Cistite nei Bambini

Generalità

La cistite nei bambini è un disturbo di tipo infiammatorio che può manifestarsi sia nei bambini molto piccoli, sia nei bambini in età scolare. Tale disturbo è caratterizzato da un'infiammazione della parete vescicale, dovuta generalmente a un'infezione di tipo batterico.
Cistite nei BambiniIl principale battere responsabile dell'insorgenza della cistite nei bambini è l'Escherichia coli. Infatti, questo microorganismo costituisce la causa scatenante le infezioni delle vie urinarie in più del 75% dei casi. Ad ogni modo, la cistite può essere causata anche da altri microorganismi Gram-negativi (come, ad esempio, la Klebsiella pneumoniae) o da batteri Gram-positivi, quali alcuni tipi di streptococchi e di stafilococchi.

Epidemiologia

La cistite - e più in generale le infezioni delle vie urinarie - possono colpire sia i lattanti, sia i bambini piccoli, sia i bambini in età scolare.
Come avviene nel caso degli adulti, anche nei pazienti pediatrici l'incidenza della cistite sembra essere maggiore negli individui di sesso femminile piuttosto che in quelli di sesso maschile, in particolar modo al superamento dei quattro anni di età.

Cause

Come accennato, la cistite è un disturbo infiammatorio provocato da un'infezione batterica, sostenuta nella maggioranza dei casi da batteri Gram-negativi (come E. coli, K. Pneumoniae, ecc.), ma che talvolta può essere sostenuta anche da batteri Gram-positivi (come stafilococchi e streptococchi).
Le cause in grado di scatenare la suddetta infezione batterica possono essere di diversa origine e natura, e possono concorrere l'una con l'altra nell'eziologia di questo disturbo. Fra queste, ricordiamo:

  • Anomalie nella funzionalità dell'apparato urinario;
  • Malformazioni e alterazioni nella struttura dell'apparato urinario, reni compresi;
  • Presenza di reflusso vescico-uretrale;
  • Diabete;
  • Ostruzioni delle vie urinarie;
  • Utilizzo di cateteri vescicali;
  • Abbassamento delle difese immunitarie;
  • Scarsa igiene intima;
  • Utilizzo di detergenti troppo aggressivi.

Sintomi e Complicazioni

I sintomi della cistite nei bambini possono variare molto in funzione dell'età del paziente.
Nei lattanti e nei bambini molto piccoli, la cistite può manifestarsi con segni e sintomi piuttosto generici, come irritabilità, inappetenza, vomito, letargia e febbre apparentemente inspiegatbile.
Nei bambini di età superiore ai due anni, invece, solitamente la cistite si presenta con sintomi molto simili a quelli che manifestano gli adolescenti e i pazienti adulti. Fra questi sintomi, ricordiamo:

Ad ogni modo, talvolta, può accadere che la cistite nei bambini sia asintomatica e che venga diagnosticata casualmente nel corso di normali esami di routine.
Tuttavia, se non tempestivamente diagnosticata e/o se non adeguatamente trattata, l'infezione che ha provocato la cistite potrebbe espandersi e raggiungere le vie genitali e le alte vie urinarie. In quest'ultimo caso si parla di pielonefrite.
Pertanto, nel caso in cui il bambino presenti qualcuno dei sopra citati sintomi, è fondamentale rivolgersi immediatamente al proprio pediatra o al proprio medico.

Diagnosi

La diagnosi della cistite nei bambini viene effettuata solitamente attraverso l'analisi dei sintomi (che, nel caso in cui i bambini siano molto piccoli, verranno descritti dai genitori al medico) e attraverso l'analisi delle urine.
Il campione di urine deve essere prelevato con adeguate modalità e in seguito verrà sottoposto a esami specifici, volti a determinare la contaminazione batterica sia da un punto di vista quantitativo (in modo tale da verificare l'effettiva presenza di un'infezione), sia da un punto di vista qualitativo (in modo da poter attuare la strategia terapeutica più adatta per eradicare i microorganismi responsabili dell'infezione).

Terapia Farmacologica

Solitamente, la cistite nei bambini è un disturbo che si risolve facilmente e piuttosto rapidamente seguendo la giusta terapia.
Poiché questo disturbo è provocato da un'infezione batterica, il suo trattamento prevede la somministrazione di farmaci antibiotici.
I principi attivi maggiormente impiegati per la cura della cistite nei bambini sono le penicilline, come l'amoxicillina (Zimox®) e l'ampicillina (Amplital®), e le cefalosporine, come, ad esempio, la cefixima (Cefixoeal®).
Solitamente, si preferisce utilizzare questi farmaci per via orale, ma qualora ciò non fosse possibile, il medico può valutare di somministrare il farmaco per via parenterale.
La dose di antibiotico da somministrare per la cura della cistite nei bambini varia in funzione del peso corporeo e dell'età del paziente. Pertanto, sarà il medico a stabilire - su base strettamente individuale - sia l'esatta posologia di medicinale, sia il tipo di farmaco antibiotico che ciascun bambino dovrà assumere.
Nel caso in cui il bambino presenti anche febbre alta, il medico può decidere di somministrare farmaci antipiretici come il paracetamolo (Tachipirina ®).
Infine, nei casi più gravi, il medico potrebbe ritenere necessario il ricovero del bambino in ospedale, all'interno del quale verranno effettuati tutti gli esami del caso e verranno istituite le terapie farmacologiche più idonee.

Prevenzione

Nella maggioranza dei casi, la prevenzione può essere sufficiente a evitare l'insorgenza della cistite nei bambini. Infatti, seguendo semplici e comuni indicazioni, si può facilmente ostacolare lo sviluppo dell'infezione batterica responsabile di questo fastidioso disturbo.
A tal proposito, generalmente, si consiglia di:

  • Cambiare frequentemente il pannolino, in modo da evitare il diffondersi e il proliferare di batteri che potrebbero essere responsabili dell'insorgenza della cistite;
  • Educare i bambini a una corretta igiene intima;
  • Durante l'esecuzione della quotidiana igiene intima del bambino, evitare l'utilizzo di detergenti troppo aggressivi;
  • Educare i bambini in modo che non trattengano troppo a lungo l'urina;
  • Nei bambini che non portano più il pannolino, evitare l'utilizzo di biancheria intima fabbricata con fibre sintetiche e preferire quella in cotone.

Ultima modifica dell'articolo: 07/09/2016