Balanopostite

Definizione di balanopostite

La balanopostite indica una condizione morbosa a carattere infettivo/infiammatorio che interessa sia la superficie del glande (balano), sia il foglietto interno del prepuzio (detto anche “poste”, sottile lamina di rivestimento cutaneo-mucoso che sostiene il glande del pene, consentendone il movimento).
Pene, prepuzio, glande, frenuloQuando l'infiammazione prevede il coinvolgimento esclusivo del glande, si parla più correttamente di “balanite”, mentre il termine si affina a “postite” quando la flogosi interessa solamente il prepuzio.

Sintomi

La balanopostite è caratterizzata da eritema, prurito, edema, irritazione, dolore, macerazione, fimosi (restringimento a livello prepuziale), microvescicolazione del glande e del prepuzio, disuria (difficoltà/dolore alla minzione) e, talvolta, sanguinamento. La malattia esordisce con lesioni vescico-pustolose che tendono a scoppiare precocemente: di conseguenza, aumenta la probabilità di comparsa di erosioni ricoperte da squame. In alcuni casi, la balanopostite genera ulcere superficiali e adenopatia a livello inguinale. [tratto da Trattato di dermatologia, di A. Giannetti].

Cause della balanopostite

La balanopostite può essere causata da molteplici fattori, sebbene il più delle volte risulti particolarmente complicato isolarne la causa principale. La malattia può essere favorita dalla particolare struttura del prepuzio, talmente aderente da impedire una corretta igiene intima: i batteri possono annidarsi nella sede sottoprepuziale generando infiammazione e possibile necrosi tissutale.
La balanopostite può essere anche una conseguenza dell'infezione da Candida albicans, di uretrite da Clamidia (Chlamydia trachomatis), tricomoniasi, Herpes simplex, gonorrea, sifilide o scabbia.
Tra gli altri fattori predisponenti si ricordano: psoriasi, lichen planus, dermatite seborroica, eritemi iatrogeni (generati da farmaci), eritroplasia di Queyrat (patologia maligna che colpisce prepuzio e glande: si tratta di una forma precancerosa potenzialmente pericolosa).
La balanopostite potrebbe essere un campanello d'allarme per il diabete.
Riassumendo, i principali fattori eziologici scatenanti la balanopostite sono molteplici ed eterogenei: allergie, irritazioni, infezioni, cause metaboliche-immunologiche, dermatosi atipiche e patologie precancerose.

Classificazione

Le balanopostiti si classificano in base al fattore causale scatenante:

  1. Balanopostite allergica: rappresenta un possibile effetto della dermatite da contatto, causata da piercing, lattice (preservativo), cosmetici o sostanze farmaceutiche utilizzate sui genitali. Anche i cosmetici topici della partner potrebbero apparire troppo aggressivi per l'uomo e causare balanopostite allergica, diagnosticata, talvolta, come balanopostite irritante.
  2. Balanopostiteirritante: rappresenta una possibile conseguenza dell'uso di detergenti aggressivi, sostanze farmacologiche topiche o anticoncezionali applicati dalla partner in vagina. Anche i rapporti sessuali frequenti potrebbero generare microtraumi nei soggetti sensibili che, ripetuti, potrebbero causare balanopostite; la forma irritativa genera bruciore, eritema, prurito, essudazione.
  3. Balanopostitemicotica: la Candida albicans rappresenta sicuramente il micete che incide maggiormente sulla manifestazione della balanopostite micotica. Il quadro si complica ulteriormente quando si tratta di una balanopostite candidosica recidivante, segnale di una possibile immunosoppressione locale/sistemica o diabete.
  4. Balanopostite immunologica: patologia che denota un quadro clinico piuttosto particolare:
  • la balanopostite immunologicadi Lortat-Jacob e Civatte è la forma atrofica della balanite, che crea ammassi cheratosici;
  • la balanopostite immunologica sinechiante provoca l'adesione del foglietto prepuziale sul glande (la diagnosi e la terapia curativa devono essere tempestive);
  • la balanopostite cronica di Zoon provoca la formazione di macchie rosse a livello del glande e del prepuzio.
  1. Balanopostite infettiva: riguarda la maggior parte della malattie sessualmente trasmissibili e si classifica in due sottocategorie:
  • balano postite batterica, provocata soprattutto da stafilococchi, streptococchi, enterococchi, gonococco, Chlamidia trachomatis.
  • balano postite virale, causata soprattutto dal virus dell'HerpesSimplex di tipo I o II
  1. Balanopostiteprotozoaria: generata da Trichomonas spp.
  2. Balanopostiteiatrogena: conseguenza dell'uso smodato di farmaci (es. antibiotici)
  3. Balanopostitemista: patologia a carico del solco balano-prepuziale causata da più fattori concomitanti, quali infezioni, dermatiti o infiammazioni.

Cura per la  balanopostite

La terapia della balanopostite dev'essere mirata: questa viene scelta in funzione dell'agente infettivo, infiammatorio, irritante o allergizzante che l'ha provocata. Dopo aver identificato il fattore responsabile della balanopostite tramite indagine batteriologica e micologica, si procede con l'eliminazione dell'infezione/infiammazione in atto. Sarebbe opportuno che, nel caso sia stato consumato almeno un rapporto sessuale, anche la partner si sottoponesse a questi esami: è bene ribadire che la balanopostite rientra tra le malattie sessualmente trasmissibili.
In genere, si prescrivono antimicrobici specifici, quali per esempio metronidazolo e clotrimazolo ad azione topica; anche le creme cortisoniche possono risultare utili, specie in caso di una sospetta dermatite da contatto.
Quando la balanopostite risulta particolarmente resistente alle terapie, il medico potrebbe consigliare la circoncisione del paziente.
Importante è la profilassi delle recidive e la corretta igiene intima, ponendo attenzione ad asciugare delicatamente il prepuzio: adottando queste semplici misure preventive, il rischio di contrarre balanopostite si abbassa notevolmente.


<< 1 2 3 4 5 6 7 >>