I confini tra cultura fisica e chirurgia estetica

A cura di Ivan Mercolini

Il Petto/Torace

PETTO MASCHILE

Partiamo, come è nostra prassi in questa trattazione, dalla valutazione di quello che il Personal Trainer può fare per l'estetica del vostro torace/petto, siate voi ragazzi o ragazze.
Iniziamo dai ragazzi...
Petto - AllenamentoQuanto qui in maniera più riassuntiva descrivo, va approfondito con una mia lezione di alcuni anni fa "Il Personal Trainer e l'estetica maschile" alias "Migliorare l'estetica maschile con l'allenamento" pubblicata in qs. stesso sito.
La cultura fisica può fare moltissimo per il torace maschile. Sul piano sagittale (cioè vista di profilo) la figura maschile prende spessore con un torace ampio, tramite i seguenti esercizi:

  1. Pullover con manubrio e meglio ancora con bilanciere. Tale esercizio manifesta appieno i suoi benefici se eseguito a partire dall'adolescenza, PRIMA che si abbia la calcificazione delle epifisi ossee (cioè verso i 18-20 anni). Il pullover, agendo sul piccolo pettorale e sul gran dentato, eleva le coste con una azione di tiraggio che continua anche durante i giorni di recupero. E' un effetto simile a quello apportato dalle protesi dentali (alias apparecchio per i denti). Perché questo effetto si verifichi è importante che la serie sia portata a cedimento e quindi sia eseguita con la massima intensità e carichi elevati in proporzione alla propria forza (cioè circa 8-10 ripetizioni). Come già spiegato nelle mie lezioni "Allenamento e dieta per la forza muscolare" ed "Heavy Duty" non servono molte serie, servono invece poche serie, ma intense. Dicevo sopra che il pullover con bilanciere, giovando di un maggiore braccio di leva, è ancor più proficuo per l'obiettivo di ampliare il torace lungo il piano sagittale. Inspirate a pieni polmoni nella fase eccentrica.
  2. Croci con manubri su panca piana o inclinata - per ottenere i benefici di "inspessimento" del torace aprite bene le braccia! Non effettuate quelle aperture brevi per farvi apparire più forti, magari addirittura tenendo gli avambracci flessi o semi-flessi. Tenete gli avambracci quasi del tutto aperti, con solo un angolo di 10-15°. Aprite bene fino ad ottenere un pre-stretch. Inspirate a pieni polmoni nella fase negativa. Il lavoro ampio, a cedimento, per 6-8 ripetizioni per poche serie (1-2) assicura il tono del dentato, quindi di nuovo trazione sulle coste, oltre naturalmente all'aumento di volume del gran pettorale. Per effettuare le croci con apertura molto ampia in fase discendente, è necessario avere le inserzioni omerali del gran pettorale molto flessibili. Per questo insisto con l'importanza della fase di condizionamento: prima di iniziare a usare grossi carichi bisogna aumentare gradualmente e aver acquisito ottimale padronanza dell'esecuzione. Integrate con esercizi di stretching per il tendine omerale del gran pettorale.
  3. Vari esercizi per il gran pettorale a presa media e presa stretta - in linea generale qualunque esercizio per il petto, eseguito con obiettivo ipertrofia, volumizzando il gran pettorale aumenta lo spessore toracico del Vs. profilo. In particolare per questo scopo sono ottimali gli esercizi a presa media e presa stretta.

Riassumendo, per prender volume toracico sul piano sagittale dovete lavorare sul tono e volume del piccolo pettorale e del gran dentato (in particolare dall'adolescenza, prima della chiusura delle epifisi) e dovete lavorare sull'ipertrofia del gran pettorale. Allenamento PettoraliSuccintamente, contribuiscono a creare spessore anche il volume del gran dorsale, del gran rotondo, e la retroposizione dell'omero tramite l'accorciamento anticifotico dei fasci posteriori del deltoide, del piccolo rotondo, del sottospinato. L'accorciamento e il tono si ottiene con lavori di extra-rotazione dell'omero.

Invece, sul piano frontale (vista di fronte) la figura maschile prende larghezza tramite i seguenti esercizi, in particolare:

  1. Lavoro del gran dorsale e del gran rotondo in larghezza, tramite trazioni al pulley verticale o alla sbarra a PRESA LARGA e/o adduzioni dell'omero ai cavi. Lavoro che deve sempre essere intenso, 6-10 ripetizioni a cedimento per poche serie. Questo vale sempre e non lo starò a ripetere nei trafiletti successivi.
  2. Lavoro del gran pettorale in larghezza, tramite spinte/distensioni a presa larga, sia che si tratti di lavoro calistenico a terra che lavoro con manubri-bilancieri.
  3. Lavoro di sviluppo in volume dei fasci intermedi dei deltoidi, con qualunque esercizio che comporti l'abduzione degli omeri. Poiché trattasi di ipertrofia, vale quanto da me scritto nella lezione HEAVY DUTY in merito.

Riassumendo, per prender ampiezza sul piano frontale a livello toracico, i ragazzi devono sviluppare l'ipertrofia dei fasci multipennati intermedi dei deltoidi; inoltre, devono far crescere in larghezza schiena e petto: questo si ottiene lavorando il dorso con trazioni verticali a presa larga, adduzioni dell'omero, e lavorando il petto con spinte ad impugnatura larga.
Il tutto, naturalmente, con intensità tale da sovraccaricare la fisiologia muscolare, tale per cui si giustifichi una reazione compensativa.
L'alimentazione, assieme alla relativa integrazione, dovrà essere idonea ad un lavoro di ipertrofia; per cui alimentazione leggermente ipercalorica rispetto al mantenimento, proteine ad alto VB sopra 1.5g pro chilo di peso e carbo sopra i 4g pro chilo di peso. Ricordate che per ogni 700 g di muscolo acquisito è bene non prendere oltre 300g di grasso, altrimenti avrete poi difficoltà a definirvi al momento opportuno (se ciclizzate).
Non scrivo oltre in merito poiché vi rimando alle mie lezioni HEAVY DUTY e ALLENAMENTO E ALIMENTAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA FORZA.

 

Invece, per quel che riguarda la chirurgia, poco si può fare per l'estetica del torace maschile. Lasciando perdere condizioni patologiche infatti - che non sono sede di qs. trattazione - l'unico intervento plausibile è l'impianto di protesi al silicone. Protesi Silicone Petto UomoMa questa pratica è pressochè sconosciuta in Italia e per ovvie ragioni: è assolutamente ridicolo che un maschio simuli le forme muscolari con protesi al silicone. Per mia esperienza, per i casi che ho potuto vedere, posso assicurare che il risultato è sempre ridicolo, salvo non si tratti di un culturista in gara che faccia piccoli ritocchi.
Il risultato di impianti al silicone in un corpo maschile, a simulare pettorali, è sempre grottesco, poiché è evidente la disomegeneità di questa zona rispetto al resto del corpo. Inoltre, il silicone non simula bene i fasci muscolari, la loro elasticità, quindi i vostri movimenti appaiono subito innaturali e motivi di giustificate risatine. Se non volete spendere soldi per apparire ridicoli, lasciate perdere assolutamente questa idea e passate ai risultati proficui del duro lavoro in sala pesi sopra menzionati.
Posso dire lo stesso per l'uso del Synthol, da limitarsi solo per ritocchi e limitatamente a professionisti del BB in gara. Per tutti gli altri casi non ne vedo ragione d'uso.


« 1 2 3 4 5 6 7 8 9 »


Ultima modifica dell'articolo: 31/12/2015

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Torace a Botte