Sirene si diventa

A cura della Dott.ssa Monica Vivona

Introduzione

È arrivata l'estate, donne e signore di tutte le età non possono sottrarsi alla fatidica domanda, al pensiero che ci tormenta dalla primavera, a quella spada di Damocle che da mesi ci sentiamo sulla testa... Pronte per la prova costume?
sindrome da bikiniDiciamo la verità, da mesi le riviste riservate al pubblico femminile non fanno altro che presentare titoli del genere: In forma per l'estate, Via i rotolini in sette giorni, Cellulite ko per sempre, Kili di troppo addio, e via dicendo...
In TV sempre più veline, schedine, vallettine varie succinte e ammicanti... gli ideali proposti dai media, spesso non raggiungibili, ci fanno imporre traguardi proibitivi il cui fallimento porta al rischio di sviluppare sentimenti d'insoddisfazione e inadeguatezza.
Signore mie, siamo in buona compagnia, ormai il maschio italico, comprando il quotidiano in edicola, non può fare a meno di imbattersi in riviste per uomini, alla stregua di quelle femminili, dove campeggiano titoli: Addominali scolpiti, Pancia finalmente piatta, Bicipite perfetto senza fatica... I modelli imposti dai mass media presentano fusti oliatissimi e tiratissimi.
Come sopravvivere a tutto ciò?
Con un occhio al nostro benessere psicofisico, che si traduce nello stare bene con noi stesse, nell'accettarsi qualità e difetti, con uno sguardo indulgente e benevolo all'immagine che ci rimanda lo specchio!

Alimentazione e Prova Costume

Alimentarsi correttamente è sicuramente benefico, significa mantenersi in salute e assicurare che il nostro corpo riceva ciò di cui ha bisogno senza niente in più o in meno. Il vantaggio di una buona e sana alimentazione sarà, pertanto, visibile anche al momento della tanto temuta prova costume.
Bene dunque regolare la nostra alimentazione, l'Organizzazione mondiale della Sanità e la FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations), hanno stilato le "Linee guida" per una sana alimentazione. Le raccomandazioni possono essere riassunte in poche regole:

  • Consumare almeno cinque porzioni quotidiane di frutta e verdura;
  • Aumentare l'assunzione di cibi ad alto contenuto di fibre;
  • Diminuire il consumo di grassi saturi (ad esempio burro, strutto, lardo) e di prodotti raffinati (ad esempio biscotti, zucchero bianco);
  • Aumentare il consumo di grassi insaturi (pesce).

Insomma: pochi grassi saturi, pochi zuccheri e poco sale; frutta, verdura e pesce a volontà, senza dimenticare l'importanza, per quanto possibile, di una moderata attività fisica: basta camminare per un'ora quasi tutti i giorni.
È corretto fare dell'attività fisica moderata e costante, poiché produce una stabilizzazione del sistema immunitario e aumenta la coscienza di sé, diminuisce l'ansia e porta maggior benessere psichico, per la liberazione di endorfine. Un'attività sportiva moderata aumenta la capacita di sforzo e rinforza la resistenza allo stress.

Risvolti Patologici

Quando la Sindrome da Bikini diventa una malattia

In linea di massima, una sorta di "preoccupazione" in vista della prova costume può essere considerata quasi normale, soprattutto se nei mesi invernali non siamo state particolarmente attente ad alimentazione ed attività sportiva. Per tale ragione, è necessario adottare uno stile di vita sano - caratterizzato da un'alimentazione equilibrata e da una costante attività fisica - durante tutto l'anno e non solo in vista della prova costume, allo scopo di sentirci a nostro agio nel nostro corpo e nelle nostre forme e al fine di evitare la comparsa della cosiddetta "sindrome da bikini".
Nella realtà, purtroppo, l'appartenenza alla cultura occidentale significa l'adozione spesso inconsapevole ed acritica dei modelli proposti dalla comunicazione di massa, che si è da tempo impadronita dei temi riguardanti immagine corporea e bellezza, contribuendo a creare e diffondere stereotipi su corpo e immagine.
Siamo continuamente bombardati da messaggi ingannevoli che esagerano l'importanza di ogni minima imperfezione fisica e propagandano simboli di bellezza "ideale", associati ad invitanti richiami quali ricchezza, potere, felicità.
Così per qualcuno il rincorrere una forma ideale e il timore di ingrassare diventa una delle preoccupazioni principali intorno a cui ruota tutta l'esistenza.
Dietro alla corsa alla forma perfetta, dietro alla battaglia al kilo di troppo, a volte può annidarsi la dismorfofobia.
La dismorfofobia (dal greco dis - morphé, forma distorta e φόβος, phobos = timore) è la fobia che nasce da una visione distorta che si ha del proprio aspetto esteriore, causata da un'eccessiva preoccupazione della propria esteriorità.
Il corpo non viene più percepito nella sua globalità, ma ci si concentra eccessivamente sull'aspetto esteriore o solo su una porzione del corpo. Molto spesso queste porzioni riguardano seno, capelli, cosce e fianchi per le donne; pene, testicoli, capelli per gli uomini.
Soffrire di questo disturbo (considerato una vera e propria malattia mentale) significa non apprezzarsi e avere paura di essere brutte. Significa essere talmente ossessionate dal proprio aspetto da vederlo pieno di difetti. Che, in realtà, non esistono. O almeno non a questi livelli.
Ma attenzione, tutte le donne conoscono i propri punti di forza e di debolezza, e adottano piccoli trucchi per mascherare le proprie imperfezioni. La dismorfofobia è un'altra cosa. È una fobia, appunto. Causa un forte stress emozionale, incapacità di tessere relazioni sociali con conseguente isolamento sociale. Si sviluppa nei soggetti in cui è basso il livello di autostima, sia maschi che femmine.
Così inizia la battaglia: cure estetiche, sacrifici e solitudine. Chi soffre di dismorfofobia è completamente concentrata sul proprio corpo: si chiude al mondo, si mette a dieta. Entra nei disturbi dell'alimentazione. Se può permetterselo, ricorre al bisturi. Vedere un miglioramento regala solo un sollievo temporaneo. Poi, la battaglia continua: il risultato non è mai abbastanza, e si evidenziano altre imperfezioni.
L'evoluzione: si finisce con l'odiarsi, con il sentirsi tanto inadeguate da non riuscire più ad avere rapporti con gli altri.
Esiste anche una faccia maschile della dismorfofobia. È il disturbo da dismorfismo muscolare. Chi ne soffre si vede sempre troppo esile e ogni suo sforzo è teso a far crescere i muscoli. Anche con diete sbagliate, assunzione di anabolizzanti ed esercizio fisico maniacale.

