Coefficiente G elevato nell'uomo e nella donna

A cura di Alessandro De Vettor


Tra i vari aspetti che dovrebbero essere considerati in ambito di analisi biotipologica nella pianificazione di un programma di allenamento vi è anche il grado di coefficiente G di un uomo o di una donna.
Coefficiente G e GinandromorfiaLa lettera G sta a significare Ginandromorfia. Di cosa si tratta? All'inizio della vita, il corpo umano è sostanzialmente femminile, e il sesso dominante si manifesta man mano che l'embrione si sviluppa. Tuttavia, seppure di norma una serie di caratteristiche sessuali diventi predominante e funzionale, in tutti i corpi rimangono quantomeno "tracce" di quelli che sono i caratteri secondari dell'altro sesso.
Sia tra i maschi che tra le femmine ci possono essere soggetti che presentano un elevato COEFFICIENTE G. I primi mostreranno lineamenti tipicamente femminili e delicati, mentre le seconde risulteranno vistosamente mascoline con tratti marcati. Attenzione: non si sta parlando di identità o preferenze sessuali, né di virilità o femminilità, ma solo di aspetti morfologici.
Nonostante siamo portati ad accettare modelli estremamente virili o femminili come la regola, questi  archetipi sono molto meno comuni di quanto si creda.
Di seguito (Tabella 1 e 2) vengono descritte le caratteristiche di due soggetti uno maschile e l'altro femminile che presentano un elevato COEFFICIENTE G. Ovviamente sono esempi estremi, tuttavia alcuni degli aspetti elencati non sono difficili da riscontrare comunemente nel cliente tipo, sia maschile che femminile. Non è assolutamente raro infatti trattare un uomo che presenta corporatura gracile, lineamenti delicati, presenza di grasso accentuato nell'area pettorale o donne con spalle larghe e parte inferiore muscolata.

 

TABELLA 1: CARATTERISTCHE ASSOCIATE A COEFFICIENTE G ELEVATO NELL'UOMO

Lineamenti

Femminili, più dolci, tondeggianti, piccoli

Spalle

Lievemente arrotondate

Ciglia

Sono una caratteristica evidente averle lunghe

Braccia

Relativamente gracili e molto meno sviluppate rispetto alle gambe

Ossa

Per la maggior parte si presentano piccole

Fianchi

Larghi

Cassa toracica

Stretta

Natiche

Piene e rotondeggianti

Retto dell'addome

Pieno e rotondeggiante

Vita

Alta

Cosce e polpacci

La curva esterna delle cosce e quella interna dei polpacci sono prominenti

 

Osservati da vicino presentano una struttura fisica a forma di clessidra, si nota la presenza di radi peli secondari, un pelo pubico più fitto, una morbidezza della qualità sottocutanea di tutto il corpo ed un accenno di seno.

 

TABELLA 2: CARATTERISTICHE ASSOCIATE A COEFFICIENTE G ELEVATO NELLA DONNA

Lineamenti

Mascolini più marcati, grossi e angolosi

Spalle

Rettangolari

Seno

Scarso

Braccia

Robuste, relativamente lunghe rispetto alle spalle

Ossa

Grandi e ben formate

Fianchi

Stretti

Cassa toracica

Ampia

Natiche

Muscolose

Retto dell'addome

Muscoloso in special modo il quadrante inferiore

Vita

Bassa

Cosce e polpacci

Muscolosi

 

Osservati da vicino presentano una struttura fisica di forma quadrata o cuneiforme, inoltre si nota l'abbondanza di peli secondari e una minore quantità di peli pubici con una certa saldezza e ispessimento della qualità sottocutanea di tutto il corpo.

 

Ovviamente non potremo impostare un allenamento in palestra tenendo solamente in considerazione il grado di coefficiente G ma esso può darci ulteriori indicazioni per determinare alcuni suoi particolari aspetti.
Come va trattato in palestra un uomo o una donna con coefficiente G elevato? La risposta è che l'allenamento va "modulato" in modo da ri-equilibrare il soggetto "potenziando" la parte più deficitaria. Nell'uomo, ad esempio, si possono impostare esercizi particolarmente indicati per la produzione di testosterone, con conseguente beneficio sotto l'aspetto lipidico e muscolare. Nella donna si punterà ad armonizzare opportunamente il rapporto tra massa magra e grassa, con miglioramento estetico non solo fisico, ma anche nei lineamenti e nella "femminilità".



ARTICOLI CORRELATI

Ultima modifica dell'articolo: 11/01/2016

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e Patate