Fragilità capillare

Vedi anche: caviglie gonfie


La fragilità capillare è un problema molto diffuso, specie nella popolazione femminile. Le cause di origine possono essere numerose, benigne o patologiche. Fragilità capillareSpesso coesistono predisposizioni genetiche, deficit nutrizionali (in particolare di vitamina C e avitaminosi P), temporanee alterazioni ormonali (gravidanza, fase premestruale) e scorrette abitudini comportamentali (eccessiva esposizione al sole, inattività fisica, sovrappeso / obesità e stress). Meno numerose sono invece le donne che soffrono di fragilità capillare per motivi di carattere patologico (ipersurrenalismo, malattie di Cusching, sindrome di Ehlers-Danlos, sindrome di Marfan) o iatrogeno (come nella terapia a base di corticosteroidi); anche alcune pillole anticoncezionali possono, in alcune donne predisposte, accentuare il problema.

La fragilità capillare si manifesta con la comparsa di macchie emorragiche puntiformi più o meno estese (petecchie, ecchimosi ed ematomi), soprattutto sul viso e sulle gambe. Tale quadro, quando particolarmente evidente, denota una condizione chiamata porpora, in cui le manifestazioni emorragiche tendono ad insorgere spontaneamente o dopo traumi di minima entità.

Escludendo cause di natura patologica e iatrogena, la fragilità capillare viene trattata soprattutto con interventi di natura dietetica e comportamentale. Molto gettonati sono, per la loro efficacia, i prodotti alimentari e dietetici a base di frutti di bosco (lampone, mirtillo, mora, ribes e uva spina), ciliege, prugne viola e vitamina C, a cui vengono spesso aggiunti - per i loro effetti antiossidanti - succo d'uva e di agrumi, tè verde e simili. Sempre in campo nutrizionale, viene talvolta suggerita una supplementazione con acidi grassi essenziali omega-3 e, rispolverando i libri di medicina popolare, una dieta particolarmente ricca di agrumi (in particolare di succo di limone concentrato).

Nell'ambito fitoterapico trova largo spazio l'impiego di estratti di polline, vite rossa e di altre droghe ricche in flavonoidi (Centella asiatica, Mirtillo, Propoli, Cardo mariano, Ginkgo Biloba, Rusco o pungitopo) e per questo dotate di azione capillaroprotettrice. I flavonoidi sono spesso indicati con la sigla vitamina P, mentre altre volte si fa riferimento alla sola esperidina; si tratta comunque di termini impropri.

In farmacia sono disponibili medicinali contenenti alcuni princìpi attivi di natura o derivazione vegetale, utili nel trattamento della fragilità capillare. Ne sono classici esempi la vitamina C (acido ascorbico), l'escina (ricavata dai semi dell'ippocastano), la rutina o rutoside e l'esperidina (bioflavonoidi particolarmente rappresentati negli agrumi -esperidina- e nel grano saraceno - rutoside - che hanno azione sinergica con la vitamina C; migliorano la salute del collagene e, di riflesso quella dei capillari; aumentano l'elasticità della parete venosa ed il riassorbimento degli edemi, risultando utili anche nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, grazie all'azione antipertensiva, antinfiammatoria ed ipocolesterolemizzante).

Fragilità Capillare - Rimedi Naturali



 

« 1 2 3 4


ARTICOLI CORRELATI

Vene Le vene formano un sistema convergente di vasi sanguigni, deputato a trasportare il sangue dall'estremità venosa dei capillari...Vene: anatomia Anatomia e Fisiologia Le vene sono dei vasi sanguigni dotati di una parete formata di tre strati che, dall'interno verso l'esterno...AortaL'aorta è la principale arteria del corpo umano, sia per dimensioni che in termini di elasticità: nell'adulto, è lunga approssimativamente...Sistema circolatorio e problemi circolatori negli arti inferioriLa circolazione sanguigna si suddivide in circolazione arteriosa e circolazione venosa: se la prima porta il sangue dal cuore alla...VasculiteLa vasculite è un'infiammazione delle pareti dei vasi sanguigni. Questo processo flogistico può verificarsi senza causa nota (vasculite...Arterie e arteriole Regolazione della pressione arteriosa Quando il ventricolo del cuore si contrae, il sangue viene spinto nelle grandi arterie; qui...EndotelinaCome il termine stesso suggerisce, le endoteline sono una famiglia di peptidi secreti dalle cellule endoteliali, dall'azione vasocostrittrice...Malattia di BehçetLa malattia (o sindrome) di Behçet è un raro e complesso disordine multi-sistemico coinvolgente i vasi sanguigni di piccolo e grande...Granulomatosi di WegenerCos'è la granulomatosi di Wegener? Perché insorge? Quali sono i sintomi? Come si diagnostica? Si può curare?
La granulomatosi...
EndotelioL'endotelio è il tessuto che riveste la superficie interna dei vasi sanguigni, dei vasi linfatici e del cuore. È costituito da un...Arterie Le arterie sono canali membranosi circolari, adibiti al trasporto di sangue dal cuore verso tutti i tessuti dell'organismo; allontanandosi...Capillari I capillari sanguigni sono deputati agli scambi metabolici tra sangue e liquido interstiziale (un fluido che circonda le cellule)...Coronarie e coronaropatie Le coronarie sono arterie deputate all'irrorazione e al nutrimento del cuore, a cui forniscono una quantità di sangue adeguata...Eritromelalgia - Sintomi e cause di EritromelalgiaL'eritromelalgia è una dolorosa vasodilatazione a carico dei vasi sanguigni periferici. Oltre al dolore, di tipo urente, nella zona...Fisiologia del circolo capillare Senza offesa nei confronti delle altre strutture anatomiche coinvolte, possiamo affermare che l'intero sistema cardiovascolare esiste...Sintomi AngiodisplasiaL'angiodisplasia è una malformazione vascolare che può interessare arterie, vene, vasi linfatici o capillari. Il difetto strutturale...