Come si può combattere la dismorfofobia?

Questa battaglia per un corpo migliore, perfetto, si può fermare cominciando a chiedersi da dove nasce la propria incapacità di accettarsi. Ciò che è essenziale in questi casi è acquisire un senso di fiducia in se stessi, tale da consentirci la possibilità di relazionarci armonicamente con gli altri, senza essere afflitti da complessi di inferiorità legati all'aspetto fisico.
Attraverso l'accettazione del proprio corpo si sviluppano l'autoconoscenza e l'auto-accettazione, determinanti per una piena e positiva maturità, che ci permette l'apertura alla relazione e al contatto con gli altri.
Ad ogni modo - trattandosi di una vera e propria patologia - il trattamento della dismorfofobia richiede l'intervento del medico e l'attuazione di una terapia psicologica di tipo cognitivo-comportamentale, cui può affiancarsi un eventuale trattamento farmacologico qualora il medico lo ritenesse necessario.


Per maggiori informazioni, leggi: Dismorfofobia



ARTICOLI CORRELATI

Come Avere una Pancia Piatta per una Prova Costume al Top Prepararsi per la prova costume Prova costume Prova costume (parte terza) Prova costume in forma per l'estate (parte seconda) Prova costume: consigli per un corretto uso Tabata Workout Addominali Sfida 4 Settimane Psicologia dello sport Autostima, sport e forma fisica Motivato nello Sport... Motivato nella Vita Motivazione dieta e palestra, ritrova e sostieni la tua motivazione! Sport Coaching: di cosa stiamo parlando? Come vincere la paura di sbagliare e avere prestazioni rilevanti Resilienza e Successo Intelletto ed Esercizio Fisico Perché fallisco sempre? Importanza della mente e dei suoi obiettivi Vigoressia Benefici dello sport sulla psiche Bigoressia Body Building e psicologia Abbandono dell'attività sportiva nell’adolescenza Allenamento o non allenamento? Questo è il... senso di colpa! Applicazione del biofeedback nella psicofisiologia dello sport e nell'allenamento Arti marziali e psicologia del confronto Aspetti sociologici, psicologici e pedagogici dello sport Consigli psiconutrizionali Drop-out sportivo nell'adolescenza Feedback ed autostima nello sport Felicità e sport Flow e peak performance Flow e peak performance: bibliografia Il condizionamento fisico nello sport attraverso il controllo della mente Immagine corporea body image Le capacità relazionali nel fitness Psicofisiologia dello sport e dell'allenamento Psicologia dello sport e prestazione sportiva Psicologia dello sport: concetto di flow Psicologo dello sport Rapporti tra Psicologo dello Sport ed Allenatore Ricerca di muscolarità e dismorfismo muscolare Sincronia - Psicologia dello sport Sindrome di "Highlander": la malattia degli over 40 nostalgici di gioventù Sport Contro L'anoressia Stress e fitness Stress ed attività fisica Stress ed esercizio fisico Tecnica di rilassamento Uscire dall'anoressia con lo sport Ci vuole testa per un buon allenamento Lo Sport: Una via di Uscita Ortoressia e Bigoressia: disturbi alimentari sempre piu' frequenti Psicologia dello sport su Wikipedia italiano Sport psychology su Wikipedia inglese Sindrome ansiosa sindrome su Wikipedia italiano Syndrome su Wikipedia inglese