Ortaggi: definizione e proprietà nutrizionali

Ortaggi: cosa sono?

Gli ortaggi sono alimenti di origine vegetale appartenenti al VI e VII gruppo degli alimenti.
La definizione "ortaggi" si riferisce ai prodotti dell'orto, ovvero tutti quei frutti, fiori, semi, foglie, fusti, radici, tuberi e bulbi che possono essere coltivati nell'orto, quindi a livello casalingo; Ortaggiè evidente che si tratta di un termine più gergale che merceologico, poiché la SCALA rispetto alla quale vengono coltivate le verdure (sinonimo) non dovrebbe creare differenze tali da poter scindere le due categorie. Tuttavia, questa piccola precisazione, che ad una prima lettura si manifesta come un piccolo cavillo etimologico, dovrebbe indurre una più accurata riflessione sulla diversità qualitativa (se realmente esistente) tra un ortaggio propriamente detto ed un vegetale analogo diffuso su larga scala; nel dettaglio, porterei all'attenzione dei lettori le disuguaglianze di:

  • Livello/tecnica di produzione
  • Lunghezza/durata della filiera commerciale

Il livello/tecnica di produzione e la lunghezza/durata della filiera commerciale degli ortaggi ne possono distinguere il valore nutrizionale complessivo ed il relativo impatto sulla salute del consumatore.

Ortaggi: quali sono?

Come anticipato, il gruppo degli ortaggi racchiude numerose tipologie di vegetali prodotti a livello dell'orto; per avere un'idea più precisa di quali siano e del loro consumo effettivo, di seguito ne elencheremo le tipologie più note e diffuse:

Ortaggi: proprietà nutrizionali

Gli ortaggi e le verdure in genere sono alimenti vegetali che si accomunano per l'apporto di:

Differenze tra ortaggi e verdure commerciali

Come summenzionato, le differenze tra ortaggi e verdure commerciali nascono da: livello/tecnica di produzione e dalla lunghezza/durata della filiera commerciale.


Livello/tecnica di produzione degli ortaggi/verdure: senza entrare troppo nello specifico, ricordiamo che per coltivare i vegetali su larga scala è necessario rispettare uno specifico disciplinare di produzione; questo, che può essere di tipo agricoltura tradizionale, lotta integrata o agricoltura biologica, impone degli standard ben precisi, i quali, se da un lato garantiscono l'uniformità delle verdure in commercio, dall'altro non lasciano spazio alla cura "dei dettagli", aspetto peculiare degli ortaggi prodotti a livello casalingo o comunque su piccola scala. Ne sono alcuni esempi: il diserbo a mano, la potatura manuale, l'utilizzo di concimi organici tipo compostum o letame, il cambio o l'aggiunta della terra, il rispetto della stagionalità, il rispetto della maturazione ecc. Tutto questo si ripercuote in maniera relativamente positiva (rispetto all'esperienza e alla dedizione del curante) sulla qualità dell'ortaggio maturo. NB. Non è comunque detto che un ortaggio DEBBA essere di qualità superiore ad una verdura commercializzata su larga scala; spesso, coltivando a livello casalingo senza l'ausilio di antiparassitari, anticrictogamici e diserbanti, le piante vengono infettate/infestate concludendo NEGATIVAMENTE il ciclo di maturazione.


Lunghezza/durata della filiera commerciale: per farla breve, l'ortaggio/verdura staccato o eradicato o tagliato inizia subito un processo di deterioramento enzimatico, di decomposizione e di ossidazione. Le tecniche di conservazione impiegate sui i vegetali freschi appartenenti ad una filiera lunga (refrigerazione, atmosfera controllata, atmosfera modificata ecc.) sono molto efficaci (soprattutto contro il deterioramento ossidativo e la decomposizione batterica/micotica, meno verso quello enzimatico), ma non bloccano completamente il deperimento del prodotto (soprattutto l'aspetto enzimatico). Ciò si traduce in una riduzione significativa del valore organolettico, gustativo e nutrizionale (soprattutto vitaminico) dei vegetali commercializzati in filiera lunga; dal canto loro, gli ortaggi prodotti a livello casalingo possiedono un'integrità praticamente assoluta. NB. Ricordiamo che per i consumatori è comunque possibile (quasi ovunque) approvvigionarsi presso piccoli commercianti di "filiera corta".



ARTICOLI CORRELATI

Ultima modifica dell'articolo: 31/12/2015

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco FrittoTipi di GnocchiGnocchi e StoriaMal di testa nella terza etàMal di testa e sbalzi climaticiSindrome da vomito ciclico