Creme Vaginali

Cosa sono

Le creme vaginali sono particolari formulazioni farmaceutiche, appositamente realizzate per poter essere somministrate a livello della mucosa vaginale, al fine di contrastare disturbi di diverso tipo.
Creme VaginaliI principi attivi contenuti all'interno delle creme vaginali, pertanto, variano in funzione della tipologia di affezione che si necessita trattare e - a seconda del principio attivo impiegato - la crema vaginale può essere dispensata con o senza presentazione della ricetta medica.
Ad ogni modo, in caso di disturbi vaginali, prima di ricorrere all'impiego di qualsiasi farmaco (anche se da banco) sarebbe bene chiedere il consiglio preventivo del proprio ginecologo o del medico.

Caratteristiche

Caratteristiche delle Creme Vaginali

Le creme vaginali sono formulazioni farmaceutiche per uso topico.
Come tutte le creme, anche le creme vaginali si compongono di due fasi: una fase acquosa e una fase oleosa. Pertanto, le creme sono delle vere e proprie emulsioni che - a seconda del modo in cui vengono preparate - possono essere distinte in creme idrofile (emulsioni olio in acqua) e in creme idrofobe (emulsioni acqua in olio).
Normalmente, le creme vaginali sono di tipo idrofilo, poiché sono più confortevoli da applicare e non alterano la flora batterica vaginale, cosa che, invece, potrebbe accadere utilizzando creme a base oleosa.

Indicazioni

Per cosa si utilizzano le Creme Vaginali?

Le creme vaginali si utilizzano per il trattamento di disturbi - di natura patologica e non - che interessano la mucosa e l'orifizio vaginale.
A seconda dei principi attivi contenuti, perciò, le creme vaginali possono essere impiegate per il trattamento di:

La scelta del tipo di crema da utilizzare dovrebbe essere effettuata dal medico dopo l'esecuzione di un'adeguata visita e/o di eventuali analisi di laboratorio. Questo perché, talvolta, può accadere che sintomi apparentemente innocui celino, invece, delle patologie di base non ancora diagnosticate.
Ad esempio, il prurito vaginale, in linea di massima, non è un disturbo che desta grosse preoccupazioni, poiché potrebbe derivare da cause non patologiche, come l'uso di detergenti intimi non adeguati o troppo aggressivi. Tuttavia, in alcuni casi, il prurito può rappresentare il sintomo di un'eventuale infezione in corso, per la quale è necessaria la somministrazione di farmaci specifici. Ecco, dunque, che l'intervento del medico risulta fondamentale: l'uso di una semplice crema vaginale contro il prurito, infatti, non può certo risolvere l'infezione, ma anzi può mascherarne i sintomi, ritardandone ulteriormente la diagnosi.

Composizione

Principi Attivi contenuti nelle Creme Vaginali

Come accennato, le creme vaginali possono essere formulate con diversi principi attivi in funzione del disturbo che si necessita trattare.

Lubrificanti e idratanti

I principi attivi lubrificanti e idratanti rappresentano i principali costituenti delle creme vaginali indicate nel trattamento della disidratazione e della secchezza vaginale. Fra le sostanze lubrificanti e idratanti che si possono impiegare nella formulazione, ricordiamo l'acido ialuronico, la vitamina A e alcuni estratti vegetali, come quelli di calendula, lavanda, aloe, altea e arnica. Questi particolari principi attivi, inoltre, possono essere sfruttati anche come coadiuvanti nei processi di guarigione delle microlesioni da attrito della mucosa vaginale.

Anestetici locali

Gli anestetici locali sono impiegati all'interno di creme vaginali indicate per contrastare il prurito che può manifestarsi in seguito ad alterazione della flora batterica vaginale, allergie ai detergenti intimi o al lattice del preservativo, assunzione di contraccettivi orali, infezioni in corso, ecc.
Solitamente, le creme vaginali contro il prurito vanno applicate in corrispondenza dell'orifizio vaginale. L'anestetico locale maggiormente impiegato in questo tipo di preparazioni farmaceutiche è senza dubbio la lidocaina (Vagisil®).

Antibiotici e antimicotici

I principi attivi ad azione antibiotica e antimicotica vengono utilizzati in creme vaginali destinate al trattamento di infezioni, rispettivamente, di tipo batterico e di tipo fungino, che possono causare sintomi come prurito, bruciore, irritazione, perdite vaginali maleodoranti ecc.
Gli antibiotici e gli antimicotici possono essere impiegati sia da soli, sia in associazione nel trattamento di infezioni batteriche complicate da infezioni da funghi o lieviti, e viceversa.
Fra i principi attivi antibiotici solitamente impiegati all'interno delle creme vaginali, ricordiamo il metronidazolo (Meclon®).
Fra i principi attivi antimicotici, invece, ricordiamo il clotrimazolo (Gynocanesten®, Meclon®), l'econazolo (Ecodergin®) e il miconazolo (Miconal®).

