Manganese: funzioni e alimenti apportatori

Il manganese è un minerale essenziale, presente nel corpo umano tra i 12 ed i 20mg; il contenuto totale è distribuito soprattutto nelle ossa, nel fegato, nel pancreas e nei reni. Il manganese possiede numerose funzioni metaboliche, tra queste citiamo:

  1. Attivatore enzimatico
  2. Costituente metallo-enzimatico di:

Le concentrazioni ematiche di manganese sono ridotte e vincolate alla transferrina; l'escrezione urinaria, sebbene aumenti all'incrementare della dose alimentare, non rappresenta la via di eliminazione principale, che è invece costituita dalla bile (succo digestivo prodotto dal fegato e riversato nell'intestino).
Manganese AlimentiL'assorbimento del manganese è molto scarso (massimo il 10%) e subisce la competizione del ferro e del cobalto; tuttavia, anche livelli significativi di calcio, fosforo, fitati e fibra alimentare possono inibire la captazione del manganese. Al contrario, pare che colina, lecitina ed alcol etilico ne favoriscano l'assorbimento.
Nell'uomo non sono stati identificati i reali effetti della carenza di manganese, ma nell'animale si manifestano: diminuzione della capacità riproduttiva, ritardi della crescita, compromissione della formazione di cartilagini ed osso, difetti nel metabolismo di carboidrati e lipidi (con una ridotta tolleranza al glucosio e ridotta secrezione di insulina), ipercolesterolemia e steatosi grassa epatica e renale. Nell'uomo non si verificano (fino a 9 mg/die) effetti collaterali da tossicità.
Le fonti alimentari principali del manganese sono i cereali ed i loro derivati, il vino ed il ; meno importanti ma comunque utili al raggiungimento delle razioni minime sono legumi, patate, nocciole, tuorlo d'uovo e cacao. E' paradossale constatare come gli alimenti grezzi apportino quantità notevoli di manganese ma, incrementando anche fibra e fitati, ne compromettano l'assorbimento.
Le razioni raccomandate di manganese sono tuttora oggetto di studi; il suo apporto medio nella dieta italiana è circa 2-3 mg/die e pare sia sufficiente (oltre che non eccessivo) al mantenimento delle sue funzioni essenziali. Il fabbisogno minimo giornaliero di manganese è valutato intorno ai 0,74 mg/die, anche se l'iper-attività dei mangano-enzimi, come la superossido-dismutasi nell'alcolismo, potrebbe necessitarne il supplemento.

I Livelli di Assunzione Raccomandata dei Nutrienti per la popolazione italiana (LARN) propongono un intervallo di assunzione tra 1 e 10 mg/die (1-2 mg/die nei bambini).


Bibliografia:

  • Le basi molecolari della nutrizione. Seconda edizione – G. Arienti – Piccin – pag 526
  • Mangiare per gli occhi. Occhio e nutrizione – L. Buratto – Springer – pag 56
  • Lezioni di nutrizione – M. Ripartiti – Tecniche nuove - pag 88
  • Minerali – P. Hopfenzitz – L'airone Editrice – pag 32-33
  • Livelli di Assunzione Raccomandata dei Nutrienti per la popolazione italiana (LARN) – Società Italiana della Nutrizione Umana (SINU).