Appendicectomia

Generalità

L'appendicectomia è una procedura chirurgica che prevede la rimozione dell'appendice. Questo tipo di operazione, solitamente, viene effettuato in caso di appendicite, acuta o cronica che sia.
Appendice asportataPer meglio comprendere cos'è l'appendicectomia, come si pratica e per quale motivo se ne richiede l'applicazione, può essere utile aprire una piccola parentesi su cos'è l'appendicite e su quali sono le sue cause.

Appendicite: definizione e cause

L'appendicite è una patologia infiammatoria che si manifesta a carico dell'appendice.
L'appendice - anche definita come "appendice vermiforme" - è un prolungamento che si diparte dal tratto iniziale dell'intestino crasso.
L'appendicite, solitamente, è provocata da un'ostruzione della stessa appendice. Tale ostruzione, a sua volta, può essere causata sostanzialmente da:

  • Ristagno di materiale non digerito (fecaloma);
  • Ipertrofia dei follicoli linfatici appendicolari, che tendono ad aumentare di volume e numero, soprattutto in caso d'infezioni locali o sistemiche.

Purtroppo, non esiste alcun tipo di terapia farmacologica che sia in grado di curare definitivamente l'appendicite; pertanto, l'unico trattamento risolutivo consiste nella rimozione chirurgica dell'appendice, quindi nell'appendicectomia.
AppendiciteTuttavia, è bene ricordare che in alcuni casi di appendicite cronica, il medico può decidere di non eseguire l'appendicectomia, ma di tentare di risolvere il problema tramite un trattamento di tipo conservativo (per informazioni più dettagliate in merito, si consiglia la lettura dell'articolo dedicato "Cura e trattamento Appendicite").
In qualsiasi caso, il trattamento tempestivo dell'appendicite è fondamentale, poiché questa può complicarsi, causando la rottura dell'appendice e dando origine ad ascessi e peritoniti.

Come si esegue

L'appendicectomia è un intervento chirurgico che può essere eseguito sostanzialmente in due modi:

La via laparotomica può essere definita come la via "tradizionale" che viene seguita per l'esecuzione di un intervento chirurgico. Più nel dettaglio, l'appendicectomia per via laparotomica viene effettuata praticando un'incisione di circa 5-10 centimetri in prossimità dell'appendice.
L'appendicectomia per via laparoscopica, invece, viene eseguita praticando tre incisioni, ma il cui diametro è molto più piccolo (circa 1 cm), rispetto a quello dell'incisione praticata nella via laparotomica. Queste incisioni permettono l'inserimento al loro interno di una piccola videocamera definita, appunto, laparoscopio e, allo stesso tempo, consentono l'inserimento della strumentazione chirurgica necessaria per l'asportazione dell'appendice.
AppendicectomiaI risultati ottenuti da queste due differenti tecniche di appendicectomia sono pressoché sovrapponibili, ma l'intervento chirurgico eseguito per via laparoscopica consente di ottenere una guarigione più rapida del paziente, oltre a lasciare cicatrici più piccole e meno visibili. Pertanto, quando possibile, si predilige l'esecuzione di un'appendicectomia in laparoscopia.
Tuttavia, in presenza di infezioni molto estese o in presenza di ascessi, il medico può decidere di intervenire per via laparotomica.
In qualsiasi caso, l'appendicectomia viene eseguita in anestesia generale e, di solito, prima dell'intervento il medico sottopone il paziente a una terapia antibiotica preventiva.
Inoltre, prima di sottoporsi all'operazione chirurgica, è necessario che il paziente sia a digiuno da almeno sei ore.
Ad ogni modo, qualora si renda necessario eseguire un'appendicectomia, sarà il medico a fornire tutte le indicazioni del caso al paziente.

Rischi e Complicazioni

L'appendicectomia è un intervento che può essere definito quasi all'ordine del giorno; di conseguenza, la tecnica con cui viene eseguito è ormai collaudata da molto tempo.
Tuttavia, in alcuni casi - anche se decisamente rari - potrebbero manifestarsi complicazioni non previste, quali emorragie, infezioni o danni ad altri organi.
Oltre a questo, vi possono essere potenziali rischi connessi alla somministrazione dell'anestesia generale, come, ad esempio, le reazioni d'ipersensibilità negli individui sensibili.

