Canna da zucchero

Scorri la pagina verso il basso per leggere la tabella riassuntiva sulla canna da zucchero


Canna da zucchero: impieghi
  • Matrice per la produzione dello zucchero
  • Biocombustibile di ultima generazione
  • Matrice per bevande fermentate alcoliche, distillati ed alcol
  • Coltivata anche per il sugo fresco (guarapo) ottenuto per pressione e spremitura del culmo
Canna da zucchero: descrizione generale Nome scientifico: Saccharum officinarum
Famiglia: Graminacee
Specie osservate: circa 40
Cultivars commerciali: ibridi complessi
Origine: Nuova Guinea
Diffusione: Spagna (Arabi) e Sicilia
Coltivazione in Italia: la canna da zucchero non viene coltivata
Coltivazione nel mondo: penisola Iberica, Asia, America, Oceania ed in Africa
Canna da zucchero: analisi botanica
  • Breve descrizione della pianta: pianta tropicale perenne, a portamento cespuglioso
  • Altezza: 4-5 metri
  • Rizoma: duro, angoloso dal quale spuntano numerosi steli legnosi intervallati da nodi
  • Fusto o culmo: uno principale + laterali. Colore variabile: giallo, violaceo, verde o rossiccio
  • Foglie: molto lunghe e verdi, lanceolate ed incastrate su nodi con una guaina che avvolge il culmo
  • Fiori: riuniti in infiorescenze chiamate pannocchie
  • Zucchero: ricavato da un fluido sciropposo presente all'interno del fusto
Canna da zucchero: riproduzione e maturazione Riproduzione della pianta: per talea
Trapianto: metà primavera
Apporto idrico: abbondante
Raccolta: recidere il culmo nella parte bassa, non strappare la radice
Tempistica: in genere, alla pianta sono necessari 12 mesi per maturare completamente
Lavorazione della canna da zucchero
  • Taglio del culmo maturo
  • Frammentazione e spremitura del culmo
  • Estrazione del sugo leggero, dolcissimo → la parte fibrosa è destinata ad essere trasformata in energia
  • Filtrazione del succo
  • Purificazione del succo con latte di calce
  • Evaporazione ed eliminazione dell'acqua
  • Centrifugazione del succo concentrato → ottenimento della melassa
Zucchero grezzo di canna e raffinato Zucchero grezzo di canna: contiene il 2% di impurezze
Zucchero raffinato di canna: subisce un'ulteriore purificazione
Zucchero di canna e zucchero di barbabietola Zucchero di canna
  • contiene una quantità minore di saccarosio
  • ricco di vitamina A, C, B1, B2, B6 e sali minerali
  • resa maggiore di saccarosio: 10 t/ettaro
  • 356 Kcal /100 g
Zucchero di barbabietola
  • Contiene una quantità maggiore di saccarosio
  • Povero di vitamine e Sali minerali
  • Resa minore di saccarosio: 7 t/ettaro
  • 392 Kcal/ 100g


Ultima modifica dell'articolo: 08/11/2016