Mastoplastica additiva

A cura del Dottor Masino Scutari

 

Tra tutti gli interventi possibili nella chirurgia estetica, quello della mastoplastica additiva è uno tra gli interventi che presenta maggior richiesta da parte del pubblico femminile.
Vicino alla rinoplastica e alla liposuzione, esiste un consistente numero di donne che portano delle protesi mammarie poiché si sono sottoposte ad una mastoplastica additiva.
Per una donna, il seno risulta essere senza alcun dubbio il segno più visibile della femminilità: se per vari motivi (in seguito ad una gravidanza, all'età che progredisce, ad un dimagrimento....) il seno si svuota, viene a mancare un elemento che risulta essere fondamentale per il sentirsi donna. La donna, pertanto, sente un forte desiderio di riacquistare il seno che aveva in precedenza e ricorre così alla chirurgia estetica.

 

Mastoplastica additiva

Molte donne, invece, non hanno mai avuto un bel seno e decidono di concedersene uno che le possa far sentire veramente delle donne e possa dar loro una piena femminilità.
Dal momento che, al giorno d'oggi, esistono tecniche sempre più precise e sofisticate per realizzare questo desiderio, poche rifiutano di sottoporsi a questo intervento se ne sentono l'esigenza.
Molte di loro, spesso, per ritrovare un'armonia e sentirsi bene fisicamente e, a volte anche psicologicamente, vanno contro il parere del marito, della famiglia o del fidanzato e si sottopongono all'intervento di mastoplastica additiva.

Per chi è consigliata

La mastoplastica additiva è impiegata per aumentare il volume del seno e per migliorarne la forma.
Questo tipo di intervento è indicato in particolar modo per un seno piccolo, poco sviluppato o per un seno che si è ridotto di volume e leggermente rilassato con l'andare del tempo.
Se il rilassamento è troppo eccessivo, si dovrà agire in seguito con una mastopessi per risollevarlo; la mastopessi viene impiegata anche nel caso in cui le mammelle siano deformate o assimetriche.
Prima di effettuare l'intervento di mastoplastica additiva, sarebbe preferibile che lo sviluppo della ghiandola e del seno fossero completi, e cioè dopo i 18 anni. Per agire al meglio durante l'intervento, il chirurgo - prima di effettuare l'operazione - compirà una serie di misurazioni del seno e del torace, valuterà quanto la pelle è tonica e spessa e infine, stabilirà lo stato della ghiandola mammaria e la sua posizione.

Prima dell'operazione

Prima dell'operazione, il paziente dovrà sostenere un colloquio con il chirurgo per decidere la misura, il contenuto e la forma delle protesi.
Il medico inizia valutando le dimensioni del seno, del torace e la costituzione in genere, attenendosi sempre però alle preferenze personali del paziente stesso; in seguito, procede con il valutare se sono presenti assimetrie nella ghiandola e difetti nella posizione.
Il medico, proibirà l'assunzione dell'aspirina due settimane prima e due settimane dopo l'intervento, dal momento che questo farmaco  impedisce la totale capacità di coagulazione del sangue e può causare delle complicanze durante l'intervento.
Un mese prima, va sospesa anche la pillola anticoncezionale.
Prima di sottoporsi all'intervento è comunque necessario che sia verificata una buona condizione fisica con esami di laboratorio e una valutazione clinica, aggiungendo inoltre a questi ultimi un elettrocardiogramma e una radiografia al torace.
Il chirurgo deve dare al proprio paziente un tipo di informazione chiara e completa circa le complicanze che si possono verificare con l'uso delle protesi mammarie. Spesso, infatti, si tendono a sottolineare solo gli aspetti positivi e mai i rischi.
Come ultima cosa prima dell'intervento, il medico deve far firmare al paziente il foglio del consenso informato, naturalmente dopo averlo illustrato in tutti i suoi particolari.

