Cerotto Anticoncezionale, aumento di peso, vantaggi e svantaggi

Cerotto anticoncezionale e aumento di peso

La credenza secondo cui l'utilizzo del cerotto anticoncezionale farebbe ingrassare dev'essere sfatata: il cerotto contraccettivo non incide né sull'aumento di peso, né tantomeno sulla formazione/aumento di cellulite. Si stima, approssimativamente, un possibile aumento ponderale di appena 300/500 grammi durante le tre settimane d'applicazione del cerotto: un aumento quasi fittizio, se si considera che durante i sette giorni di sospensione il peso ritorna come prima. Questa oscillazione sembra essere dovuta sia alla presenza del progestinico “innovativo”, la norelgestromina, sia al dosaggio ormonale particolarmente basso.
Cerotto AnticoncezionaleNon a caso si dice che il cerotto anticoncezionale “non è un peso per la donna”: l'affermazione è ambigua, e la chiave di lettura è duplice. Metaforicamente parlando, il cerotto non è un peso perché risulta semplice da utilizzare, pratico, vantaggioso e sicuro; anche dal punto di vista fisico, però, il cerotto non è un peso per la donna, poiché questo non influisce né sull'aumento ponderale, né sulla composizione del tessuto adiposo.
Si stima che, in media, all'incirca il 40% delle donne europee abbandoni l'utilizzo di un metodo contraccettivo a base ormonale per paura d'ingrassare, prediligendo metodi “naturali” anticoncezionali assolutamente privi di garanzia scientifica, dunque potenzialmente pericolosi. La percentuale aumenta (60-75%) ancor più in quelle zone in cui il sovrappeso e l'obesità rappresentano un vero e proprio problema (es. USA), disturbo alimentare che dipende principalmente dalle scorrette abitudini di vita, indipendentemente dall'assunzione di contraccettivi.
Molte utilizzatrici di cerotti anticoncezionali colpevolizzano il metodo contraccettivo per il loro aumento di peso: in realtà, l'aumento ponderale potrebbe dipendere da moltissimi svariati fattori, che non hanno nulla a che vedere con il cerotto. Ovviamente, è sempre consigliabile praticare sport e seguire un regime dietetico bilanciato.
A prescindere da quest'angoscia infondata, la protezione da gravidanze indesiderate dovrebbe far riflettere le donne, responsabilizzandole sull'importanza della contraccezione.

Vantaggi

Il cerotto anticoncezionale ha preso piede in Italia da pochi anni e rappresenta la scelta d'eccellenza per molte donne in età fertile che desiderano una vita sessuale sicura, tranquilla e spensierata. Il cerotto anticoncezionale offre molti vantaggi, di seguito elencati:

  • Stesso meccanismo d'azione della pillola, ma ancor più semplice da utilizzare;
  • Prevenzione delle gravidanze indesiderate pari al 99%;
  • Vomito e diarrea non interferiscono sull'efficacia contraccettiva, poiché, a differenza della pillola, il cerotto non prevede il passaggio attraverso il tratto gastrointestinale;
  • Evitando un possibile assorbimento gastrointestinale, il livello ormonale liberato nel sangue rimane sempre costante;
  •  Non si presenta il problema delle “perdite” di ormoni causate dal metabolismo epatico (l'assorbimento del farmaco avviene per via transdermica);
  • Il cerotto rimane applicato per tre settimane, sostituendolo solamente tre volte: in questo modo, la probabilità di dimenticanza viene notevolmente ridotta;
  • Non fa ingrassare;
  • A differenza della pillola, il cerotto non genera reazioni allergiche/intolleranze causate da eccipienti a base di lattosio, essendone privo (molte donne sono allergiche/intolleranti al latte). Ad ogni modo, sarebbe opportuno che la donna si rivolgesse al medico qualora fosse allergica/intollerante ad alcune sostanze particolari, che potrebbero costituire gli eccipienti del cerotto;
  • Il cerotto anticoncezionale è definito come un buon alleato contro l'acne e l'ipertricosi;
  • Non ci sono limitazioni di tempo circa l'utilizzo del cerotto, grazie al dosaggio ormonale particolarmente basso, sebbene sia consigliabile sottoporsi a controlli ginecologici costanti, per accertare lo stato di salute della donna;
  • Il recupero della fertilità in seguito alla sospensione d'uso del cerotto è immediata e la donna acquisisce nuovamente la capacità di sostenere una gravidanza.

Svantaggi

Il cerotto anticoncezionale, come tutti i metodi contraccettivi, presenta alcuni svantaggi. Anzitutto, è preferibile solo nelle donne giovani il cui peso corporeo non superi gli 88/90 chili, perché gli ormoni contenuti nel cerotto, probabilmente, sarebbero insufficienti per garantire il massimo dell'effetto anticoncezionale. Nelle donne adulte che superano i 35/40 anni, il cerotto è controindicato, perché il rischio d'incorrere in malattie cardiovascolari aumenta all'aumentare dell'età.
Inoltre, l'uso del cerotto è sconsigliato anche per le fumatrici: infatti, il fumo, in concomitanza con gli ormoni liberati dal cerotto,  potrebbe favorire il rischio di malattie cardiovascolari.
L'utilizzo del cerotto potrebbe generare spiacevoli effetti indesiderati: infezioni daCandida Albicans (evento comune), modulazioni dell'umore, emicrania, nausea, acne, prurito, ingrossamento del seno, lieve aumento della pressione del sangue, tensione addominale, insonnia, calo del desiderio (non comune), dermatite da contatto, cloasma, aggressività (assai raro).
Non essendo un metodo di barriera, il cerotto non offre protezione dalle malattie sessualmente trasmissibili (HIV/AIDS ecc.).
Altro effetto indesiderato è rappresentato dalle possibili perdite uterine anomale ed inattese (es. spotting, metrorragia), in particolare nei primi mesi d'applicazione: quando questi sintomi persistono anche dopo tre mesi dall'inizio della terapia ormonale, è opportuno rivolgersi al medico.
Tuttavia, anche in seguito alla sospensione dell'utilizzo del cerotto anticoncezionale, alcune donne lamentano oligomenorrea ed amenorrea.


<< 1 2 3 >>