Cocco

Il re dei vegetali

In botanica, il cocco è il frutto di Cocos nucifera (Fam. Arecaceae), la palma da cocco: si tratta di una pianta longeva e possente, tipica dei Paesi a clima caldo-temperato; originaria dell'Indonesia e simbolo delle isole del Pacifico, la palma da cocco viene tuttora largamente coltivata in India, Tailandia, Messico e Brasile.
La palma da cocco si presta a moltissimi scopi: a tal proposito, viene comunemente fregiata dell'appellativo "re dei vegetali".

Descrizione botanica

Palma da CoccoLa palma da cocco è una monocotiledone arborea, robusta, capace di raggiungere anche altezze elevate (30/40 metri). La pianta sopravvive in ambienti ostili, in terreni sabbiosi e sostiene gradi elevati di salinità.
L'intero tronco, colonnare e slanciato, è ricoperto da cicatrici di forma anulare delle foglie cadute e dei racemi; le foglie apicali, pennate e lunghe sino 5 metri, costituiscono una corona. Le infiorescenze, costituite da gruppetti di fiori gialli, sono spadiciformi e racemose. I frutti, invece, sono le noci di cocco, drupe ovali e voluminose, dal peso di 0,5-1,5 chili ciascuna: ogni drupa è avvolta, all'esterno, da un'esocarpo liscio, da un involucro fibroso (mesocarpo) nella parte mediana, mentre l'endocarpo è legnoso e molto duro.
La parte interna, commestibile, è costituita da una polpa bianca dal sapore piacevole, dolce e delicato, contenente il latte di cocco.
Esistono diverse varietà di palme da cocco: le varietà alte sono generalmente molto longeve e sopravvivono anche oltre gli 80 anni. Le palme da cocco nane, come preannuncia il termine stesso, raggiungono altezze nettamente inferiori rispetto alla varietà precedente (max. 12 metri). Esistono, poi, altre varietà di palme da cocco che non s'inseriscono né tra le varietà alte, né tra quelle nane, poiché presentano caratteri peculiari ed intermedi.

Impieghi del cocco

Il cocco si presta a moltissimi scopi: l'acqua contenuta all'interno del frutto, la cosiddetta acqua di cocco, vanta proprietà rinfrescanti, diuretiche e blandamente lassative. Ma non è tutto: il liquido viene utilizzato anche per la preparazione di bevande fermentabili, quali ad esempio i vini di palma. CoccoLa polpa, utilizzata a scopo alimentare, dev'essere consumata fresca; ancora, è utilizzata per estrarre l'olio di cocco oppure per la produzione di farina di cocco.

L'olio di cocco (o margarina), di elevata rilevanza economica, è ricavato dalla mandorla (copra) del frutto: questa rappresenta la matrice per la produzione dell'olio, dato il suo elevato contenuto in termini lipidici (65% di grasso).
Talvolta, l'olio di cocco viene utilizzato anche come mangime per animali: dalla copra, si ottengono infatti sottoprodotti, noti come pannelli di copra, utili a questi fini.
Attraverso l'incisione delle infiorescenze, si ricava una linfa utile per la produzione di aceto di palma, vino, zucchero ed acquavite. Anche le gemme giovani (o cavoli di palma di cocco) possono essere utilizzate per l'alimentazione.
A Tahiti, si ritiene che il latte di cocco sia particolarmente indicato per i malati ed i convalescenti, poiché nutre senza appesantire lo stomaco.
Ad ogni modo, il cocco non viene sfruttato solamente in ambito alimentare: infatti, le fibre del mesocarpo sono utili per realizzare tappeti, corde, cappelli, spazzole e canestri.
L'olio ricavato dal cocco viene utilizzato anche nell'industria cosmetica per la produzione di saponi, schiume e creme da barba, grazie al suo potere schiumogeno. Ancora, il latte di cocco applicato sulla cute sottoforma di creme od unguenti, esplica proprietà emollienti e lenitive, rendendo la pelle morbida ed elastica: a tal proposito, è particolarmente indicato per le pelli secche ed aride.
Della palma da cocco, si utilizza anche il tronco: il legno è utilizzato per la produzione di mobili o, addirittura, per la costruzione di case tipicamente rurali. Anche le foglie sono utilizzate in ambito “edilizio” per la copertura di tetti di capanne.
L'olio di cocco viene utilizzato anche in ambito fitoterapico, per la realizzazione di prodotti antivirali, antifungini, antiprotozoari, antimicrobici ed antisettici (disinfettanti).

Come Aprire e Pulire il Cocco

Aprire e Pulire il cocco... facile a dirsi! Nel video, la nostra personal cooker è alla ricerca della tecnica ideale per aprire e pulire il cocco...




Riassunto

Cocco: in breve

 

Cocco Frutto di Cocos nucifera (Fam. Arecaceae), pianta longeva e possente tipica dei paesi a clima caldo temperato
Appellativo comune del cocco Re dei vegetali
Coltivazione del cocco e della palma da cocco Pianta originaria dell'Indonesia e simbolo delle isole del Pacifico, la palma da cocco viene largamente coltivata in India, Tailandia, Messico e Brasile
Cocco: descrizione botanica
  • Palma da cocco: monocotiledone arborea, robusta, in grado di raggiungere anche altezze elevate
  • Habitat: ambienti ostili, terreni sabbiosi, sostiene gradi elevati di salinità
  • Tronco: colonnare e slanciato
  • Foglie: apicali, pennate e lunghe sino 5 metri (costituiscono una corona)
  • Infiorescenze: racemose, costituite da gruppetti di fiori gialli e spadiciformi
  • Frutti (noci di cocco): drupe ovali e voluminose, dal peso di 0,5-1,5 chili ciascuna
  • Esocarpo della noce di cocco: liscio
  • Mesocarpo della noce di cocco: fibroso 
  • Endocarpo: legnoso e molto duro
  • Parte interna: commestibile, costituita da una polpa bianca dal sapore piacevole, dolce e delicato, contenente il latte di cocco
Cocco: impieghi alimentari Latte di cocco: proprietà rinfrescanti, diuretiche e blandamente lassative. Utilizzato anche per la preparazione di bevande fermentabili, quali ad esempio i vini di palma. Utile per i malati perché nutre senza appesantire lo stomaco (tradizione di Tahiti)
Polpa di cocco: consumata fresca oppure utilizzata per estrarre l'olio di cocco o, ancora, per la produzione di farina di cocco
Olio di cocco (o margarina): ricavato dalla mandorla (copra) del frutto, matrice per la produzione dell'olio di cocco, utilizzato anche come mangime per animali
Dall'incisione delle infiorescenze si ricava una linfa utile per la produzione di aceto di palma, vino, zucchero ed acquavite
Gemme giovani (o cavoli di palma di cocco): utilizzate per l'alimentazione
Cocco: impieghi nella cosmesi Olio di cocco: produzione di saponi, schiume e creme da barba, grazie al suo potere schiumogeno
Latte di cocco: applicato sulla cute sottoforma di creme o di unguenti, esplica proprietà emollienti e lenitive. Indicato per pelli secche ed aride
Cocco: impieghi nella fitoterapia Olio di cocco: sfruttato per la realizzazione di prodotti antivirali, antifungini, antiprotozoari, antimicrobici ed antisettici (disinfettanti)
Cocco: altri impieghi Fibre del mesocarpo: utili per realizzare tappeti, corde, cappelli, spazzole e canestri Tronco della palma da cocco: produzione di mobili o per la costruzione di case tipicamente rurali
Foglie della palma di cocco: utilizzate anche per la copertura di tetti di capanne