Risposte fisiologiche e dispendio energetico durante un combattimento di Judo e nel periodo di recupero

A cura del Dr. Gianpiero Greco


I seguenti studi analizzano le risposte fisiologiche dei praticanti di Judo. Sarà possibile, alla base dei risultati delle ricerche, stilare un programma di preparazione atletica ben preciso e fornire delle indicazioni adatte sull'integrazione alimentare.

La frequenza cardiaca media registrata durante il combattimento corrisponde al 92% (182 bpm) di quella massimale (198 bpm) misurata al VO2max (55 ml/min/kg).
Ciò farebbe pensare ad un'attività di potenza parzialmente anaerobica; invece è stato osservato un aumento delle concentrazioni di FFA, glicerolo e trigliceridi nel plasma nonché di colesterolo totale e HDL.


Dispendio energetico Judo

T1: valori a riposo
T2: valori a 3 minuti dopo il combattimento
T3: valori a 60 minuti dopo il combattimento
T4: valori a 24 dopo il combattimento

 

Dispendio energetico Judo

 

Da cosa può dipendere tutto ciò?


 

Dalla durata totale dell'esercizio, che include i 20 minuti di riscaldamento e tutta la lunghezza del combattimento.
Dagli adattamenti metabolici indotti dalla ridotta disponibilità di carboidrati, che potrebbe essere limitata per assicurare una rapida resintesi di glicogeno dopo gli allenamenti.
Da adattamenti ormonali suscitati dall'allenamento come la sensibilità alle catecolamine, che migliora l'attività lipolitica.
La maggiore attività della lipoproteina lipasi provoca l' aumento del colesterolo HDL, che ha un ruolo molto importante nel sistema di trasporto degli FFA.
Inoltre, è stato osservato un aumento delle concentrazioni plasmatiche di ammoniaca.

 

Dispendio energetico Judo

 

Potrebbe essere la conseguenza della ridotta disponibilità di glicogeno muscolare, che danneggia la resintesi di ATP e conduce all'accumulo di AMP nonché ad una sua maggiore attività catabolica per attivazione delle fibre di tipo II con comparsa della fatica periferica.


Dispendio energetico JudoDispendio energetico Judo


L'aumento delle concentrazioni di acido urico dipende anch'esso dal catabolismo dell'AMP ed è un indicatore della disponibilità dei carboidrati e delle riserve di glicogeno muscolare; inoltre, ricopre un ruolo nella difesa ossidativa del muscolo durante l' esercizio.
L'aumento delle concentrazioni di urea indica l' attivazione del catabolismo proteico.

 

Dispendio energetico JudoDispendio energetico Judo

Nei 60 minuti successivi al combattimento, i livelli plasmatici di trigliceridi, acidi grassi liberi e glicerolo sono rimasti elevati.
Questo indica che la lipolisi partecipa alla resintesi delle riserve di glicogeno muscolare offrendo FFA come substrati energetici e glicerolo come substrato per la neoglucogenesi epatica.

 

IN SINTESI:

  • Il glicogeno muscolare non è l'unico substrato utilizzato durante un combattimento di judo.
  • Viene stimolato il metabolismo lipidico e proteico, e ciò conferma la notevole attività dei processi ossidativi.
  • Il meccanismo anaerobico alattacido dà certamente un contributo rilevante viste le caratteristiche tecniche.
  • Il meccanismo anaerobico è attivo con livelli medi di lattato plasmatico di 12.3 mmol/l.
  • Potrebbero incidere nell'utilizzazione dei substrati energetici notevoli fattori, tra cui la disponibilità dei carboidrati, l'adattamento all'allenamento e lo stress metabolico.

Bibliografia


Callister R., Callister R.J., Fleck S.J., Dudley G.A.: Physiological and performance responses to overtraining in elite judo athletes.Med. Sci. Sports Exerc. 22:816-824, 1990.
Callister R., Callister R.J., Staron R.S., Fleck S.J., Tesch P., Dudley G.A.: Physiological characteristics of elite judo athletes.Int. J. Sports Med. 12:196-203, 1991.
Chinda D., Umeda T., Shimoyama T., Kojima A., Tanabe M., Nakaji S., Sugawara K.: The acute response of neutrophil function to a bout of judo training.Luminescence 18:278-282, 2003.
Degoutte F., Jouanel P., Filaire E.: Energy demands during a judo match and recovery. Br. J. Sports Med. 37:245 - 249, 2003.
Ebine K., Yoneda I., Hase H.: Physiological characteristics of exercise and findings of laboratory tests in Japanese elite judo athletes. Médecine du Sport 65:73 - 79, 1991.
Filaire E., Sagnol M., Ferrand C., Maso F., Lac G.: Psychophysiological stress in judo athletes during competitions. J. Sports Med. Phys. Fitness 41:263-268, 2001.
Franchini E., Yuri Takito M., Yuzo Nakamura F., Ayumi Matsushigue K., Peduti Dal'Molin Kiss M.A.: Effects of recovery type after a judo combat on blood lactate removal and on performance in an intermittent anaerobic task. J. Sports Med. Phys. Fitness 43:424-431,2003.
Salvador A., Suay F., González-Bono E., Serrano M.A.: Anticipatory cortisol, testosterone and psychological responses to judo competition in young men. Psychoneuroendocrinology 28:364-375, 2003.
Serrano M.A., Salvador A., Gonzàlez-Bono E.G., Sanchis C., Suay F.: Relationships between recall of perceived exertion and blood lactate concentration in a judo competition. Percept Mot. Skills 92:1139-1148,2001.
Suzuki M., Nakaji S., Umeda T., Shimoyama T., Mochida N., Kojima A., Mashiko T., Sugawara K.: Effects of weight reduction on neutrophil phagocytic activity and oxidative burst activity in female judoists. Luminescence 18:214-217, 2003.

Umeda T., Nakaji S., Shimoyama T., Yamamoto Y., Totsuka M., Sugawara K.: Adverse effects of energy restriction on myogenic enzymes in judoists.J. Sports Sci. 22:329-338, 2004.



Ultima modifica dell'articolo: 17/04/2015