Pedane vibranti: utilità e controindicazioni

A cura di Massimo Armeni


I pro e i contro della vibrazione

 

Sempre più frequentemente ricevo mail in cui mi si chiedono informazioni riguardo gli effetti dell'utilizzo delle pedane vibranti e, infatti, negli ultimi tempi si parla sempre più frequentemente dei presunti effetti miracolosi della vibrazione.
Pedane vibrantiHo deciso di scrivere questo breve articolo, volutamente non tecnico, perché ritengo sia doveroso spiegare alle persone che non si intendono di riabilitazione o di scienza dell'esercizio cosa succede dal momento che si effettua un trattamento allenante vibratorio.
Come spiegazione, non riporterò ovviamente la mia soggettiva opinione, ma ciò che riporta la comunità medico-scientifica mondiale attraverso le principali e più importanti pubblicazioni del settore.
Quello della vibrazione è un concetto relativamente recente.
Il Prof. Carmelo Bosco Ph.D., D.U., D.hon.C., da pochi anni scomparso prematuramente, uno dei massimi esperti mondiali di biomeccanica e di fisiologia dell'allenamento, ha per primo introdotto il concetto della vibrazione alla fine degli anni '90.
Dopo anni e anni di studi e ricerche il professore ed il suo staff sono arrivati a realizzare e ad affinare un complesso sistema di stimolazioni vibratorie che agivano sul sistema osteo-artro-mio-fasciale e sul sistema neurologico.
Il risultato pratico di questo affascinante studio fu la realizzazione di una particolare pedana vibrante, la N.E.M.E.S. (NEuroMuscularMEccanicalStimulation), realizzata con criteri esclusivamente medico-scientifici.
Basti pensare che la NEMES è tuttora utilizzata dagli astronauti della NASA per prevenire e contrastare gli effetti della sarcopenia (declino della massa muscolare) e della osteopenia (declino della massa ossea) indotti dalla assenza di gravità nello spazio.
I principali pro del trattamento vibratorio con la NEMES, approvati dalla comunità scientifica mondiale, sono i seguenti:

  1. miglioramento della forza massimale (negli atleti)
  2. miglioramento della forza esplosiva (negli atleti)
  3. miglioramento della capacità respiratoria
  4. miglioramento dei processi di ossificazione
  5. miglioramento della mineralizzazione ossea nei pazienti osteoporotici
  6. miglioramento nella sintesi di alcuni ormoni

E' da sottolineare che non esiste un solo programma vibratorio ad una determinata frequenza, ma diversi programmi a diverse frequenze eseguiti con il soggetto in diverse posizioni corporee.
Inoltre, il soggetto che si sottopone al trattamento è sempre seguito da uno specialista dell'esercizio.
Dunque è vero che il trattamento vibratorio incide positivamente su diversi fattori, ma a patto che la pedana utilizzata sia scientificamente testata e certificata, e a patto che il trattamento sia supervisionato da personale tecnico specializzato.
Si prendono queste accortezze perché vi sono diverse controindicazioni assolute all'esecuzione della Vibrazione Corporea Totale (WBW-Whole-Body Vibration).
Gli studi condotti sulla vibrazione diretta sulla colonna vertebrale indicano che la vibrazione può causare o essere una concausa dei seguenti danni:

  1. protrusione e/o erniazione del disco intervertebrale
  2. degenerazione delle massa ossea vertebrale
  3. osteoartrite

La vibrazione che è indotta dalla colonna alla testa può causare i seguenti danni:

  1. diminuzione dell'udito
  2. indebolimento della visione
  3. danno vestibolare
  4. emorragia cerebrale a frequenze e magnitudo troppo elevate

Per chiarire meglio i danni che un errato allenamento vibratorio può arrecare darò una ulteriore spiegazione: nelle pubblicazioni di clinica e fisiologia dell'esercizio, come in altre del resto, si riportano i risultati di studi e ricerche effettuate su soggetti "viventi"; nel caso specifico, cioè nelle ricerche sulla vibrazione, sono stati adottati i cosiddetti "criteri di esclusione".
Ciò significa che persone con determinate problematiche fisiche non potevano partecipare agli esperimenti, dato l'alto rischio di peggioramento dei sintomi che avrebbero potuto sviluppare se si fossero sottoposte al trattamento vibratorio.
Questi criteri di esclusione includono:

  1. storia di dolore lombare
  2. infiammazione acuta della pelvi o degli arti inferiori
  3. trombosi acuta
  4. osteosarcoma (tumore delle ossa)
  5. fratture recenti
  6. impianti recenti
  7. litiasi (calcolosi) epatica, renale e della colecisti
  8. malattie della colonna vertebrale
  9. malattia vascolare periferica
  10. gravidanza

Quindi ben vengano gli allenamenti vibratori, ma a patto che siano supervisionati e prescritti da personale tecnico specialistico.
Inoltre le persone che si riconoscono nelle condizioni di cui sopra non dovrebbero assolutamente sottoporsi a nessun tipo di trattamento vibratorio.
Perciò invito le persone che leggeranno questo articolo a non fidarsi di nessuna promessa miracolosa (perdita di peso, diventare più belli, ringiovanimento!!) e a consultarsi sempre con il medico o col tecnico specialista prima di intraprendere un qualsivoglia programma di condizionamento vibratorio.
Alla prossima...



Ultima modifica dell'articolo: 10/05/2016