Congiuntivite Allergica: Cause e Sintomi

Cos'è la congiuntivite allergica?

La congiuntivite allergica è un processo infiammatorio a carico della congiuntiva indotto da un qualsiasi allergene, sia questo una sostanza chimica (es. soluzioni delle lenti a contatto) o naturale (es. pollini).
Congiuntivite AllergicaProbabilmente, la congiuntivite allergica è la più comune reazione d'ipersensibilità di tipo I (allergie IgE mediate) che interessa grossomodo il 20% delle allergie totali.
Malgrado non sia stato ancora identificato un farmaco veramente efficace per curarla, la congiuntivite allergica si può prevenire adottando specifiche misure precauzionali di carattere igienico-comportamentale. Per ridurne i sintomi caratteristici - quali prurito, arrossamento oculare, intolleranza alla luce e gonfiore palpebrale - i farmaci antistaminici e corticosteroidei (colliri/pomate oftalmiche e compresse) sono indubbiamente i più indicati.


Approfondimento
Trattandosi di una forma allergica, anche questo tipo di congiuntivite rappresenta una risposta immunitaria, anomala ed esagerata, dell'organismo al contatto con un allergene.
I sintomi prodotti dalla congiuntivite allergica esordiscono dopo "l'erroneo riconoscimento" di pollini, polveri od altri elementi da parte del sistema immunitario, che li identifica come sostanze potenzialmente pericolose per l'organismo.
Il prurito feroce, la lacrimazione abbondante e l'effettivo edema palpebrale sono dovuti al rilascio di istamina ed altre sostanze vasoattive prodotte dai mastociti (localizzati a livello congiuntivale). Nel loro insieme, queste molecole stimolano la dilatazione dei vasi sanguigni ed irritano le terminazioni nervose; viene così favorita una sovrapproduzione di secreto lacrimale.

Tipi di congiuntivite allergica

Esistono numerosi tipi di congiuntivite allergica, distinti in base a:

  • Modalità d'esordio e sintomi caratteristici: congiuntivite acuta e conica
  • Causa scatenante: congiuntivite allergica stagionale, perenne, atopica, gigantopapillare, da contatto

... IN BASE AI SINTOMI D'ESORDIO


Anzitutto, vanno distinte due forme principali di congiuntivite allergica:

  1. ACUTA: si tratta di una forma orticarioide (provoca sintomi come orticaria e prurito intenso e feroce) che si distingue per un evidente gonfiore palpebrale. Normalmente, i sintomi regrediscono in un tempo relativamente breve.
  2. CRONICA: i sintomi sono meno irruenti ma tendono a persistere per lunghi periodi. A livello congiuntivale, il paziente accusa prurito diffuso, fotofobia, arrossamento ed irritazione locale. Quando si riesce ad isolare l'allergene, è indispensabile evitarne quanto più possibile il contatto; se ciò non fosse possibile, per ridurre i sintomi è consigliabile l'utilizzo di colliri antistaminici e vasocostrittori.

... IN BASE ALLA CAUSA


Esistono poi altri sottotipi di congiuntivite allergica, differenziati in base all'agente causale (allergene) coinvolto:

  1. CONGIUNTIVITE ALLERGICA STAGIONALE: sempre associata alla febbre da fieno, questo tipo di congiuntivite trova spiegazione più plausibile nell'allergia al polline. Si caratterizza per episodi transitori di iperemia (arrossamento oculare), lacrimazione abbondante, edema palpebrale. La cornea non è interessata.
  1. CONGIUNTIVITE ALLERGICA PERENNE: i sintomi caratteristici si manifestano durante l'intero arco dell'anno, in risposta a differenti tipi di allergeni quali in particolare acari della polvere, epitelio di animali domestici (la cosiddetta allergia ai peli di cane o di gatto), muffe ecc..
  2. CONGIUNTIVITE ALLERGICA ATOPICA: anche se relativamente rara, questo tipo di congiuntivite è tipica dei giovani adulti di sesso maschile. Il disturbo coinvolge le palpebre che appaiono screpolate, ispessite e ricoperte di piccole crosticine. In genere, l'allergia non si limita all'occhio: anche le pieghe laterali del collo e la cavità antecubitale (piccola fossa presente nell'articolazione del gomito) possono esserne coinvolte.
  3. CONGIUNTIVITE ALLERGICA GIGANTOPAPILLARE: si tratta di un'allergia congiuntivale tipica dei portatori di lenti a contatto o protesi oculari. Anche i pazienti asmatici, affetti da febbre da fieno o che presentano una certa sensibilità ad allergeni di origine animale presentano un rischio piuttosto elevato di sviluppare congiuntivite gigantopapillare. I sintomi caratteristici d'esordio sono: irritazione, fotofobia, prurito, secrezioni mucose purulente ed intolleranza alle lenti a contatto.
  4. DERMATOCONGIUNTIVITE ALLERGICA DA CONTATTO: è essenzialmente causata da una reazione di ipersensibilità ad alcuni colliri o verso certe sostanze contenute in un cosmetico. In genere, questa forma di congiuntivite fatica a migliorare anche con i normali antistaminici. Per scongiurare le recidive, è indispensabile evitare ogni possibile contatto con l'allergene.

Segni e sintomi caratteristici delle congiuntiviti allergiche

Segni

  • Gonfiore palpebrale
  • Iperemia congiuntivale (occhi rossi)
  • Lacrimazione abbondante
  • Presenza di follicoli

Sintomi

  • Bruciore
  • Orticaria
  • Prurito oculare/perioculare
  • Sensazione di avere granelli di sabbia nell'occhio
  • Starnuti (tipico sintomo della congiuntivite allergica primaverile)

« 1 2 3 4 5 6 7 »