La Pedana Vibrante per l'Estetica, la Bellezza e il Benessere

A cura del Dottor Andrea Cristofori


« prima parte


Come sappiamo, l'incremento del flusso sanguigno e della sua velocità favoriscono, anche a livello linfatico, una riduzione dei processi di ristagno e di ritenzione, campi che preludono a patologie come la cellulite (dermopanniculopatia fibrosclerotica). Sono infatti numerose le testimonianze di tecniche medico-estetiche (come quelle mesoterapiche per esempio) precedute da applicazione vibratoria per ridurre i problemi di cellulite e di gonfiore.

Poi, in considerazione della teoria che vede anche nello squilibrio posturale uno dei fattori eziologici più frequenti di problematiche come la cellulite, allora l'azione dell'allenamento su pedana vibrante troverà un ulteriore e significativo campo applicativo (infatti con l'allenamento vibratorio è possibile ottenere grandi miglioramenti dal punto di vista posturale, del controllo dell'equilibrio e a livello propriocettivo).

Inoltre l'aumento della massa magra, la diminuzione della massa grassa e l'equilibrio funzionale di tutti i muscoli, contribuiranno a migliorare un più elegante e armonioso portamento, insieme a un aspetto più tonico e rassodato.
Come abbiamo evidenziato già in precedenza, gli effetti delle vibrazioni e  dell'esercizio vibratorio, danno Risultati Immediati sul metabolismo dell'individuo (con l'utilizzo della Pedana Vibrante sussultoria a movimento Verticale).
Infatti, con l'utilizzo delle pedane vibranti sussultorie verticali, si ha un innalzamento del metabolismo basale, dovuto al lavoro svolto dal muscolo; tale innalzamento permette una migliore capacità di sintesi dei grassi, di conseguenza una riduzione dello strato adiposo (di grasso) sottocutaneo.
Studi scientifici inerenti al dimagrimento per mezzo dell'utilizzo dello stimolo vibratorio, infatti, dimostrano che si registra un dispendio calorico aumentato del 20%, un aumento del metabolismo basale dal 10% al 15% fino alle 6-8 ore dopo lo stimolo vibratorio, un aumento del tono muscolare e della massa magra, che porta di conseguenza a un aumento stabile del metabolismo basale mediamente del 18% (grazie anche all'effetto dell'aumento del GH).
Il lavoro svolto con costanza sulla pedana vibrante porta ad un miglior rassodamento del muscolo, quindi diminuzione di ritenzione idrica e di cellulite; con l'aumento del tono muscolare anche la pelle ne risente, aumentando la propria elasticità; i primi risultati si ottengo e si notano già dopo 20 giorni utilizzando le pedane vibranti a movimento verticale per 10 minuti al giorno, minimo 3 volte la settimana.
Infatti per quel che riguarda la tonicità e il rassodamento muscolare studi scientifici hanno registrato una contrazione muscolare aumentata fino del 400% rispetto a prima dello stimolo vibratorio (senza un aumento significativo del volume) e un'attivazione del 95% delle fibre muscolari.
Durante una seduta di esercizi vibratori, il sangue viene distribuito grazie ad una maggiore capillarizzazione, anche ai tessuti meno soggetti a movimento, apportando sino a 50 volte più ossigeno rispetto ad una camminata.
Questo grande beneficio ha molteplici risultati dimostrati da test scientifici quali:
- miglioramento della circolazione
- diminuzione della cellulite grazie a importante effetto linfodrenante
- miglior tono muscolare
- aumentata elasticità e ringiovanimento della pelle
- riduzione del grasso
Infatti da studi scientifici si è potuto constatare che vi è un aumento del 200% generale della circolazione sanguigna e linfatica e una riduzione dell'indice di resistività periferica; vi è un'apertura di nuovi capillari, un aumento del 300% della circolazione sottocutanea e si registra uno scuotimento dei nodi linfatici, insieme ad un effetto drenante e di diuresi.
Altri studi confermano che si evidenzia un calo del grado della cellulite del 25,7% e del 32,3% abbinata a un'attività aerobica tipo cyclette.

Anche per quel che riguarda la salute della pelle si registra un aumento della temperatura sottocutanea, un aumento del circolo sanguigno, con conseguente maggior rifornimento di sostanze nutritive (nonché un potenziamento della produzione di collagene che favorisce una pelle più liscia, tonica ed elastica), e un maggior tono dei muscoli del viso. 
Le pedane vibranti inducono sostanziali e visibili benefici estetici, di bellezza e salutari.

Altro beneficio imputabile all'utilizzo di una pedana vibrante, ma di movimento fisico/motorio in genere, è la capacità del corpo di espellere, attraverso il miglioramento le tossine, vedi ad esempio acido lattico e altri cataboliti.
Dopo l'uso di pedane vibranti verticali sussultorie noterete un benessere psico-fisico, le vibrazioni della pedana vibrante sussultoria agiscono attraverso il rilascio nel nostro corpo, in modo del tutto naturale, di ormoni e di neurotrasmetittori quali la Serotonina, la Dopamina, le Catecolamine, il GH (ormone somatotropo aumentato del 460%) e le Beta-Endorfine che migliorano l'umore e danno una sensazione di benessere generale, del tutto simile a quella che si ha dopo che si è praticato dello sport sano  e dell'attività fisica all'aria aperta. Inoltre c'è un abbassamento del Cortisolo del 32% (ormone che produce lo stress).

Vi è proprio una sensazione di benessere prodotta dall'aspetto benefico ormonale, circolatorio e nocicettivo (diminuzione della sensazione di dolore).
Si riscontra anche un mantenimento e aumento della densità ossea a seconda delle ricerche dall'1,5% fino al 5,4% nel tempo di 3-6 mesi (importantissimo risultato contro la degenerazione ossea, quindi osteoporosi, in donne in menopausa e soggetti anziani).
Si registra anche un aumento dell'efficienza fisica generale: dal 12% al 50% di efficienza muscolare in più (a seconda delle diverse ricerche scientifiche).

Inoltre, sempre a livello di benessere, vi è anche un aumento della coordinazione, dell'equilibrio corporeo e dei riflessi in quanto le vibrazioni agiscono direttamente sulla propriocezione, ovvero il meccanismo che regola l'equilibrio e la percezione del movimento.