Estrogeni

Questi principi attivi possono essere sfruttati per effettuare una terapia estrogenica vaginale e, per tale ragione, vengono incorporati in formulazioni farmaceutiche adatte alla somministrazione in vagina, come compresse, ovuli, anelli e creme vaginali.
In particolare, le creme vaginali a base di estrogeni risultano utili in caso di secchezza indotta da menopausa e in caso di stati atrofici e distrofici vulvari, cervicali e vaginali, indotti da alterazioni dei normali livelli di estrogeni.
Fra gli estrogeni per applicazione topica maggiormente impiegati, ricordiamo il promestriene (Colpotrophine®).


Naturalmente, oltre ai suddetti principi attivi, nelle creme vaginali sono presenti anche diversi eccipienti il cui compito è quello di mantenere le caratteristiche della formulazione e di veicolare adeguatamente le sostanze attive ad essa incorporate.

Applicazione

Come si Applicano le Creme Vaginali?

L'applicazione delle creme vaginali non è un procedimento eccessivamente complicato, poiché questi medicinali sono dotati di appositi applicatori e forniti con adeguate istruzioni per l'uso.
A tal proposito, le fasi di applicazione delle creme vaginali possono essere riassunte in pochi semplici punti:

  • Prima di procedere con l'applicazione è necessario lavarsi accuratamente le mani.
  • Nel caso in cui la crema vaginale sia contenuta in un tubetto multidose, è necessario avvitare l'applicatore (presente nella confezione) al tubetto.
  • Esercitare una lieve pressione sul tubetto così da riempire l'applicatore con la crema vaginale.
  • Svitare l'applicatore dal tubetto, e inserirlo delicatamente e profondamente in vagina.
  • Premere completamente lo stantuffo dell'applicatore così da rilasciare tutta la crema in esso contenuta.
  • Nel caso in cui l'applicatore sia usa e getta, al termine dell'applicazione del medicinale è necessario buttarlo. Nel caso in cui, invece, l'applicatore sia riutilizzabile, al termine della somministrazione del farmaco esso va smontato e accuratamente lavato con acqua tiepida in tutte le sue parti.
  • L'applicazione di creme vaginali in corrispondenza dell'orifizio vaginale, invece, può essere effettuata con le dita eseguendo un leggero massaggio per favorire l'assorbimento del prodotto.

Alcune creme vaginali sono confezionate in contenitori monodose già pronti all'uso e dotati di un proprio applicatore. In questi casi, pertanto, dopo la somministrazione del medicinale, il tubetto monodose può essere gettato nel suo insieme.

Effetti Collaterali

Gli effetti collaterali delle creme vaginali variano in funzione dei principi attivi in esse contenute.
Ad ogni modo, gli effetti indesiderati che più comunemente possono manifestarsi con l'uso di questo tipo di medicinali sono quelli di tipo locale, come bruciore, arrossamento ed eventuali reazioni allergiche in pazienti sensibili.
Da non escludere, tuttavia, la possibile comparsa di effetti secondari causati da un eventuale assorbimento sistemico dei principi attivi contenuti nelle creme vaginali.

Gravidanza e Allattamento

Le Creme Vaginali si possono utilizzare in Gravidanza e Allattamento?

In linea generale, a scopo precauzionale, si sconsiglia sempre l'uso di creme vaginali durante la gravidanza e l'allattamento, a maggior ragione se queste contengono sostanze che possono essere assorbite per via sistemica e/o sostanze che possono danneggiare il feto o il neonato.
Ad ogni modo, in queste circostanze, prima di assumere farmaci di qualsiasi tipo (vaginali e non), è sempre bene chiedere il parere del proprio ginecologo o del proprio medico.

Controindicazioni

Analogamente a quanto detto per gli effetti collaterali delle creme vaginali, anche le controindicazioni possono variare in funzione del principio attivo in esse contenuto.
Ad ogni modo, la controindicazione comune a qualsiasi tipo di crema vaginale riguarda l'uso in caso d'ipersensibilità nota ad uno qualsiasi dei suoi componenti.




Ultima modifica dell'articolo: 19/10/2017

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Igiene nel Medioevo