Cellulite: come combatterla

di Roberto Eusebio campione nazionale assoluto di body fitness


In gergo medico, la cellulite è denominata  pannicolopatia edemo-fibro-sclerotica; si tratta di un'alterazione del tessuto connettivale adiposo, con ipertrofia delle cellule e accumulo di liquidi e tossine metaboliche negli spazi interstiziali.
Cellulite EserciziLa cellulite è legata ad un anomalo equilibrio tra circolazione venosa e linfatica, che consiste in un modesto rallentamento e ritenzione idrica.
La cellulite conferisce un aspetto spugnoso alla pelle che per questo viene chiamata a buccia d'arancia. Sono colpite soprattutto le donne, a partire dall'adolescenza, ma non solo quelle in sovrappeso; infatti possono esserne affette anche le donne magre.
Esistono diverse tipologie di cellulite a seconda dell'età e dello stadio di avanzamento.
Le principali sono:

  1. EDEMATOSA: evidente ritenzione idrica dalla vita in giù.
  2. FIBROSA: aumento del tessuto connettivo e indurimento dell'adipe e formazione di tanti piccoli noduli palpabili (pelle a buccia d'arancia).
  3. SCLEROTICA: il tessuto diventa duro, freddo e dolente al tatto con presenza di noduli di grandi dimensioni.

Le cause della cellulite sono di varia natura, si possono infatti ricercare sia in fattori genetici ereditari (razza bianca, sesso femminile e familiarità),  sia in fattori legati al nostro stile di vita. Come già detto, la cellulite si accompagna ad un notevole accumulo di liquidi e di tossine provenienti dai processi metabolici. La linfa è addetta alla rimozione di questi prodotti dall'organismo; a differenza della circolazione sanguigna, lo scorrimento attraverso i vasi di cui è composta è stimolato dalle contrazioni muscolari, quindi una mancanza di movimento determina un'inefficiente funzionalità della circolazione linfatica.
La ritenzione idrica è causata dall'azione di ormoni quali gli estrogeni, che caratterizzano i caratteri femminili; essi sono una delle cause di sofferenze circolatorie, non a caso nel periodo premestruale si nota un aumento di acqua nei tessuti. Nella conformazione ginoide, detta a pera, di alcuni soggetti femminili, possiamo riscontrare come tale inestetismo sia localizzato nella parte bassa del corpo, tra fianchi e ginocchia.
Fattori aggravanti della comparsa ed avanzamento della cellulite possono essere considerati comportamentali e riguardano abitudini, stile di vita ed alimentazione.
Una vita sedentaria e la mancanza di esercizio fisico comportano la perdita di tessuto muscolare, quindi un decremento del metabolismo, che causa sovrappeso e perdita di tonicità del corpo, con aumento della cellulite visibile. Occorrerebbe quindi dedicarsi costantemente all'attività fisica per mantenere un buono stato di salute con una buona circolazione e muscolatura, oltre ad un metabolismo veloce.
Il sovrappeso è un fattore importante da tenere sotto controllo per eliminare la cellulite. Sono ottime abitudini, per mantenere un buono stato di salute, ridurre l'apporto calorico in entrata e aumentare quello in uscita.
L'alimentazione non corretta aumenta la ritenzione, il sovrappeso  e di conseguenza peggiora anche la cellulite. Gli indumenti troppo stretti e/o posture scorrette (gambe accavallate, stare molto tempo in piedi) alterano la normale circolazione per compressione dei vasi oppure compromettono il ritorno venoso agli arti inferiori (attenzione ai tacchi alti).
Fattori di rischio spesso associati sono lo stress ed il fumo, i quali aggravano la situazione. Il fumo ha un'azione vasocostrittrice e aumenta i radicali liberi, mentre lo stress innalza i livelli di cortisolo (ormone dello stress) che aumenta la ritenzione idrica.
Per concludere sono riportati di seguito alcuni utili accorgimenti per prevenire la cellulite.

  • Seguire una sana ed equilibrata alimentazione, facendo attenzione però a non perdere peso troppo velocemente, perché si potrebbe causare anche una perdita di muscolatura e di tono.
  • Bere molta acqua durante la giornata
  • Fare movimento
  • Modificare abbigliamento e postura
  • Eliminare alcol e diminuire, se non abolire, il fumo
  • Allontanare lo stress

Le terapie per prevenire e combattere la cellulite e la ritenzione idrica sono

  • MASSAGGIO CLASSICO: ha benefici sulla circolazione
  • LINFODRENAGGIO: è un massaggio che serve a riattivare la circolazione linfatica cosicché vengono veicolati i liquidi e le tossine nel circolo sanguigno per essere eliminati.
  • IONOFORESI: (iòno-phoresis = trasporto di ioni) consiste nell'introduzione di un principio attivo nell'organismo tramite l'epidermide. Questa terapia permette di agire in modo localizzato sugli inestetismi.
  • PRESSOTERAPIA: indica la terapia e il macchinario per attuarla. Si basa su un principio meccanico simile al linfodrenaggio, ma ha effetti anche sulla circolazione. Consiste nel posizionare gli arti inferiori in appositi gambali contenenti una camera d'aria e gonfiati in modo progressivo dalla sezione più estrema a quella più vicina al tronco (per es. dal piede si passa successivamente a gonfiare la sezione del polpaccio, poi del ginocchio e via via fino a raggiungere il bacino per poi ricominciare dal piede). La sequenza con la quale vengono gonfiate le sezioni è quella seguita dal sangue venoso e dalla linfa. Questo ciclo facilita il flusso sanguigno e linfatico, liberando l'ambiente extracellulare dai liquidi e dalle scorie metaboliche in eccesso prodotte continuamente dalle cellule.
    La terapia è consigliata per trattamenti estetici e di ritenzione idrica.
  • MESOTERAPIA : è un trattamento esclusivamente di competenza medica; consiste in iniezioni locali intradermiche di farmaci (tradizionali, omeopatici, vitamine, minerali, amminoacidi ecc.) con piccoli aghi speciali.