Il momento dell'operazione

L'intervento di mastoplastica additiva può essere effettuato in anestesia generale, dove la paziente è addormentata completamente e respira mediante un tubo o una mascherina; o, può essere effettuato in anestesia locale con sedazione: in questo caso, la paziente viene sedata, le incisioni e i piani di intervento vengono anestetizzati. In seguito viene inserita la protesi mediante un'incisione di circa 5cm sul quadrante inferiore esterno o solco sottomammario, oppure nel cavo ascellare o nel contorno inferiore dell'areola.
Un'altra tecnica, poco usata, per inserire le protesi mammarie è effettuata per via transombelicale introducendo solo protesi riempite con soluzione fisiologica.
Al di sotto della ghiandola o del muscolo pettorale, si prepara una tasca, all'interno della quale verrà inserita la protesi. In base a come viene svolto l'intervento, può essere probabile che vengano posti due tubicini di drenaggio, che verranno riposti dopo due giorni.
La durata dell'intervento può durare da una a due ore.
Durante i primi giorni, in seguito all'operazione, il seno può presentarsi un po' più alto del normale; ma nell'arco di tempo che va dalle 3 alle 6 settimane si posiziona in modo naturale.

Dopo l'operazione

Se l'operazione è avvenuta con il paziente in anestesia generale, quest'ultimo deve rimanere in assoluto riposo a letto fino al giorno successivo.
E' consentito bere e mangiare cibi leggeri. Il medico chirurgo può somministrare degli analgesici o antibiotici.
Dopo aver effettuato la visita di controllo, il giorno seguente, il paziente può tornare a casa.
Se l'operazione è stata eseguita in anestesia locale, il paziente viene dimesso nel medesimo giorno in cui è stato effettuato l'intervento.
Il paziente dovrà poi sottoporsi ad una visita dopo quarantotto ore e ad un'altra visita per rimuovere una parte dei punti di sutura dopo 3 - 5 giorni.
Il resto dei punti viene rimosso totalmente dopo un'altra settimana.

 

Mastoplastica additiva

Se per chiudere le incisioni il medico chirurgo ha usato una colla, non sarà necessaria la seduta per togliere i punti.
Solo una medicazione è particolarmente necessaria: un reggiseno abbastanza consistente che dovrà essere tolto dal chirurgo stesso.
Le attività di routine, potranno essere riprese dopo una settimana di riposo, per lo sport leggero (come tennis, calcio, vela...) si dovranno aspettare almeno tre settimane e per sport più pesanti (come nuoto, danza, jogging...) dovranno essere aspettato un periodo di minimo sei settimane.
Se il paziente pratica attività sportiva e la protesi è stata posizionata al di sotto del muscolo, la ripresa sarà molto più lenta e durante e dopo l'intervento di mastoplastica additiva c'è una maggiore probabilità di sanguinamento.



ARTICOLI CORRELATI

Aumento del seno Estetica del Seno: Migliorarla con Fitness e Chirurgica Estetica Seno più alto e sodo - Chirurgia Mastopessi Mastoplastica Riduttiva Mammografia e protesi al seno Mastoplastica su Wikipedia italiano Mammaplasty su Wikipedia inglese Mammografia Allattamento al seno Ragadi al seno Tumore al seno Dolore al Seno Dolore al seno ciclo-indipendente Dolore al Seno da Ciclo Autopalpazione del Seno Biopsia al Seno Calicificazioni al Seno Cancro al seno: conosci i sintomi e le regole di prevenzione? Capezzoli - Struttura, Funzioni e Malattie Cisti al Seno Ecografia Mammaria - Ecografia al Seno Fibroadenoma al Seno Malattia di Paget del Capezzolo - Farmaci e Cura Mastectomia Mastopatia Fibrocistica Noduli al Seno Poppata, durata e frequenza delle poppate Visita Senologica - Visita al Seno Ingorgo mammario Carcinoma duttale in situ - carcinoma lobulare in situ Dolore alla mammella: Cause e Sintomi Fattori di rischio per il tumore al seno Ginnastica per il seno Gonfiore della mammella: Cause e Sintomi Gonfiore, calore al tatto e rossore della mammella Malattia di Paget del capezzolo Mammografia e mammografo Mammografia: quando fare la mammografia Mastite ed allattamento - Mastite puerperale Noduli al seno - Cause e Sintomi Pelle della mammella a buccia d'arancia: Cause e Sintomi Presenza di un nodulo mammario: Cause e Sintomi Produzione latte, latte seno Ragadi al Seno - Cause e Sintomi Ragadi al seno - Erboristeria Rientro del capezzolo: Cause e Sintomi Secrezioni sierose o di sangue dal capezzolo: Cause e Sintomi Seno più alto e sodo Seno prosperoso e postura Sintomi Cancro al seno Sintomi Ectasia duttale Sintomi Malattia di Paget del capezzolo seno su Wikipedia italiano Breast su Wikipedia inglese Interventi chirurgici su Wikipedia italiano Surgery su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 06/06/2017

