L'allenamento eclettico

A cura di: Francesco Currò


Nell'impostazione di un training spesso occorre tener conto di due necessità: quella della multilateralità degli stimoli e quello della progressione del carico. Tuttavia accade spesso che tali necessità si contrappongono a causa della specificità dell'adattamento: quanti voi - ad esempio - si saranno accorti di aver perso "resistenza" dopo un ciclo di forza?
Molti autori, hanno sviluppato diverse strategie per aggirare egregiamente il problema. Quella che desidero illustrare in quest'articolo, probabilmente è stata addirittura codificata nei cosiddetti "princìpi weider" e viene definita "allenamento eclettico".

La struttura di un simile training è piuttosto lineare e - per ogni gruppo muscolare - consiste nel selezionare un esercizio "principale" dove concentrarsi sulla progressione del carico e da un certo numero di esercizi "di supporto" da alternare via via tra loro.

Per l'esercizio "principale" si potrebbero ad esempio eseguire 5 serie a ripetizioni costanti e con carichi via via crescenti; in pratica, l'obiettivo sarà quello di riuscire a fare 6 ripetizioni nell'ultima serie. Attenzione che le serie che precedono l'ultima sono però di "preparazione / riscaldamento" (quindi non saranno troppo pesanti). Ad esempio, se nell'ultima serie dell'esercizio si dovranno eseguire 6 ripetizioni con 100 Kg, si procederà nella seguente maniera:

 

Prima serie:

Seconda serie:

Terza serie:

Quarta serie:

Quinta serie:

sei ripetizioni con 60 Kg
sei ripetizioni con 70 Kg

sei ripetizioni con 80 Kg

sei ripetizioni con 90 Kg
sei ripetizioni con 100 Kg

 

Come potete comprendere, l'ultima serie è il nostro "controllo" della progressione, quindi se ci si sente di  fare più di sei ripetizioni non bisogna fermarsi a sei, ma occorre andare al limite. In tal modo, quando in un dato allenamento si riescono - nell'ultima serie - ad eseguire più di sei ripetizioni, nell'allenamento seguente si aggiornano i carichi, aumentandoli di qualche Kg.

Come anticipato sopra, all'esercizio "principale" seguiranno degli esercizi "di supporto" via via diversi, in cui andranno di volta in volta variate anche le ripetizioni e le tecniche di intensità da adottare.

 

Per chiarire meglio quanto appena riportato, ecco qualche esempio (per pettorali e bicipiti)

.

Gruppo muscolare: Pettorali
Esercizio "principale" scelto: Distensioni su panca piana
Esercizi "di supporto" da alternare di allenamento in allenamento: croci su panca inclinata, distensioni con manubri su panca inclinata, distensioni con manubri su panca declinata, croci ai cavi su panca inclinata, parallele



Allenamento n. 1

Distensioni su panca orizzontale : 5 serie da 6 Ripetizioni "con carichi via via crescenti"
Distensioni con manubri su panca inclinata : 3 serie da 10 Ripetizioni [riposo 90"]



Allenamento n. 2

Distensioni su panca orizzontale : 5 serie da 6 Ripetizioni "con carichi via via crescenti"
Distensioni con manubri su panca declinata: 4 serie da 6 Ripetizioni [riposo 120"]



Allenamento n. 3

Distensioni su panca orizzontale : 5 serie da 6 Ripetizioni "con carichi via via crescenti"
Croci ai cavi su panca inclinata: 4 serie da 10 Ripetizioni [riposo 60"] applicare il principio della massima contrazione



Allenamento n. 4

Distensioni su panca orizzontale : 5 serie da 6 Ripetizioni "con carichi via via crescenti"
Croci ai cavi su panca inclinata: 3 serie da 8 Ripetizioni [riposo "zero"] in superset con l'esercizio seguente
Parallele: 3 serie da 6 Ripetizioni [riposo 150"] in superset con l'esercizio precedente




Gruppo muscolare: Bicipiti
Esercizio "principale" scelto: Curl con bilanciere
Esercizi "di supporto" da alternare di allenamento in allenamento: curl alla panca scott con bilanciere angolato, curl con manubri su panca inclinata, curl "concentrati", curl con impugnatura a martello.



Allenamento n. 1

Curl con bilanciere: 4 serie da 6 Ripetizioni "con carichi via via crescenti"
Curl alla panca scott con bilanciere angolato: 3 serie da 10 Ripetizioni [riposo 75"]



Allenamento n. 2

Curl con bilanciere: 4 serie da 6 Ripetizioni "con carichi via via crescenti"
Curl con manubri su panca inclinata: 3 serie da 6 Ripetizioni [riposo 90"]



Allenamento n. 3

Curl con bilanciere: 4 serie da 6 Ripetizioni "con carichi via via crescenti"
Curl "concentrati": 3 serie da 10 Ripetizioni [riposo 60"] applicare il principio della massima contrazione ed eventualmente aggiungere una ripetizione forzata



Allenamento n. 4

Curl con bilanciere: 4 serie da 6 Ripetizioni "con carichi via via crescenti"
Curl con impugnatura a martello: 3 serie da (6 + 6 + 6) Ripetizioni [riposo 150"] tecnica "stripping"


Non è davvero interessante tale impostazione? Da una parte si rispetta la progressione e dall'altra si riescono a variare gli stimoli. E in più con un assolutamente non trascurabile vantaggio: non ci si annoia!

Comunque, come sottolineo spesso, questi schemi rappresentano soltanto una piccola parte del programma d'allenamento e devono essere semplicemente un esempio; dovete comprendere che - anche per esigenze di spazio - non si possono presentare dei programmi di allenamento completi nei minimi dettagli, anche perché per certi versi, sono "inutili" in quanto occorre mettere in risalto il fatto che in un programma vincente le tabelle di allenamento devono svilupparsi secondo uno schema "teorico" ben organizzato, ma che - allo stesso tempo - tenga conto dei feedback delle schede precedenti. In altri termini, le tabelle ed i programmi di allenamento vanno personalizzati per funzionare.



ARTICOLI CORRELATI

Francesco Currò Personal trainer

Visualizza articoli Francesco Currò

Francesco Currò, docente ASI/CONI, docente dell'Accademia del Fitness, preparatore atletico e personal trainer, è autore del nuovo libro "Full Body", dell'e-book "The Training" e e del libro sui "Sistemi a Frequenza Multipla ". Per maggiori informazioni potete scrivere all'indirizzo email x_shadow@hotmail.com, visitare i siti Web http://web.infinito.it/utenti/x/x_shadow/

oppure http://digilander.libero.it/francescocurro/

o telefonare al seguente numero: 349/23.333.23.



Ultima modifica dell'articolo: 17/06/2016

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco FrittoTipi di GnocchiGnocchi e StoriaMal di testa nella terza etàMal di testa e sbalzi climaticiSindrome da vomito ciclicoEmicrania addominaleOdori e rumori: causano mal di testa?Mal di testa da aereo: come si manifesta