Barbabietola da zucchero

Scorri la pagina verso il basso per leggere la tabella riassuntiva sulla Barbabietola da zucchero


Barbabietola da zucchero Concorrente agguerrito della canna da zucchero, solo da pochi decenni viene coltivata a fini alimentari per l'estrazione dello zucchero
Da sempre, le foglie sono utilizzate come foraggio
Barbabietola da zucchero: generalità
  • Primi riferimenti alla barbabietola da zucchero: 420 a.C.
  • Scoperta dei cristalli di zucchero dal succo di barbabietola: 1747, Dott. Margaff
  • XIX secolo: la canna da zucchero continuava a primeggiare
  • Guerre napoleoniche: blocco delle importazioni di canna da zucchero → boom della barbabietola da zucchero per l'estrazione del saccarosio
  • 1887: Italia → E. Mariani incentiva sia la coltivazione della barbabietola da zucchero, che l'estrazione del suo zucchero
Barbabietola da zucchero: statistiche attuali Europa (16 milioni di tonnellate di saccarosio) ed ex Unione Sovietica sono i maggior produttori di zucchero di barbabietola al mondo
Barbabietola da zucchero: descrizione botanica
  • Nome botanico: Beta vulgaris var. rapa forma altissima o saccharifera
  • Famiglia: Chenopodiaceae
  • Stadi vitali: primo anno vegetativo, secondo anno riproduttivo
  • Breve descrizione della pianta: pianta erbacea biennale a portamento cespitoso
  • Fusto: angoloso, eretto e molto ramificato
  • Radice: grossa, carnosa, tipicamente fittonante, lunga anche due metri. È caratterizzata da tipiche rugosità trasversali e da due solchi saccariferi longitudinali
  • Foglie: grandi e verdastre, riunite in spighe allungate disposte in verticilli, cuoriformi alla base, tondeggianti od affusolate
  • Fiori: verdi o rossi costituiti da una corolla a 5 sepali, sono riuniti in spighe tetraflore
  • Frutti (glomeruli): forma tondeggiante ed angolosa, sono piuttosto grinzosi e molto duri
  • Semi: verdastri, talvolta color bruno, giallo o nero, presentano una forma tipicamente lenticolare
Classificazione delle barbabietole da zucchero In base a:
  • Tipologia di semi
  • Patrimonio cromosomico
  • Momento di semina
  • Quantità di zucchero estratta dalla radice (rapporto peso/titolo zuccherino)
Barbabietola da zucchero: terreno, clima e temperatura Terreni ideali: profondi, arricchiti di sostanza organica, a pH neutro
Apporto idrico: la pianta richiede costante apporto idrico → consigliata l'irrigazione per aspersione
Temperatura ideale di germinazione: 5-6°C / 10-12°C
Clima: temperato, ideale quello dell'Europa e dell'ex Unione Sovietica
Semina: febbraio-marzo
Raccolta: in genere verso la fine di agosto-inizio settembre
Barbabietola da zucchero: estrazione del saccarosio
  1. Raccolta
  2. Trasporto immediato negli zuccherifici per evitare fermentazione
  3. Trasporto su nastri portatori
  4. Lavaggio con getti d'acqua
  5. Eliminazione di erbacce e pietre
  6. Trinciatura (le barbabietole vengono affettate)
  7. Diffusione → estrazione dello zucchero in controcorrente
  8. Depurazione del sugo zuccherino estratto + essiccazione della matrice esaurita
  9. Concentrazione del sugo zuccherino
  10. Cottura + centrifugazione → separazione dei cristalli
  • Zucchero greggio di barbabietola
  1. Eventuale raffinazione → Residuo: melassa
Barbabietola da zucchero: proprietà Proprietà:
Barbabietola da zucchero: apporto nutrizionale 100 g di barbabietola da zucchero apportano 20 Kcal:
91% acqua
4% carboidrati
1% proteine
+ sostanze antiossidanti, nitrati ed acido ossalico
Barbabietola da zucchero: indicazioni La barbabietola da zucchero è utile in caso di: