Salsa Rosa (o Salsa Cocktail)

La salsa rosa o salsa cocktail è un condimento freddo da associare a vari piatti; gli abbinamenti più comuni sono quelli con pesci, molluschi, crostacei, certi alimenti fritti e panini di vario genere (soprattutto quelli imbottiti di prosciutto cotto, spalla, arrosto di tacchino o di pollo, roast - beef di vitello, wurstel ecc.).

Salsa CocktailSi tratta di un alimento piuttosto calorico, ricco di grassi, di colesterolo e di zuccheri semplici. ATTENZIONE! La salsa rosa o salsa cocktail contiene anche alcol etilico.


La salsa rosa è composta da pochi ingredienti (5 o 6) da mescolare nelle giuste dosi. Ad una prima analisi, la salsa cocktail sembrerebbe una preparazione semplice e veloce da eseguire. Effettivamente, seguendo una ricetta ben precisa, la composizione della salsa rosa è piuttosto elementare; tuttavia, ciò che NON deve essere lasciato al caso è la scelta dei giusti ingredienti; tale scelta, infatti, va attentamente ponderata IN BASE ALL'ALIMENTO CON IL QUALE andrà associata.

Salsa rosa o salsa cocktail: ricetta di base

Di seguito illustreremo la versione di base per la salsa rosa o salsa cocktail:


Ingredienti per 280 o 365g di salsa rosa o salsa cocktail: Maionese 150-200g, Ketchup 50-65g, Panna (fresca, da montare, non dolcificata), 20-25g, Salsa di senape 15-20g, Cognac 35-45ml, Salsa Worcestershire ≥10g.
Alcune variazioni interessano la maionese, eventualmente rimpiazzata con maionese leggera o allo yogurt, e la panna fresca, invece sostituita dallo yogurt greco.


NB: E' abbastanza importante utilizzare gli ingredienti FREDDI e non a temperatura ambiente; in questo modo è possibile verificare istantaneamente la densità dell'alimento.


Procedimento della salsa rosa o salsa cocktail: Nel caso in cui si scelga di utilizzare la panna fresca, anzitutto montare la panna; poi, in una terrina, unire maionese e ketchup, la salsa worcestershire, il cognac, la salsa di senape e la panna montata (o lo yogurt greco). Amalgamare senza smontare la panna e senza scaldare la salsa. Lasciar raffreddare in frigorifero.




Variazioni della salsa rosa o salsa cocktail ed implicazioni

La variazione percentuale dell'uno o dell'altro ingrediente comporta diversi cambiamenti nell'alimento; tra questi citiamo: sapore, consistenza, apporto nutrizionale e conservabilità.

  • Prima di tutto, impiegando SOLO ingredienti "confezionati", grazie alla presenza di additivi alimentari (conservanti e antiossidanti), i tempi di mantenimento della salsa rosa aumentano rispetto all'analogo totalmente casereccio. Anche l'utilizzo del cognac, della worcestershire e della senape hanno un effetto positivo sulla shelf-life della salsa rosa anche se, un eccesso di alcol e sodio, oltre a rendere poco gradevole la preparazione, comprometterebbe il bilancio nutrizionale del pasto.
  • L'apporto nutrizionale della salsa cocktail varia soprattutto in funzione del tipo di maionese e del tipo di latticino utilizzati; se la maionese è di tipo leggero o allo yogurt (si veda la ricetta: Maionese leggera e maionese allo yogurt), e se viene prediletto lo yogurt greco rispetto alla panna fresca, l'apporto di grassi e calorie complessivi risulteranno decisamente inferiori rispetto alla ricetta tradizionale. NB. L'utilizzo di maionese light senza olio è, dal punto di vista pratico, più problematica rispetto alle altre (stabilità, emulsione ecc.).
  • Per quel che concerne la consistenza della salsa rosa, questa aumenta o diminuisce in base alla temperatura (per le caratteristiche fisiche dei grassi saturi) e in base alla concentrazione d'acqua e/o di alcol e/o di grassi e/o di proteine. Aumentare le componenti liquide come il cognac e la worcestershire conferisce alla salsa rosa maggior fluidità; lo stesso accade utilizzando maionese fatta in casa (che, essendo priva di additivi, risulta sempre più fluida) e/o ketchup fatto in casa (o di una marca che lo produce meno consistente delle altre). Lo yogurt greco, nonostante sia più proteico della panna montata, è anche meno grasso, ragion per cui possiede una capacità addensante inferiore rispetto alla panna montata. Tuttavia, ricordiamo che montando quest'ultima appieno, potrebbe manifestarsi una certa difficoltà nell'omogeneizzazione del composto senza smontarlo.
Salsa Rosa - Salsa Cocktail - Valori nutrizionali

Valori nutrizionali (per 100 g di parte edibile)

Parte edibile 100.0%
Acqua 42.2g
Proteine 3.1g
  Amminoacidi prevalenti -
  Amminoacido limitante -
Lipidi TOT 36.3g
  Acidi grassi saturi 6.48mg
  Acidi grassi monoinsaturi 12.99mg
  Acidi grassi polinsaturi 16.86mg
  Colesterolo -mg
Carboidrati TOT 7.8g
  Amido 1.2g
  Zuccheri solubili 6.6g
Fibra alimentare 0.2g
  Fibra solubile -g
  Fibra insolubile -g
Energia 368.4kcal
Sodio 555.2mg
Potassio 141.5mg
Ferro 0.9mg
Calcio 28.9mg
Fosforo 420.0mg
Tiamina 0.03mg
Riboflavina 0.07mg
Niacina 1.35mg
Vitamina A 88.2 RAE
Vitamina C 4.9mg
Vitamina E 9.9mg

Il sapore, quindi l'equilibrio tra dolce, salato, acido e speziato della salsa cocktail, va gestito in base agli alimenti che godranno del rispettivo accompagnamento; un prodotto delicato si presta maggiormente al pesce bianco, mentre un condimento più deciso ottempera maggiormente al fabbisogno organolettico di preparazioni con carne e panini al salume (ad es. Panettone Gastronomico). La regolazione del gusto deve comunque rispettare il parametro della consistenza e tutte le caratteristiche (sapore, consistenza, apporto nutrizionale e conservabilità) devono risultare in perfetto equilibrio reciproco.

Caratteristiche nutrizionali della salsa cocktail o salsa rosa

Iniziamo col precisare che la salsa rosa NON è un alimento idoneo ai bambini, poiché contiene (seppur in modeste quantità) alcol etilico; ciò non è imputabile ad eventuali compromissioni metaboliche, bensì all'educazione sensoriale dei giovani soggetti. Abituarli al sapore dell'alcol etilico (contenuto anche in certe merendine e altri alimenti confezionati) significa incrementare le possibilità che questi ne facciano uso in età adulta o adolescenziale.
La salsa cocktail TRADIZIONALE è un condimento parecchio energetico. La quota di lipidi, derivanti soprattutto dalla maionese e dalla panna fresca, risulta elevata ma la ripartizione degli acidi grassi è a favore degli insaturi (grazie alla massiccia presenza di olio vegetale, sempre nella maionese). Non ci sono informazioni dettagliate sul colesterolo ma è ipotizzabile che, per la presenza di tuorli d'uovo nella maionese, risulti parecchio elevato. Le proteine son poche ma essenzialmente ad alto valore biologico; la fibra è carente e i glucidi non eccedono, anche se prevalentemente derivanti dal saccarosio del ketchup. La salsa cocktail non è un alimento adatto all'alimentazione di chi soffre di sovrappeso o malattie metaboliche.
Tra i minerali non si osservano buone concentrazioni di elementi auspicabili, mentre l'apporto di sodio è considerevole (a svantaggio di chi soffre di ipertensione arteriosa).
Tra le vitamine si apprezza un buon contenuto in niacina (vit. PP) e degli antiossidanti (verosimilmente aggiunti per la conservazione) tipo A, C ed E.



Ultima modifica dell'articolo: 20/02/2016