Ginnastica posturale T.I.B.

ginnastica di massima efficacia per l'uomo di oggi

 

A cura del Dott. Giovanni Chetta


A differenza di tutti gli altri mammiferi quadrupedi, l'uomo deve attendere circa 6 anni per ottenere una postura stabile. All'età di 5-6 anni, infatti, si formano e stabilizzano le curve vertebrali e ciò avviene grazie alla maturazione estero-propriocettiva del piede che è quindi il primo responsabile delle modificazioni delle curve vertebrali in posizione eretta. Contemporaneamente maturano la masticazione (con la comparsa dei primi molari) e la deglutizione. La dentatura che Il bimbo forma, a partire dal primo anno di età, si forma in funzione del piano occlusale che, a sua volta, è determinato dalla sua postura (la mandibola sembra seguire il bacino come un'ombra), che man mano va assumendo, ma anche dell'utilizzo della lingua  che, con i suoi 17 muscoli (estrinseci più intrinseci), assieme al piede, risulta essere il più importante conformatore organo-funzionale. La lingua infatti influenza direttamente la crescita mandibolare, mascellare e la morfogenesi delle arcate dentarie; la funzionalità dei muscoli masticatori dovrà, per forza di cose, assecondare la disarmonia presente con riflessi sulle più importanti catene muscolari. Un allineamento non consono della testa implica, dato il suo peso (pari a ca. 1/7 del peso corporeo nell'adulto) e la sua posizione, compensazioni di tutto il corpo innescando così potenzialmente un circolo vizioso di effetti perturbanti ascendente-discendente.

Alla nascita sono già presenti i circuiti nervosi predisposti alla deambulazione, essi però, al fine di consentire l'adeguato e indispensabile sviluppo muscolo-scheletrico, sono temporaneamente inibiti dai centri superiori. La postura quale atto volontario diviene così un fenomeno maturativo e di apprendimento. A circa un anno inizia la deambulazione dapprima appresa e in seguito automatizzata. Solo a circa due anni di età, a seguito dello sviluppo delle strutture relative, il controllo automatico è efficiente. Il completo sviluppo della funzione posturale (sistema tonico posturale) avviene invece abitualmente verso gli undici anni e resta poi stabile sino a circa 65 anni.
L'equilibrio e i movimenti sono garantiti da importanti meccanismi fisiologici ai quali contribuiscono principalmente, oltre alla corteccia cerebrale, le funzioni vestibolari (labirinto), del cervelletto, della formazione reticolare, dei recettori visivi e, in minor misura, uditivi, degli esterocettori di tatto e pressione (della pianta dei piedi in particolare) e dei propriocettori di capsule articolari, tendini, muscoli e visceri (enterocettori).
In generale, il sistema motorio, al pari di un sistema cibernetico, contiene rappresentazioni cerebrali, engrammi, costituite dall'insieme delle esperienze motorie memorizzate dall'individuo, che consentono un meccanismo decisionale anticipatorio (feed-forward) rispetto al comportamento motorio che sta per essere messo in atto. Tale meccanismo trasforma gli engrammi in codice nervoso che, tramite la via tronco-encefalica e poi midollare, arriva ai motori muscolari periferici; l'energia mentale viene così trasformata in energia meccanica ovvero in movimento.
affinché sia armonico, anche il più piccolo dei movimenti coinvolge sempre più gruppi muscolari, che vengono reclutati in maniera temporale gerarchica, agendo così in maniera coordinata, come se fossero un unico muscolo (coordinazione motoria). La scelta del movimento è determinata in maniera rapida e armonica dal sistema a feed-forward, grazie agli engrammi, mentre il controllo viene effettuato dal sistema retroattivo, o a feed-back, costantemente vigile durante l'azione. Le eventuali variazioni di movimento, necessarie a causa di perturbazioni, sono in realtà effettuate da meccanismi di correzione anch'essi anticipatori (feed-forward), quindi basati su engrammi; ciò consente una maggiore efficacia in termini di tempo e modo.
Le attività motorie ritmiche, come la deambulazione e la masticazione, hanno la caratteristica di essere generalmente volontarie in partenza e termine, riflesse, ovvero gestite automaticamente dai riflessi propriocettivi, in particolare quelli semplici che presentano il grande vantaggio della rapidità (40 m/s per quelli rapidi), per il resto della durata. L'encefalo fornisce al midollo spinale il valore desiderato, tale valore viene confrontato con la situazione presente realmente, ossia col valore reale, che viene misurato da uno specifico recettore sensoriale. Tramite il confronto tra valore reale e quello ideale, il midollo spinale regola il tipo di prestazione che il muscolo in questione deve svolgere.
Tale complessità di meccanismi azione-reazione, presente nella gestione posturale, richiede necessariamente che tutte le funzioni relative al controllo del movimento e della postura siano distinte ma interdipendenti. La gestione dell'esecuzione del movimento è, nello stesso tempo, gerarchica e parallela. L'organizzazione gerarchica consente lo sviluppo, nei livelli inferiori, di importanti meccanismi riflessi (cortocircuitazione midollare tramite i riflessi spinali o troncoencefalica per mezzo dei riflessi troncoencefalici), grazie ai quali, i livelli superiori possono dare solo comandi generali senza dover dettagliare l'atto motorio. Tuttavia, grazie alla modalità parallela, i livelli superiori possono interagire direttamente sugli inferiori integrando e vicariando, in maniera immediata, funzioni (questo aspetto risulta fondamentale nel recupero funzionale di alcune lesioni del sistema nervoso centrale); ad esempio il midollo spinale da solo non è in grado di garantire una deambulazione fluida e sicura.
Tutto ciò fa comprendere come la postura, in statica e in deambulazione, necessiti di più livelli di controllo nervoso, in quanto l'azione antigravitaria richiede un ampio e complesso coordinamento. Tramite i meccanismi sopra-descritti, le stimolazioni cutanee sono in grado di modulare riflessi molto complessi con funzioni posturali notevoli. Da qui nasce l'importanza del terreno e delle calzature nel determinare atteggiamenti posturali, quindi nel creare engrammi cerebrali.
Non va altresì trascurato il fondamentale ruolo del sistema connettivo nella determinazione di postura e pattern motori. Qualunque causa in grado di modificare (in meglio o in peggio) l'equilibrio, dovunque posta lungo l'asse cefalo-podalico, avrà riflessi immediati, trasmessi per via ascendente o discendente lungo le catene muscolari e la rete connettivale, su tutti gli altri segmenti corporei. Avviene così una riprogrammazione del sistema posturale e dell'equilibrio che comporta modifiche delle principali vie afferenti, sia funzionali sia, dopo un certo periodo di tempo, perfino anatomiche determinando un nuovo engramma motorio.Quanto più ripeteremo, in maniera cosciente o inconscia, tali gesti motori programmati, tanto più rinforzeremo, al pari di un condizionamento neuroassociativo mentale, quell'engramma motorio.


