Le arti marziali e la psicologia del confronto

A cura del dottor Antonio Romano


Nelle arti marziali tutto comincia dal contatto fisico: toccare, afferrare, prendere, colpire, lottare, sudare con e contro l'"altro".
Vi sembra facile?! Immediato?! Tutti i cuccioli lo fanno?! Eppure è proprio qui che si incontrano le prime resistenze, le prime difficoltà.

La società moderna si basa sempre più su di una comunicazione verbale ed audiovisiva, in sostanza, una cultura del non-contatto.
Esiste una scienza, chiamata prossemica che si occupa proprio di questo. Del modo, cioè, in cui l'uomo utilizza lo spazio intorno a sé, di come reagisca ad esso e, di come, usandolo può comunicare certi messaggi attraverso un linguaggio non-verbale.

Un esempio?!

Pensate ad una situazione: metropolitana semi-deserta.
In condizioni classiche le persone si distribuiscono automaticamente a grande distanza le une dalle altre, creando quasi, tra di loro, dei triangoli equilateri.

 

Psicologia del confronto 

 

Pensate ora alla stessa situazione con qualcuno che vi invade.
Una persona che, nonostante ci sia molto spazio, si posiziona accanto a voi, praticamente appiccicato.
Cosa fareste?! No, non ditelo, la risposta è fisiologica:

La frequenza cardiaca aumenta, nel sangue viene immessa adrenalina, i muscoli si contraggono e si preparano ad un attacco.
E' una risposta ad una situazione in cui ci sentiamo in pericolo.
Classicamente, a questo punto, iniziamo a trasmettere una serie di segnali preliminari per indicare il nostro disagio (dondolare una gamba o muoverci sulla sedia).
Subito dopo, la chiusura diventa più evidente, il mento si flette e le spalle si chiudono.
Se tutti questi segnali, consciamente o inconsciamente, non vengono percepiti dal nostro "invasore" allora ci allontaniamo dal luogo.

Ognuno di noi possiede proprie "bolle prossemiche", spazi all'interno dei quali ci si sente sicuri, spazi che aumentano o diminuiscono in base alla familiarità e al grado affettivo che abbiamo con l'interlocutore o la persona che ci sta accanto.
Fanno parte di noi e del nostro background socio-culturale (le popolazioni nord-africane hanno distanze prossemiche ridotte rispetto a quelle europee).
Pensate alle distanze che sono necessarie ad un ragazzo autistico per sentirsi sicuro dalle "invasioni" delle persone che lo circondano, realtà differenti, esigenze differenti.

Diventa quindi immediato di come l'esperienza del confronto (e dello scontro) sperimentata nelle discipline marziali, sia un'occasione formativa per conoscere se stessi più approfonditamente ed evidenziare le proprie modalità di comportamento in situazioni di stress.
Accettare un altro nella propria "bolla prossemica" diventa un modo per analizzare sé stessi.
L'analisi del sé, se gestita con competenza, diventa un ottimo esercizio dove "allenarsi" ad utilizzare al meglio le proprie potenzialità, un vero e proprio brain training. Apprendere nuovi schemi di comportamento, da utilizzare nel momento del confronto, è come spiccare un salto nel vuoto. E' necessario fidarsi di chi ci sta accanto.



ARTICOLI CORRELATI

Psicologia dello sportAutostima, sport e forma fisicaMotivato nello Sport... Motivato nella VitaMotivazione dieta e palestra, ritrova e sostieni la tua motivazione!Sport Coaching: di cosa stiamo parlando?Come vincere la paura di sbagliare e avere prestazioni rilevantiResilienza e SuccessoIntelletto ed Esercizio FisicoPerché fallisco sempre? Importanza della mente e dei suoi obiettiviBenefici dello sport sulla psicheBigoressia Body Building e psicologiaAbbandono dell'attività sportiva nell’adolescenzaAllenamento o non allenamento? Questo è il... senso di colpa!Applicazione del biofeedback nella psicofisiologia dello sport e nell'allenamentoAspetti sociologici, psicologici e pedagogici dello sportConsigli psiconutrizionaliDrop-out sportivo nell'adolescenzaFeedback ed autostima nello sportFelicità e sportFlow e peak performanceFlow e peak performance: bibliografiaIl condizionamento fisico nello sport attraverso il controllo della menteImmagine corporea body imageIntervista a Lorenzo Manfredini, Psicologo, Psicoterapeuta e GiornalistaLe capacità relazionali nel fitnessProva costume e sindrome da bikini | Psicologia |Psicofisiologia dello sport e dell'allenamentoPsicologia dello sport e prestazione sportivaPsicologia dello sport: concetto di flowPsicologo dello sportRapporti tra Psicologo dello Sport ed AllenatoreRicerca di muscolarità e dismorfismo muscolareSincronia - Psicologia dello sportSindrome di "Highlander": la malattia degli over 40 nostalgici di gioventùSport Contro L'anoressiaStress e fitnessStress ed attività fisicaStress ed esercizio fisicoTecnica di rilassamentoUscire dall'anoressia con lo sportCi vuole testa per un buon allenamentoLo Sport: Una via di UscitaOrtoressia e Bigoressia: disturbi alimentari sempre piu' frequentiPsicologia dello sport su Wikipedia italianoSport psychology su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 17/06/2016