Cedro del Libano

Cedro del Libano nella storia

Nell'Antico Testamento si narra che con il legno del cedro del Libano vennero edificate le colonne del Tempio di Salomone; da sempre, il pregiato cedro del Libano - possente e maestoso - è simbolo di potenza e forza. Già al tempo degli antichi Fenici, il cedro libanese veniva utilizzato per il suo legno massiccio nella costruzione di imbarcazioni sicure e piccole navi.
Cedro del LibanoCuriosa e particolare la storia narrante l'origine del cedro del Libano, attuale emblema della bandiera libanese: anticamente, l'albero possente ricopriva innumerevoli aree montuose del Vicino Oriente, zone in cui, attualmente, si annoverano pochissimi esemplari. A partire dal lontano 1600,  il cedro del Libano iniziò a diffondersi negli spazi verdi di tutta Europa.

Descrizione botanica

Il cedro del Libano è noto in botanica come Cedrus libani, esponente della famiglia delle Pinaceae: si tratta di una gimnosperma coniferale arborea, in grado di oltrepassare i 40 metri d'altezza. Le ramificazioni presentano un portamento tortuoso e facilmente distinguibile per la bizzarra forma a candelabro, che s'innalza verso cielo: in altre parole, i rami tendono a formare angoli di 90° man mano che si erigono verso l'alto. Il risultato finale è una chioma fitta e piuttosto allargata.
Le foglie del cedro del Libano, che rivestono la chioma, non superano generalmente i 3 centimetri di lunghezza: le foglie, acute (aghiformi), persistenti, coriacee e dipinte di verde scuro, sono raggruppate in fasci di 20-30, localizzati su piccoli rametti.
La corteccia si modifica man mano che l'albero cresce: nella parte più vicina alle radici, appare liscia, per poi divenire rugosa e longitudinalmente fessurata, sviluppandosi verso l'alto.
I fiori (meglio noti come strobili) maschili presentano un pallido colorito verde, sono tipicamente cilindrici e piuttosto minuti, mentre quelli femminili sono generalmente più grandi.
I frutti del cedro del Libano sono pigne che, sfaldate a metà durante la maturazione, disperdono i semi.
La pianta predilige terreni poveri, sabbiosi, a pH leggermente acido; ad ogni modo, il cedro del Libano ben si adatta ad ogni tipo di terreno.

Varietà

Esistono due varietà del cedro del Libano, degne di essere menzionate:

  1. Cedro dell'Himalaya (Cedrus deodora): raggiunge altezze molto elevate, tanto da superare, talvolta, persino gli 85 metri d'altezza. Le sue foglie sembrano essere miracolose per il trattamento della tubercolosi (medicina popolare). Tipico albero dell'Himalaya, India Nord-occidentale e Pakistan, dai particolari rami cadenti.
  2. Cedro dell'Atlantico (Cedrus atlantica): nativo nelle terre del Nord Africa, raggiunge i 40-45 metri d'altezza ed il catrame del legno viene impiegato come succedaneo dell'olio di cadè. [tratto da Dizionario ragionato di erboristeria e di fitoterapia, di A. Bruni, M. Nicoletti]

Impieghi

Come abbiamo visto, da millenni il cedro del Libano viene utilizzato per il suo legno, possente, massiccio e resistente, oltre che aromatico e durevole.
Ad ogni modo, gli utilizzi del cedro del Libano non si fermano solamente all'ambito edile e navale: anche la fitoterapia sfrutta la pianta per le proprietà medicamentose. Alla droga, costituita da foglie, legno ed olio volatile (cedrene 50%, atlantolo), sono attribuite proprietà per lo più espettoranti ed antisettiche. Noto è l'impiego del macerato glicerico delle gemme di cedro del Libano per il trattamento della psoriasi cutanea, grazie alle sue capacità rigeneranti dei tessuti.
Non possiamo infine dimenticare le proprietà balsamiche del cedro libanese, così come quelle anticatarrali ed antibronchiali (decotto di corteccia). Per alleviare i dolori articolari, è consigliato un unguento a base di estratto di corteccia.

Riassunto

Cedro del Libano: PER FISSARE I CONCETTI



Cedro del Libano nella storia
Antico Testamento: legno del cedro del Libano → costruzione del Tempio di Salomone
Fenici → legno del cedro del Libano per la costruzione di navi
Cedro del Libano: emblema della bandiera libanese
Cedro del Libano: descrizione botanica Nome botanico: Cedrus libani
Famiglia: Pinaceae
Descrizione della pianta: gimnosperma coniferale arborea, in grado di oltrepassare i 40 metri d'altezza
Ramificazioni: portamento tortuoso e facilmente distinguibile per la bizzarra forma a candelabro
Chioma: fitta e piuttosto allargata
Foglie: acute (aghiformi), persistenti, coriacee, verde scuro, sono raggruppate in fasci di 20-30, localizzati su piccoli rametti
Fiori maschili: pallido colorito verde, tipicamente cilindrici e piuttosto minuti
Fiori femminili: generalmente più grandi di quelli maschili
Frutti: pigne
Cedrio del Libano: terreno Poveri, sabbiosi, a pH leggermente acido
Cedro del Libano: varietà
  1. Cedro dell'Himalaya (Cedrus deodora) → trattamento della tubercolosi (medicina popolare)
  2. Cedro dell'Atlantico (Cedrus atlantica) → succedaneo dell'olio di cadè
Cedro del Libano: impieghi Edilizia: costruzione di navi → legno massiccio, durevole, resistente
Fitoterapia → foglie, legno ed olio volatile
Gemmoterapia
Cedro del Libano: proprietà
  • Espettoranti (foglie, legno ed olio volatile)
  • Antisettiche (foglie, legno ed olio volatile)
  • Rigeneranti dei tessuti (per trattamento psoriasi, gemme)
  • Antibronchiali (decotto di corteccia)
  • Anticatarrali (decotto di corteccia)
  • Balsamiche (decotto di corteccia)
  • Antiartritico (estratto di corteccia)


Ultima modifica dell'articolo: 31/12/2015