Rasatura dei peli superflui

Il rasoio è senza dubbio la soluzione più comoda, ma anche la meno duratura, al problema dei peli superflui. Esso, infatti, si limita a rimuovere la parte di pelo che emerge dalla cute, senza intaccarne la radice.

Checché se ne dica, di per sé, il passaggio della lametta non rende i peli superflui più spessi o scuri, così come non ne rasatura peliaccelera o rallenta la crescita. In ogni caso, tende ad evidenziare il problema, perché il taglio operato dalla lama ne rende spigolosa ed affilata la punta, che diventa più ruvida al tatto. Durante questa fase, inoltre, il pelo può apparire piuttosto evidente, scuro, come rinforzato, ma in realtà non lo è, si tratta soltanto di un'illusione legata al maggior spessore della base rispetto alla punta asportata dal rasoio. Dal punto di vista biologico, infatti, la crescita dei peli superflui dipende dalla quantità di ormoni androgeni ed estrogeni circolanti (soprattutto dalla loro frazione libera), nonché dalla sensibilità dei follicoli piliferi alla loro azione (concentrazione dell'enzima 5-alfa reduttasi). Se si escludono fattori patologici (vedi cause dell'irsutismo), quelli appena citati sono elementi geneticamente determinati.

Chi vuole mantenere la propria pelle liscia per settimane dovrebbe utilizzare le lamette solo nei casi di emergenza, orientandosi verso la scelta di altri metodi depilatori o epilatori.
Attualmente, sono in commercio rasoi dotati di più lame e gel specifici per la rasatura. L'utilizzo di entrambi risparmia alla pelle tagli, graffi ed irritazioni. Allo stesso modo, dopo aver passato il rasoio, è consigliata l'applicazione di una crema idratante.

Il manuale della perfetta rasatura è riportato in questo articolo.



Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015