  1. Si stima che le MST siano le cause più frequenti di epididimite tra i giovani sessualmente attivi; tra i fattori di rischio si ricorda la mancanza di un'adeguata educazione sessuale: alcuni giovanissimi sessualmente attivi, ma ancora inesperti, tendono a cambiare continuamente partner e a consumare rapporti incautamente, senza utilizzare il preservativo. È chiaro che la suddetta condotta sessuale è a rischio per la trasmissione di malattie veneree, e tra queste rientra anche l'epididimite.
  2. Le statistiche mediche registrano che gli anziani e gli omosessuali rappresentano le categorie maschili più soggette ad epididimite generata da infezioni batteriche di natura non sessuale: in simili frangenti, la condizione patologica è predisposta soprattutto dagli interventi chirurgici (catetere od uroscopia) e dall'ingrossamento della prostata (il ristagno dell'urina in vescica favorisce l'infiltrazione batterica). Anche una mancata circoncisione, talvolta, potrebbe favorire l'epididimite, poiché aumenta enormemente la probabilità di infezioni batteriche in seguito ad una igiene intima non del tutto appropriata.

1 2 3 4 5 >>