Il metodo degli "sforzi pesanti"

A cura di: Francesco Currò


Derivata dal weightlifting, quella che segue è una proposta per incrementare contemporaneamente - ed in maniera considerevole - sia la forza che la massa muscolare.
In pratica, mediante un piramidale a basse ripetizioni, si cerca di raggiungere dei carichi sub-massimali al fine di stimolare massimamente il sistema nervoso. sforzi pesantiSuccessivamente, utilizzando un carico ottimale pari all'80% del massimale, si stimola l'ipertrofia delle fibre muscolari, aumentando i diametri trasversi ed assicurando la materia base della forza muscolare.
La proposta parte dal presupposto che ogni stimolo che aumenta l'intensità dell'attività muscolare, anche se di durata breve, lascia una “traccia” nel sistema nervoso. Questa traccia persiste per un certo tempo e può influire notevolmente sull'attività muscolare successiva aumentandone l'effetto.
Il metodo risulta efficace solo se utilizzato in condizioni di freschezza fisica (soprattutto a livello di sistema nervoso) e non può essere utilizzato in maniera continuativa per lunghi periodi. Solitamente, per evitare “stalli” o infortuni, le metodologie vanno alternate o cilcizzate. Quindi, se decidiamo di adottare “massicciamente” tale sistema, possiamo farlo, ma a cicli distanziati (vedi tabella 1) tra loro da un periodo - in cui adotteremo altre metodologie - di almeno 4-6 settimane.

 

Tabella 1
Mesi: I II III IV V VI VII
 
Fase: Adattamento
anatomico
Ipertrofia Metodo degli
sforzi pesanti
Ipertrofia Metodo degli
sforzi pesanti
Ipertrofia Ecc. ecc.

 

Se invece, desideriamo inserire un mesociclo basato su tale metodologia in un macrociclo semestrale, una collocazione adeguata (vedi tabella 2) potrebbe essere il mesociclo di passaggio tra il periodo di forza e quello di ipertrofia.

 

Tabella 2
Mesi: I II III IV V VI
Fase: Adattamento
anatomico
Ipertrofia Metodo degli
sforzi pesanti
Mesociclo dedicato allo
sviluppo della forza massimale
Ipertrofia Definizione

 

Di una cosa, comunque, potete star certi: gli stimoli indotti dal metodo inducono notevoli cambiamenti morfologici e funzionali.

Le modalità di sviluppo del carico di lavoro suggeriscono di utilizzare - con tale metodo - gli esercizi multiarticolari (Squat, Trazioni alla sbarra, Panca, ecc.). Inoltre, la richiesta di “freschezza fisica (soprattutto a livello nervoso)” per l'applicazione del metodo, consiglia di adottarlo soltanto sul primo esercizio del primo gruppo muscolare da allenare in un dato giorno. Ad esempio, se in un certo allenamento dobbiamo allenare Pettorali, deltoidi e tricipiti potremmo fare in questa maniera (NB: maggiori informazioni e schemi dettagliati, con esercizi, serie, ecc. li trovate nella mia nuova dispensa tecnica “Training”):

 

Primo esercizio per pettorali: metodo degli sforzi pesanti
Secondo (eventuale) esercizio per pettorali: metodo classico
Primo esercizio per deltoidi: metodo classico
Secondo (eventuale) esercizio per deltoidi: metodo classico
Primo esercizio per tricipiti: metodo classico
Secondo (improbabile) esercizio per tricipiti: metodo classico

 

Certo, potrebbe essere possibile ripetere lo schema anche sul primo esercizio del secondo gruppo muscolare (vedi schema sottostante) da allenare in un dato giorno, ma qui bisogna verificare costantemente i propri livelli di “freschezza fisica”.

 

Primo esercizio per pettorali: metodo degli sforzi pesanti
Secondo (eventuale) esercizio per pettorali: metodo classico
Primo esercizio per deltoidi: metodo degli sforzi pesanti
Secondo (eventuale) esercizio per deltoidi: metodo classico
Primo esercizio per tricipiti: metodo classico
Secondo (improbabile) esercizio per tricipiti: metodo classico

 

Non prima di aver precisato che tale metodologia non è riservata ad atleti principianti (e anche con gli atleti “intermedi” bisogna impiegarla con cautela...), ecco schematizzata la procedura per applicare il metodo degli sforzi pesanti agli esercizi:

 

Carico da utilizzare
(in relazione al massimale)
Ripetizioni Serie Pausa tra le serie
Riscaldamento 50 % 5 1 60”
60 % 4 1
70 % 3 1
Fase di stimolazione
neuromuscolare
80 % 2 1 2'30”
90 % 1 1
95 % 1 1
90 % 2 2
Ipertrofia 80 % 3 - 5 3 - 6 90”

 

Attenzione: ogni tanto, quando pubblico degli schemi, ricevo delle telefonate in cui gli interlocutori mi fanno notare che: “la tabella era perfetta...”; oppure (NB: parlando sempre della stessa tabella...): “la tabella presentava troppe serie”; oppure (NB: parlando ancora della stessa tabella...) “la tabella presentava poche serie”.
Ebbene, il motivo è che quando si stila una tabella da pubblicare, si pensa ad un atleta “medio”: può andare bene per molti, ma (ovviamente) non per tutti. Per l'applicazione sul singolo - con tutte le eventuali problematiche che possono scaturire - o si è abbastanza bravi da “carpire” l'idea e modificarla (da soli) in base alle proprie esigenze, o si richiede una consulenza.
Quando detto, spiega il perché della genericità delle indicazioni (3-6 serie da 3-5 ripetizioni) nella sezione di ipertrofia.
Nel caso specifico, tra le tante variabili da considerare, occorre tener presente che atleti con una maggiore percentuale di fibre bianche hanno bisogno di meno serie e meno ripetizioni di atleti con una maggiore percentuale di fibre rosse. Ma come fare a determinare tale prevalenza di fibre? Beh, magari lo vedremo una prossima volta...

 


ARTICOLI CORRELATI

Francesco Currò Personal trainer

Visualizza articoli Francesco Currò

Francesco Currò, docente ASI/CONI, docente dell'Accademia del Fitness, preparatore atletico e personal trainer, è autore del nuovo libro "Full Body", dell'e-book "The Training" e e del libro sui "Sistemi a Frequenza Multipla ". Per maggiori informazioni potete scrivere all'indirizzo email x_shadow@hotmail.com, visitare i siti Web http://web.infinito.it/utenti/x/x_shadow/

oppure http://digilander.libero.it/francescocurro/

o telefonare al seguente numero: 349/23.333.23.



Ultima modifica dell'articolo: 17/06/2016

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco FrittoTipi di GnocchiGnocchi e StoriaMal di testa nella terza etàMal di testa e sbalzi climaticiSindrome da vomito ciclicoEmicrania addominaleOdori e rumori: causano mal di testa?Mal di testa da aereo: come si manifesta