« 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 »


ARTICOLI CORRELATI

Ginnastica per il mal di schienaEsercizi per la schiena: ginnastica in ufficioAnalisi stabilometrico-posturale e motoria di un gruppo di anziani praticanti Ginnastica Dolcecondizionamenti neuroassociativi - ginnastica posturale T.I.B. -Consigli fisici - ginnastica posturale T.I.B. -Ginnastica di massima efficacia - ginnastica posturale T.I.B. -Ginnastica in gravidanzaGinnastica oculareGinnastica oculare - Gli Esercizi per gli OcchiGinnastica oculare - Visual TrainingGinnastica per il senoGinnastica posturale T.I.B.Ginnastica posturale T.I.B. - Bibliografia -Ginnastica posturale T.I.B. - ginnastica di massima efficacia per l'uomo di oggiGinnastica posturale T.I.B. - Resistenza ed Elasticità -Ginnastica respiratoria e ginnastica posturaleHabitat e stile di vita "artificiali" - ginnastica posturale T.I.B. -I benefici della ginnastica in acquaLa ginnastica Post-partoLa rete di tensegrità connettivale - ginnastica posturale T.I.B. -La rieducazione vertebrale con il metodo Feldenkrais ®Postura e movimento - ginnastica posturale T.I.B. -Rieducazione motoria - ginnastica posturale T.I.B. -Rieducazione posturale - ginnastica posturale T.I.B. -Rieducazione respiratoria - ginnastica posturale T.I.B. -Sistema respiratorio e ginnastica respiratoriaTest per la Funzionalità Oculareginnastica su Wikipedia italianoGymnastics su Wikipedia inglesePostura ed Emozione - Correlazione tra atteggiamenti posturali e stabilità emotivaAddominali forti per avere una postura corretta - Livello 1 Molto FacileAllenamento e posturaAllenare o allungare i Muscoli Tonico Posturali e quelli Fasici?Appoggio podalico e apparato stomatognaticoArti inferiori e movimento corporeoArticolo sul progetto: "Postura Corretta Bellezza Perfetta"Benefici del metodo MézièresBiomeccanica della facia profondaBosu per Articolazioni Equilibrio e Postura (Esercizi Facili)Cicatrici e PosturaCondizionamento posturale in acquaControllo posturaleDismetria degli arti inferiori, falsa gamba corta o vera gamba corta?Educare la postura sedutaEquilibrio corporeoEsercizi alle macchine sconsigliati alle donneFeldenkrais e posturaIl metodo MézièresIl personal trainer come PosturologoIl Personal Trainer, i Neuroni Specchio e l’Apprendimento ImitativoIl potere del rilassamento - ginnastica posturale T.I.B. -Importanza dei corretti appoggi podalico ed occlusalepostura su Wikipedia italianoHuman positions su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 22/11/2016