Convalescenza e Alimentazione

Per approfondire: Dieta e Appendicite »


Nella maggioranza dei casi, i pazienti vengono dimessi dall'ospedale dopo qualche giorno dall'esecuzione dell'appendicectomia.
La guarigione, solitamente, è piuttosto rapida, e il paziente può ricominciare a nutrirsi già dal giorno successivo l'intervento. Tuttavia, è fondamentale attenersi a un'alimentazione leggera e non esagerare con la quantità di cibo ingerito.
Pertanto, il paziente dovrebbe evitare di assumere cibi quali carni rosse, insaccati, formaggi particolarmente ricchi di grassi, crostacei, cibi dolci, cibi speziati, alcolici e fritti di vario genere (assolutamente vietati). Si deve invece preferire il consumo di ortaggi, cereali, legumi ed eventualmente carne bianca, quest'ultima da cuocersi preferibilmente al vapore o, eventualmente, alla griglia; anche il pesce può essere consumato, purché si scelgano carni povere di grassi.
Ad ogni modo, anche in questo caso, sarà il medico a fornire tutte le istruzioni necessarie al paziente affinché il recupero post-appendicectomia sia rapido e completo.



Ultima modifica dell'articolo: 21/10/2016

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Segno di Blumberg Colostomia: dieta post-operatoria consigliata e cibi concessi Colostomia: alcuni consigli dietetici Colostomia: gli accorgimenti per evitare sfiatamenti eccessivi e dal cattivo odore Colostomia: l’irrigazione intestinale transtomale La colostomia reversibile: alcuni dettagli del secondo intervento Il trapianto di polmone da donatore vivo Malattia di Hirschsprung: Una delle più comuni cause di occlusione intestinale neonatale In cosa consiste la biopsia polmonare “a cielo aperto”? In quale stadio si dovrebbe operare la cataratta? Che cosa sono le aderenze addominali? Sintomi e possibili complicazioni delle aderenze addominali Ricostruzione del legamento crociato anteriore del ginocchio: perché s’interviene? Ricostruzione del legamento crociato anteriore del ginocchio: alcune curiosità Gli effetti collaterali dell'anestesia generale Le complicazioni e i rischi dell’anestesia generale Che cos’è la resezione transuretrale della prostata e quando si mette in pratica? Per quali pazienti con ipertrofia prostatica benigna è sconsigliata la TURP? Quali sono i risultati della TURP nei pazienti con ipertrofia prostatica benigna? Principali passaggi operativi della resezione transuretrale della prostata Rischi e complicazioni della resezione transuretrale della prostata Che cos’è la sindrome da TURP? Le procedure alternative alla resezione transuretrale della prostata Che cos’è il cuore artificiale totale? Cuore artificiale totale e dispositivi con funzioni simili Che preparazione richiede l’impianto di un cuore artificiale totale? Quanto può durare l’impianto di un cuore artificiale totale? Ricovero post-operatorio dopo impianto di cuore artificiale totale Quali sono i rischi dell’impianto di un cuore artificiale totale? Impianto di un cuore artificale: indicazioni per adulti e bambini Che cos’è l’endoarteriectomia carotidea? Quando praticare un’endoarteriectomia carotidea? Che preparazione richiede l’endoarteriectomia carotidea? Endoarteriectomia carotidea: procedura passo per passo Rischi dell’endoarteriectomia carotidea Endoarteriectomia carotidea: fase post-operatoria Quando si pratica la gastrostomia endoscopica percutanea? Gastrostomia endoscopica percutanea (PEG): procedura Rischi e complicazioni della gastrostomia endoscopica percutanea (PEG) Controindicazioni della gastrostomia endoscopica percutanea (PEG) Vantaggi della gastrostomia endoscopica percutanea (PEG) Trapianto d’intestino tenue: cos’è? Trapianto d’intestino tenue: procedura Trapianto d’intestino tenue: fase post-operatoria Trapianto di cuore: procedura ortotopica Trapianto di cuore: procedura eterotopica Trapianto di cuore in modalità “organo vivente” Trapianto di fegato: dettagli sulla procedura con donatore vivente Addominoplastica: in cosa consiste?