Denti da latte

Quali sono i denti da latte?

I denti da latte (alias decidui, primari o temporanei) sono i primi denti a svilupparsi e a crescere durante la vita di ogni essere umano.

I denti da latte cominciano a spuntare già intorno al 6° mese di vita ed, entro i 2 anni d'età, il fanciullo esibirà una dentatura completa - seppur provvisoria - composta da 20 dentini da latte (5 per ogni semiarcata). Dopo qualche tempo, intorno ai 6 anni, i denti da latte inizieranno a cadere spontaneamente per lasciare il posto a quelli permanenti.


Denti da latteI denti da latte sono così suddividi per ogni semiarcata dentale:

  • 2 incisivi (1 centrale + 1 laterale)
  • 1 canino
  • 2 molari (chiamati rispettivamente "primo" e "secondo" molare)

I premolari e i denti del giudizio sono assenti nella dentizione da latte

Caduta dei denti da latte

Non è raro osservare qualche "buchetto" nel sorriso dei bambini: questo fenomeno è assolutamente normale, e non ci si deve certo allarmare se, improvvisamente, un dente da latte diviene poco stabile, barcolla e cade.

Età

Numero dei denti e caratteristiche

6° mese

Iniziano a spuntare i primi denti da latte

2° anno

Tutti i 20 denti da latte sono cresciuti

6° anno

Inizio della caduta spontanea dei denti da latte

6°-13° anno

I denti da latte iniziano ad essere sostituiti con denti permanenti → Dentizione mista: il ragazzino presenta denti da latte misti a permanenti

>14° anno

La dentatura permanente è completata: 4 incisivi, 2 canini, 4 premolari e 6 molari sulla mascella ed altrettanti sulla mandibola (per un totale di 32 denti)

È comunque doveroso sottolineare che non sempre la caduta (fisiologica) dei denti da latte è spontanea. Infatti, i bambini sono esperti specializzati in ruzzoloni e capitomboli, tutti fattori che "inspiegabilmente" favoriscono e accelerano i tempi di caduta del dente da latte. Oltre a quanto detto, ricordiamo che i comuni incidenti all'aperto dei bambini sono i nemici più pericolosi per i denti da latte, essendo fattori di rischio per denti scheggiati/rotti.
I denti permanenti, molto più forti e robusti rispetto a quelli da latte, iniziano a spuntare ad un'età compresa tra i 6 ed i 13 anni. Compiuto il 14° anno di vita, il fanciullo - divenuto oramai ragazzino - mostra orgoglioso tutta la dentatura al completo: 4 incisivi, 2 canini, 4 premolari e 6 molari sulla mascella ed altrettanti sulla mandibola.


Curiosità

Non sempre i molari posti alle estremità (noti come "terzo molare" o più semplicemente denti del giudizio) si sviluppano: spesse volte, infatti, accade che uno o più denti del giudizio manchino di spuntare. Diversamente, chi possiede più denti del giudizio, è spesso costretto a sottoporsi ad un intervento di estrazione dentale, dato che questi denti permanenti, spingendo sulla dentatura, possono esser causa di denti storti o malocclusione dentale.


Cura dei denti da latte

È opinione comune che i denti da latte, essendo appunto destinati alla caduta, non debbano essere curati. In realtà, è estremamente importante prevenire eventuali patologie dentali - come ad esempio le carie - per almeno due motivi:

  1. I denti da latte sono più fragili e più facilmente aggredibili rispetto a quelli permanenti; per questa ragione, sono più esposti al rischio d'infezione e dolore
  2. I denti da latte malati, colpiti da processi cariogeni e non curati cadono più velocemente rispetto a quelli sani. La caduta precoce di un dente da latte può ripercuotersi negativamente nel lungo termine, causando problemi di allineamento/occlusione nella bocca del futuro paziente adulto.

Prevenzione delle infezioni dentali

Abbiamo quindi osservato come sia importante prendersi cura dei denti da latte dei bambini.


Ma com'è possibile prevenire carie ed altre patologie dei denti?


Ricordiamo anzitutto che i bambini piccoli non sono in grado di lavarsi i denti da soli; pertanto, è dovere dei genitori prendersi cura dei denti da latte dei propri figli.
Vediamo insieme alcuni consigli pratici, utili per prevenire l'insorgere di carie nei dentini da latte:

  • Iniziare la pulizia del cavo orale alla comparsa del primo dente da latte: in questi casi, è sufficiente passare sul dentino e sulle gengive una garza imbibita di soluzione fisiologica. La pulizia dei dentini, in particolar modo quando eseguita prima del riposo notturno, minimizza il rischio delle cosiddette "carie da biberon"
  • La prima visita odontoiatrica dovrebbe essere eseguita intorno ai 12 mesi di vita del bambino: durante questa visita, il dentista definisce un piano di accurata igiene dentale (utile chiaramente per far capire ai genitori come intervenire sui denti da latte dei propri figli)
  • Se il dentista lo ritiene opportuno, l'alimentazione del bambino va integrata con una supplementazione di fluoro, per rendere i denti da latte più forti e, nel contempo, meno suscettibili alle carie
  • Mantenere un'igiene orale soddisfacente utilizzando spazzolini appositi (diversificati in base all'età del bambino). Cambiare lo spazzolino ogni 2-3 mesi. I bambini piccoli che non sono ancora in grado di utilizzare lo spazzolino, possono strofinare i polpastrelli sulla superficie dei denti da latte, dopo aver posizionato una piccola quantità di dentifricio (specifico per bambini) sul dito
  • Se possibile, allattare il bambino al seno: oltre a prevenire la formazione di carie nei denti da latte, il latte materno rinforza i denti favorendo la rimineralizzazione di calcio e fosforo. Inoltre, il latte materno - a differenza di quello vaccino (di vacca) - aiuta a proteggere lo smalto dei denti da latte
  • Quando il bambino è un po' più grande, i denti da latte dovrebbero essere lavati con un dentifricio arricchito in fluoro
  • Evitare di somministrare al bambino succhi di frutta od altre bevande zuccherate durante la notte: un simile comportamento aumenta il rischio di carie nei denti da latte
  • Il filo interdentale può essere utilizzato anche per rimuovere frammenti di cibo incastrati tra i denti da latte. In tal caso, si consiglia di iniziare ad usare il filo al raggiungimento del 3°/4° anno d'età
  • I denti permanenti molari che sostituiscono i denti da latte possono essere sottoposti a sigillature occlusali per prevenire la formazione di carie nei solchi dei molari. Si tratta di una strategia difensiva che consiste nell'applicazione di una speciale resina bianca sulla superficie dei denti molari (appena sostituiti a quelli da latte). In questo modo, la pasta resinosa protegge i solchi dei denti da processi cariogeni, rendendoli inattaccabili da batteri e placca.
  • Garantire al bambino un'alimentazione sana e regolare, limitando quanto possibile l'assunzione di sostanze zuccherine (atteggiamento utile anche per prevenire il sovrappeso, l'obesità e le malattie metaboliche correlate)
  • Evitare un utilizzo smodato di biberon con liquidi troppo zuccherati (camomilla, tè zuccherati ecc.) e di tettarelle inzuppate di miele o zucchero. Abitudini simili - pur essendo estremamente gradite dal bambino - rappresentano i maggiori responsabili di carie precoci e/o multiple nei denti da latte.
« 1 2 3 4 5 »