Papaya Fermentata

Cos'è la papaya fermentata?

La papaya fermentata è un integratore anti-aging. Si tratta di un estratto naturale dalle proprietà antiossidanti, ottenuto dalla polverizzazione della papaya (frutto esotico) lungamente sottoposta a fermentazione microbica (che ne ottimizza il contenuto in antiossidanti); Papaya, Papaia fermentataè un prodotto conosciuto da molti anni in Giappone ma solo recentemente pubblicizzato da Luc Montagnier, noto premio Nobel francese nonché scopritore del virus HIV e professore dell'Istituto Pasteur di Parigi.

Proprietà della papaya fermentata

La papaya fermentata viene proposta dai suoi commercianti come un vero e proprio "graal" della giovinezza. Al contrario, NON ci sono studi scientifici che ne dimostrino l'efficacia, tutt'altro! Gli unici approfondimenti svolti sul potenziale antiossidante della papaya fermentata su tessuti biologici sani hanno dato esiti alquanto discutibili; d'altronde non dovrebbe sorprendere, in quanto si tratta semplicemente dell'estratto fermentato di un frutto, la papaya, dall'apporto nutrizionale paragonabile a quello di molti altri vegetali della stessa categoria.
Come tutti gli integratori anti-aging a base di antiossidanti, la papaya fermentata "dovrebbe" agire nel lungo termine tutelando le cellule dell'organismo dallo stress ossidativo dei radicali liberi, e favorendo nel contempo la riparazione di quelle già compromesse. Nulla di più difficile da dimostrare nei soggetti sani! Per quanto possa essere definita "innocua", la papaya fermentata rappresenta un integratore di opinabile utilità, pertanto la sua pubblicizzazione dovrebbe attenersi alle poche evidenze scientifiche ad oggi disponibili; ma non è così. Le proprietà anti invecchiamento, anti cellulite, anti rughe, antiossidanti, quindi antitumorali, nonché vaso-protettive - tanto decantate dai produttori della papaya fermentata - costituiscono una congettura assolutamente approssimativa e contestualizzabile, pertanto discutibile.
La papaya fermentata non rappresenta altro che l'ennesimo prodotto "innovativo" ben commercializzato ma dalle caratteristiche terapeutiche probabilmente utili ma tutt'altro che miracolose.

Valori nutrizionali della papaya fermentata

I valori nutrizionali della papaya e quelli della papaya fermentata sono diversi l'uno dall'altro, in particolare, risultano superiori nell'integratore disidratato rispetto al frutto.


Per 100g di parte edibile, la papaya frutto apporta:

Energia 40 kcal c.a.
Lipidi 0,26 g
Glucidi 10,8 g di glucidi (di cui 7,8g semplici)
Proteine 0,5 g
Fibra alimentare 1,7 g
Minerali, soprattutto:
  Potassio 182 mg
  Magnesio 21 mg
Vitamine, soprattutto
  Retinolo-equivalenti (carotenoidi) 950 µg
  Acido ascorbico 60,9 mg
  Tocoferoli >0,3 mg
ed altri antiossidanti come il Licopene.

La papaya fermentata è comunque un integratore alimentare più concentrato del frutto da cui deriva, pertanto i valori nutrizionali contenuti nel prodotto risultano significativamente più elevati.

Modalità d'assunzione e ricerca scientifica sulla papaya fermentata

La modalità d'assunzione più diffusa per gli integratori a base di papaya fermentata è quella in bustine contenenti polvere solubile in acqua; essendo un integratore, la dose consigliata per la papaya fermentata è più generica ed approssimativa rispetto a quella di un farmaco, in ogni caso, le aziende che la commercializzano consigliano di assumerne una bustina da 3g al dì. NB. alcune sperimentali su pazienti malati hanno impiegato dosi di 3 g per 2 o 3 volte al dì (periodo limitato).
La ricerca scientifica ha impiegato "poche energie" nello studio della papaya fermentata; la sperimentale più indicativa svolta in Italia (peraltro già menzionata da altre fonti on-line) è stata compiuta dal Dipartimento di Biologia Cellulare e Ambientale in collaborazione col Centro di Eccellenza Materiali Innovativi e Nanostrutturati dell'Università di Perugia; il lavoro si basa sulla comparazione del potere riducente ed antiossidante della papaya fermentata (misurabile su diversi tessuti disidratati) rispetto ad altri 3 prodotti: germogli di grano, Morinda citrifolia e tè bianco. Per la papaya fermentata l'esito è stato negativo ed al confronto con gli altri 3 si è dimostrata la meno efficace.
D'altro canto, è doveroso specificare che altri studi hanno dimostrato una certa sensibilità dei pazienti diabetici all'integrazione alimentare di papaya fermentata, la quale (grazie al contenuto di molecole antiossidanti) sembra limitarne le compromissioni cutanee e lo stato di infiammazione generale, oltre a favorire la riduzione della glicemia. Lo stesso vale per i malati di β-talassemia che a livello dei globuli rossi sembrano giovare del suddetto potenziale antiossidante.
Rimane comunque da specificare che le sperimentali sopra citate si riferiscono esclusivamente a studi su soggetti MALATI che spesso si caratterizzano per stili di vita e condotte alimentari assolutamente inappropriati (Diabete Mellito tipo 2). Parallelamente, altri disturbi (come la β-talassemia) incidono sull'organismo AUMENTANDO il fabbisogno di antiossidanti, in tal caso, l'integrazione con papaya fermentata (e probabilmente anche quella di altri prodotti antiossidanti simili) può favorirne la riduzione dei sintomi e delle complicanze.
Tuttavia, ad oggi non ci sono studi che dimostrino l'efficacia antiossidante ed anti-aging riferita all'integrazione di papaya fermentata su un campione di ricerca sano ed eunutrito; ne derva che, al contrario di quanto citano le aziende di produzione, la papaya fermentata NON rappresenta un elemento essenziale per la lotta ai radicali liberi, allo stress ossidativo e all'invecchiamento.


Bibliografia:

  • Comparative activity of antioxidants from cereal sprouts, Morinda citrifolia, fermented papaya and white tea - Calzuola I. , Gianfranceschi G.L. , Marsili V - International Journal of Food Sciences And Nutrition, 57, 168-177.
  • Correction of Aberrant NADPH Oxidase Activity in Blood-Derived Mononuclear Cells from Type II Diabetes Mellitus Patients by a Naturally Fermented Papaya Preparation - Dickerson R, Deshpande B, Gnyawali U, Lynch D, Gordillo GM, Schuster D, Osei K, Roy S. - 2012 Aug 1;17(3):485-91. Epub 2012 Apr 26.
  • Effects of a short term supplementation of a fermented papaya preparation on biomarkers of diabetes mellitus in a randomized Mauritian population - Somanah J, Aruoma OI, Gunness TK, Kowelssur S, Dambala V, Murad F, Googoolye K, Daus D, Indelicato J, Bourdon E, Bahorun T - Prev Med. 2012 May;54 Suppl:S90-7. Epub 2012 Feb 11.
  • Fermented papaya preparation for β-thalassemia? Olalla-Saad ST - Expert Rev Hematol. 2010 Jun;3(3):265-8.
  • Plasma glucose level decreases as collateral effect of fermented papaya preparation use - Danese C, Esposito D, D'Alfonso V, Cirene M, Ambrosino M, Colotto M. - Clin Ter. 2006 May-Jun;157(3):195-8.


Ultima modifica dell'articolo: 31/12/2015