Donano beneficio anche fangoterapie e idromassaggio.

La perdita di peso non sempre coincide con l'eliminazione della cellulite, per questo motivo per dieta s'intende un sana ed equilibrata alimentazione. Bisognerebbe ridurre l'apporto di cibi grassi o raffinati, carne rossa e latticini, privilegiando frutta, verdura, cereali integrali e acqua.
L'alimento che non deve mancare nella dieta per prevenire la cellulite è il pesce (specialmente quello azzurro) ricco di Omega-3 - gli acidi grassi essenziali - che favoriscono la circolazione e aiutano a spazzare le tossine, a ridurre i gonfiori, migliorare e proteggere la struttura cellulare.
Non dimentichiamoci dell'importanza della fibre che troviamo nella frutta, nella verdura e nei cereali integrali, utili per saziarsi prima e per tenere pulito l'intestino.
Per combattere la cellulite è necessario anche ridurre gli zuccheri in eccesso (pane, pasta, dolci) i quali vengono convertiti in grassi e depositati nei cuscinetti!
Carne rossa, sale e latticini (formaggi grassi ecc.) favoriscono la ritenzione, è meglio non abusarne.

Per prevenire la cellulite occorre iniziare a tenersi attive dall'adolescenza.
Con il passare dell'età è consigliabile mantenere un corpo tonico per garantire elasticità ai tessuti ed una buona muscolatura; in tal modo si possono prevenire anche sofferenze circolatorie alleate della cellulite.

  • CELLULITE EDEMATOSA: a partire dai 12 anni vengono consigliate attività dove viene coinvolto tutto il corpo in modo equilibrato per evitare disarmonie che posso risultare inestetiche e per non appesantire la figura. Per cui sono consigliate aerobica, danza, nuoto, fitness, corsa ecc...
  • CELLULITE FIBROSA: a partire dai 30 (si spera non prima) può essere utile mantenere un corpo tonico e attivo, frequentando attività fisica costantemente. È consigliato un allenamento di tipo cardiovascolare accompagnato da una buona tonificazione: il lavoro cardiovascolare (aerobico) utilizza il metabolismo dei grassi e migliora la circolazione;la tonificazione dei muscoli  previene cedimento dei tessuti che evidenzierebbe la cellulite, promuove la sintesi di nuovi tessuti ed aiuta a smaltire la ritenzione idrica.
  • CELLULITE SCLEROTICA: è uno stadio avanzato quindi solitamente si ricorre alla terapia medica, ma non bisogna rimanere sedentari. I problemi possono diventare anche gravi.

Si consigliano tutte le attività cardiovascolari come lunghe passeggiate, aerobica, danza, cardiofitness, ma anche spinning e corsi in acqua (acqua-gym, idro-bike).

Non dimentichiamo che al primo posto per combattere la cellulite ed ottenere un buon risultato è essenziale una equilibrata alimentazione!



ARTICOLI CORRELATI

Cellulite, rimedi e attività fisicaCellulite: qual è l'attività fisica più idonea?Cellulite e fitness, alcuni consigliCellulite, dieta e attività fisicaCurare la Cellulite - Alimentazione ed Attività FisicaEsercizi Facili per Ridurre la Cellulite all’interno del GinocchioEsercizi Facili per Tonificare e Ridurre la Cellulite nelle Gambe e nei GluteiGlutei Sodi e Gambe Toniche Senza CelluliteOtto esercizi efficaci per ridurre e prevenire la cellulite - difficoltà avanzataOtto esercizi efficaci per ridurre e prevenire la cellulite - difficoltà intermediaCellulite: cos'è e perché compareDieta celluliteCellulite: rimedi naturaliDessert anticellulite - Aspic di mirtillo nero e centella asiaticaFanghi anticelluliteCellulite InfettivaCellulite: tisane contro la celluliteMesoterapiaFarmaci per la cura della CellulitePressoterapiaRimedi per la CelluliteCause di Formazione della celluliteCellulite: 5 dubbi comuniCellulite: cause di origine ed evoluzioneCellulite: le origini, le causeCosmetici Anticellulite Esempio Dieta CelluliteTipi di cellulite: come si forma la cellulite?Trattamento Cosmetico della CelluliteAlimentazione e celluliteAnticelluliticheAuto Massaggio per la Cellulite della PanciaAuto Massaggio per la Cellulite delle BracciaAuto Massaggio per Ridurre la Cellulite - Cosce e FianchiCelludestockCellulite - Come e Perché si FormaCellulite - ErboristeriaCellulite e calzatureCellulite, che cos'è?Collistar - Crio gel anticelluliteCombattere e sconfiggere la celluliteConsigli per combattere la celluliteCrema Corpo - CelluliteCrema Termale Anticellulite NotteDieta Anticellulite - VideoEsercizio contro la culotte de chevalsEstetica femminile e cellalgiaFango Anticellulite PluriattivoFosfatidilcolina, cellulite e grasso localizzatoGel Multiattivo Anticellulitecellulite su Wikipedia italianoCellulite su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 25/01/2016