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Colostomia: dieta post-operatoria consigliata e cibi concessi Colostomia: alcuni consigli dietetici Colostomia: gli accorgimenti per evitare sfiatamenti eccessivi e dal cattivo odore Colostomia: l’irrigazione intestinale transtomale La colostomia reversibile: alcuni dettagli del secondo intervento Il trapianto di polmone da donatore vivo Malattia di Hirschsprung: Una delle più comuni cause di occlusione intestinale neonatale In cosa consiste la biopsia polmonare “a cielo aperto”? In quale stadio si dovrebbe operare la cataratta? Che cosa sono le aderenze addominali? Sintomi e possibili complicazioni delle aderenze addominali Ricostruzione del legamento crociato anteriore del ginocchio: perché s’interviene? Ricostruzione del legamento crociato anteriore del ginocchio: alcune curiosità Gli effetti collaterali dell'anestesia generale Le complicazioni e i rischi dell’anestesia generale Che cos’è la resezione transuretrale della prostata e quando si mette in pratica? Per quali pazienti con ipertrofia prostatica benigna è sconsigliata la TURP? Quali sono i risultati della TURP nei pazienti con ipertrofia prostatica benigna? Principali passaggi operativi della resezione transuretrale della prostata Rischi e complicazioni della resezione transuretrale della prostata Che cos’è la sindrome da TURP? Le procedure alternative alla resezione transuretrale della prostata Che cos’è il cuore artificiale totale? Cuore artificiale totale e dispositivi con funzioni simili Che preparazione richiede l’impianto di un cuore artificiale totale? Quanto può durare l’impianto di un cuore artificiale totale? Ricovero post-operatorio dopo impianto di cuore artificiale totale Quali sono i rischi dell’impianto di un cuore artificiale totale? Impianto di un cuore artificale: indicazioni per adulti e bambini Che cos’è l’endoarteriectomia carotidea? Quando praticare un’endoarteriectomia carotidea? Che preparazione richiede l’endoarteriectomia carotidea? Endoarteriectomia carotidea: procedura passo per passo Rischi dell’endoarteriectomia carotidea Endoarteriectomia carotidea: fase post-operatoria Quando si pratica la gastrostomia endoscopica percutanea? Gastrostomia endoscopica percutanea (PEG): procedura Rischi e complicazioni della gastrostomia endoscopica percutanea (PEG) Controindicazioni della gastrostomia endoscopica percutanea (PEG) Vantaggi della gastrostomia endoscopica percutanea (PEG) Trapianto d’intestino tenue: cos’è? Trapianto d’intestino tenue: procedura Trapianto d’intestino tenue: fase post-operatoria Trapianto di cuore: procedura ortotopica Trapianto di cuore: procedura eterotopica Trapianto di cuore in modalità “organo vivente” Trapianto di fegato: dettagli sulla procedura con donatore vivente Addominoplastica: in cosa consiste?