Pedana vibrante: nuovo mito mediatico

A cura di Francesca Fanolla


Fino a qualche anno fa i mass-media ci tempestavano di spot riguardo ai miracolosi elettrostimolatori divenuti per molto e per molti un attrezzo fondamentale di vita quotidiana, un po' come poteva essere la vecchia sgangherata cyclette negli anni "80 o l'ultimo miracoloso (ma ahimè, nel 70% dei casi inutile!) attrezzo per gli addominali.
Pedana vibranteNel tempo le mode esplodono, coinvolgono tutti come un uragano e poi... passano e finiscono nel dimenticatoio (o nel ripostiglio!) lasciando il posto all'ultima novità del fitness "mediatico', come son solita definirlo. Da qualche tempo è sulla scena la Pedana Vibrante, tanto decantata negli stacchi pubblicitari tra le varie telenovelas, sulle riviste fitness - e non solo - e proposta  nei vari pacchetti-abbonamento nei Centri Sportivi.
Purtroppo, innovazioni e attrezzature come il sopraccitato elettrostimolatore e la pedana vibrante hanno sì una loro effettiva efficacia, essendo comunque frutto di studi scientifici specifici, ma sempre e comunque se utilizzati nel giusto modo, con i criteri adatti e sotto il controllo di specialisti del settore medico-sportivo.
Purtroppo però, come accade appunto oggi, tali ausili finiscono immediatamente nel circuito mediatico che li sfrutta come fonte di guadagno, proponendoli al pubblico come oggetti "miracolosi'. E così ci troviamo dinanzi a frasi illusorie del tipo: "sei stanco di andar in palestra? Perché sudare e affaticarti? 10 minuti al giorno di Pedana Vibrante sono SUFFICIENTI per avere un corpo perfetto!'.
Certamente, chi di sport e fitness un po' se ne intende non può far altro che sorridere dinanzi a tali frasi, ma chi effettivamente non ha mai praticato attività fisica, chi non ha mai frequentato una palestra, vuoi per pigrizia, vuoi per mancanza di tempo, la beve tutta.
E così, in ogni casa si trova spazio per questa pedana dalle vibrazioni miracolose e diviene quasi un oggetto di culto, chiacchierato con gran fierezza dalle signore casalinghe illuse di poter affrontare magari la prova costume semplicemente guardando la Tv e impostando un programma di 10min sulla Pedana.
Che tristezza...
Ma queste pedane vibranti funzionano realmente? E soprattutto BASTANO DA SOLE per raggiungere determinati obiettivi di benessere e forma fisica? Vediamo quali sono i benefici e in che misura.


EFFETTO DRENANTE:

"Anche la cellulite più ostinata svanirà con la pedana vibrante!' questo è ciò che gli spot ci promettono. Come sappiamo, la cellulite è un inestetismo cutaneo derivante da disfunzioni del sistema linfatico periferico che, da studi scientifici, dimostra essere stimolato esclusivamente con l'esercizio fisico. I vasi linfatici intorno ai muscoli si contraggono solo volontariamente, essendo strettamente connessi sia alla pulsazione arteriolare sia alla contrazione muscolare e  cioè con movimenti di contrazione-decontrazione volontari dei muscoli. Durante l'allungamento muscolare i fluidi interstiziali entrano nei vasi aperti, mentre durante la contrazione muscolare vengono spinti fuori. Quindi, scientificamente parlando, non ci sono studi che attestino l'effetto drenante alle vibrazioni, soprattutto quando avvengono in posizione statica (come sulle pedane vibranti).

TRATTAMENTO  E PREVENZIONE DELL'OSTEOPOROSI:

tale patologia ossea si manifesta a causa di un deterioramento strutturale osseo con conseguente riduzione della densità ossea, seppure con differenze tra i vari distretti osteo-articolari. Gli studi e la letteratura scientifica dà giudizi positivi sull'efficacia delle pedane vibranti nel trattamento dell'osteoporosi, in quanto andrebbero a stimolare le ossa in modo anabolico frenando la demineralizzazione ossea.
Tuttavia, il fattore limitante risiede nel fatto che non tutti possono utilizzare gli effetti benefici delle vibrazioni, come coloro affetti da patologie a carico del sistema osteo-articolare come ernie discali, spondilolisi e spondilolistesi.

Seconda parte »