Calli - Cura e Prevenzione

Un disturbo comune

I calli sono piccole e fastidiosissime lesioni che sorgono prevalentemente sul palmo delle mani, sulla pianta dei piedi e tra le dita. Sebbene la causa sia spesso dovuta ad insulti locali ripetuti, come sfregamenti e pressioni eccessive, i calli possono talvolta dipendere da malattie (es. diabete) od intossicazioni da veleni. Calli Del PiedeEstremamente comuni tra giovani, adulti ed anziani, tali lesioni si presentano come ispessimenti dell'epidermide, spesso tondeggianti, dall'aspetto ceroso e traslucido; al tatto, i calli sono ruvidi, rugosi ed irregolari. Quando crescono in determinate posizioni del piede, essi possono causare fastidio, dolore o compromettere perfino la postura e la camminata. In questa trattazione cercheremo di capire se esiste una cura efficace per rimuovere i calli e come si possono prevenire.

Trattamento

In genere, un soggetto in piena salute che si accorge della presenza di un callo necessita il trattamento podologico solo quando la lesione diviene dolorosa o crea seri disturbi. Nella maggior parte dei casi, infatti, per far scomparire il callo spontaneamente è sufficiente eliminare la fonte di attrito o pressione.
Discorso differente per i pazienti diabetici e per tutti i soggetti che presentano una scarsa circolazione del sangue ai piedi. In simili circostanze, la presenza di uno o più calli potrebbe procurare serie conseguenze al malcapitato; pertanto, l'assistenza di un medico è indispensabile proprio per prevenire possibili complicanze.
In un soggetto sano che lamenta fastidiosi e ricorrenti calli sotto i piedi, il trattamento più indicato consiste nell'utilizzo di prodotti cheratolitici contenenti particolari sostanze, quali:

In alternativa (o come trattamento complementare), i calli possono essere rimossi con uno specifico rasoio per calli oppure levigati con la pietra pomice.
Dopo l'utilizzo di strumenti come il rasoio per calli, è consigliato l'utilizzo di creme o pomate antibatteriche per minimizzare il rischio d'infezioni.
In rari casi, i calli che provocano dolore e gravano sulla camminata del malcapitato portatore possono essere eliminati mediante intervento chirurgico: normalmente, questo genere di trattamento è volto a correggere il mal-allineamento delle ossa responsabile di attriti locali, quindi dei calli.

Prevenzione

La miglior cura per i calli è indubbiamente la prevenzione.
Di seguito, sono elencate alcune importanti linee guida da mettere in pratica per prevenire la formazione dei calli:

  • Utilizzare sempre i calzini di cotone, preferendo quelli senza cuciture rigide
  • Scegliere scarpe comode e adatte alle dimensioni dei piedi
  • Proteggere le mani con i guanti prima di svolgere lavori particolari come il giardinaggio
  • Praticare spesso pediluvi caldi
  • Mantenere i piedi asciutti e puliti
  • Cambiare spesso scarpe e calzini
  • Se necessario, utilizzare plantari morbidi o cerottini prima di mettere le scarpe: la loro presenza attenua eventuali urti e pressioni contro le scarpe
  • Non camminare scalzi
  • Massaggiare la pelle con creme idratanti e nutrienti per mantenere elastica la cute

Calli e diabete

I pazienti diabetici devono porre estrema attenzione anche ai danni della pelle, in particolare quando le lesioni sorgono sui piedi. Come sappiamo, le alterazioni metaboliche ed i sintomi del diabete si ripercuotono in modo negativo anche a livello dei vasi sanguigni: un eventuale ispessimento della pelle del piede, come ad esempio un callo, rende ancor più difficoltoso il trasporto delle sostanze nutritive alla cute.
La pelle dei piedi di un diabetico non riceve la dovuta irrorazione sanguigna; pertanto la cute, che diviene assai sottile e fragile, fatica a riparare danni e lesioni come i calli.
I piedi di un paziente diabetico richiedono indubbiamente più attenzioni rispetto a quelli di un soggetto sano: la perdita di sensibilità e la cicatrizzazione più lenta - condizioni tipicamente correlate al diabete - possono favorire la comparsa di lacerazioni, ferite e calli che, protraendosi a lungo, potrebbero peggiorare e causare gravi danni come ad esempio ulcere sanguinanti.


Ma perché i pazienti diabetici vengono spesso colpiti dai calli ai piedi?


La spiegazione è semplice: tra le varie complicanze del diabete non possono mancare le deformazioni ai piedi. Di conseguenza, le dita modulano il loro appoggio al terreno, tendono a piegarsi, costringendo il piede a premere ed urtare contro la calzatura in determinati punti. La pelle, assai fragile, è costretta a sopportare anomali carichi di lavoro; pertanto, si sviluppano piccoli calli da pressione, che possono degenerare in pericolosissime ulcere diabetiche sanguinanti. Il problema più grave è che se il diabetico non si rende conto del callo, questo può degenerare in ulcera senza che il paziente accusi alcun sintomo: il diabete, infatti, provocando una riduzione della capacità sensitiva impedisce al soggetto di accorgersi della lesione.


Da un callo all'amputazione...
Le infezioni nei piedi di un diabetico costituiscono la principale causa di amputazione degli arti dovuta al diabete (malcurato e/o in fase avanzata) perché:
Callo ai piedi di un diabetico → aumento di pressione ed attrito esercitati in un punto del piede → emorragie interne al callo → formazione dell'ulcera diabetica ai piedi → scarsa ossigenazione del tessuto (a causa della macroangiopatia) → difficoltà di cicatrizzazione → aumento del rischio d'infezioni batteriche → infezione e cancrena → amputazione


Come prevenire i calli in un paziente diabetico?


Anche le piccole lesioni ai piedi come i calli possono essere l'immediata conseguenza di una scarsa attenzione per la propria igiene personale. Come ribadito, il paziente diabetico deve prestare estrema cura ai propri piedi: è dunque d'obbligo almeno un lavaggio al giorno, il cambio quotidiano dei calzini e l'utilizzo costante di creme idratanti ai piedi. Consigliati i calzini in cotone, di buona qualità e senza cuciture. Per la stessa ragione, il piede diabetico deve rimanere asciutto ed il paziente deve controllare la presenza di eventuali arrossamenti, tumefazioni, vesciche, bolle e quant'altro, ponendo attenzione a controllare anche l'eventuale presenza di piccoli calli tra le dita, sotto le unghie o sopra il quinto dito.
I piedi degli anziani dovrebbero essere sempre adeguatamente controllati da una seconda persona, sia questo un familiare od un medico.
La prevenzione dei calli in un paziente affetto da iperglicemia è la migliore arma contro le ulcere diabetiche ai piedi.



Ultima modifica dell'articolo: 31/12/2015