La preparazione al book fotografico (per lei e per lui)

A cura di Ivan Mercolini

Definizione di alcuni termini citati

Per aiutare chi è nuovo a questo settore, definisco  alcuni termini:

  1. Z-CARD o COMPOSIT: è una pagina di 12x17 cm con un beauty sulla facciata ed una collezione di varie immagini a figura intera per mostrare la versatilità del modello/a sul retro, come già citai nelle prime pagine. Reca in calce il numero di cellulare o email, le misure e i dati principali (colore occhi e capelli, altezza, peso, ecc.). E' l'equivalente di un biglietto da visita da distribuire a fotografi, art director, casting agents, model management, ecc. Portatene sempre alcune copie con voi.
  2. BOOK: consiste in circa 20 o più fotografie nel formato 23x30 cm e ritagli di giornale  (per chi già è in carriera ovviamente) che vi mostrano in diversi look. Potrebbe avere impresso il logo del model management dove si è iscritti.
  3. PRIMO PIANO - BEAUTY: una foto in bianco e nero 20x25 cm che deve esprimere una forte personalità per lui, tanta dolcezza e luminosità per lei. Per entrambi i sessi: un sorriso pulito.

Considerazioni conclusive e ringraziamenti

Se siete arrivati a leggere sino a questo punto, avrete compreso chiaramente che essere modelli/e professionisti non significa semplicemente aver avuto una "nascita fortunata". Dico questo soprattutto perché in piccole città come la mia Pesaro, l'aver sfilato per un parrucchiere o per la parrocchia, comporta automaticamente il darsi ingiustificate e risibili arie. Un giorno, quando sarete famose (e ve lo auguro), potrete vivere del vostro solo nome, e a quel punto tutto vi sarà concesso: chili di troppo, tatuaggi, comportamenti disdicevoli, ecc.. Ma prima di allora, ricordate che il lavoro da fare è tanto. Si può far carriera o con la propria bravura unita alla connaturata bellezza, oppure col metodo più antico del mondo. Ho dato per scontato che vogliate usare il primo metodo, altrimenti non avrei stilato queste pagine. La preparazione "dell'ultima settimana" è solo la punta di un iceberg di un lavoro di dedizione e sacrificio che dura tutto l'anno. Chi mi segue da mesi in questo nostro sito, lo sa bene. Se siete aspiranti modelli/e vi dico: "Il successo è un obbligo". Non potete permettervi di rimanere anonimi e vi spiego il perché. La creazione della bellezza è arte, scolpire un corpo è un lavoro di perizia e di sensibilità tanto quanto scolpire il marmo. Entrare nel campo della poesia, dell'arte, della musica, significa elevarsi, significa mettere le ali e giungere ad altezze vertiginose. Significa avere sensibilità, spessore, una dimensione in più che in genere le masse ancora non hanno acquisito per evoluzione mancante. L'arte è qualcosa di impalpabile per loro, di troppo astratto e sottile per chi ancora striscia nel bidimensionale, da cui il saggio adagio: "Non dare le perle ai porci". Nel bidimensionale si comprendono le cose concrete, palpabili, cose che si possono toccare con mano e riempiono lo stomaco. Per troppi secoli hanno conosciuto miserie, carestie, fame.  Serve la sicurezza che danno il successo e il denaro. Ooooh, Denaro! Tu signore dell'uomo medio che fai rendere ossequiato e ricercato chi per il suo reale valore dovrebbe esser rifuggito e disprezzato, e viceversa, che fai  sopportare ciò che sarebbe insopportabile ed accettare la più umiliante delle situazioni; che legittimi chiamandolo dovuto e giusto guadagno, lo sfruttamento più crudele, il furto più sfacciato e la più insaziabile avidità; che fai dare torto a chi ha ragione e viceversa, premiare chi non è il migliore e ottenere il proibito. Il denaro è l'unità di misura del valore di un individuo nel bidimensionale. Book considerazioniQuindi, se volete evitare la solitudine, dovete imparare a parlare il loro linguaggio, anche se vi ripugna. Essi non comprendono il vostro lavoro se esso non porta a risultati tangibili in termini economici. Quindi se diventerete una modella con introiti significativi, sarete stimate. Se anche obiettivamente foste virtuose e bellissime, ma non riusciste a sfondare nel campo pratico, sarete solo persone pazze che si privano dei piaceri e dirò degli eccessi della vita bidimensionale. Sarete vittime delle ingiurie di chi vuole sfogare la sua frustrazione di essere limitato e invidioso. Sì, invidioso, perché tutto sommato le masse capiscono che avete qualcosa in più di loro: SIETE LIBERI, e la vostra volontà domina gli istinti rendendovi equilibrati e padroni di voi stessi, e non c'è niente che irriti di più un mediocre, dello spiattellargli in faccia i suoi limiti. Aspiranti modelli/e, tutti lotteranno contro di voi, perché se voi salirete in altezza, dimostrerete loro che sono dei "nanetti da giardino". E se per caso diventasse di moda questo stile di vita così sobrio e sacrificato (dal loro punto di vista),  che ne sarebbe di loro che non sanno volare?
Quindi, in sintesi, aspettatevi questo: all'inizio partirete in compagnia, finché si tratterà di giocare/provare, poi piano piano diventerete sole/i, se riuscirete a salire di altezza. Cercheranno di tirarvi giù per i piedi. A questo punto dovrete cercare il successo economico, parlare un linguaggio a loro comprensibile, così ritornerete ad esser ricercate e circondate di amici.... o ruffiani per usare un termine più corretto. Se non toccate questo ultimo punto, se vi fermate prima perché all'altezza siete giunte non per un vostro capriccio, ma per espressione del vostro intimo sentire elevato, beh, è probabile che vi tocchi la solitudine come chi vi scrive.
Con questo saggio ho tolto il sigillo ad un altro dei miei segreti. Spero vivamente che lo utilizziate proficuamente per la vostra carriera. Ringrazio per il contributo il Colgan Institute, The Institute for Optimum Nutrition, l'Università di Salute ed Educazione Fisica di New York, L'Università di scienze dell'esercizio del Massachussets, l'Università di Scienze Motorie del Michigan, il prof. Roberto CALCAGNO; ringrazio poi per i suggerimenti il modello fitness Clark BARTRAM e i professionisti del settore Rick Schaff, Martin Ryter, Jason Ellis, Kelly Hanna. Ringrazio infine per la parte filosofica il Cerchio Firenze 77.
Bene, ora sono stanco. E' Ferragosto, dovrei riposare, ma c'è ancora così tanto da fare. Torno nella tranquillità di Bagni TINO, nella mia PESARO, nella mia serena solitudine. E tra ricordi ormai scoloriti dagli anni, rivedrò frammenti di quella ragazzina dagli occhi di cielo per cui tutto è cominciato. Quella ragazzina, oggi donna, che forse non rivedrò mai più.
Un abbraccio,

 

IVAN MERCOLINI
BodyBuilding & Fitness Instructor, Personal Trainer Body For Life System, Model Trainer


« 1 2 3 4 5