Lamponi - Generalità e Caratteristiche Nutrizionali

Generalità sui lamponi

I lamponi europei (in inglese raspberries) appartengono al gruppo dei "frutti di bosco" ed originano dalla fioritura di una pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Rosaceae, Genere Rubus, Specie idaeus; la nomenclatura binomiale della pianta di lamponi europei è quindi Rubus idaeus L.
LamponiI lamponi europei NON rappresentano l'unica Specie del Genere Rubus; sono ben noti i lamponi americani Specie: R. strigosus (anch'essi color rosso), R. occidentalis (color nero) e R. neglectus (color viola). La specie di lamponi più coltivata rimane comunque quella europea, originaria del vecchio continente e dell'Asia minore.

NB. Si distinguono sia varietà di lamponi caratterizzate da produttività unifera (una volta l'anno, a fine estate - inizio autunno), sia varietà con produttività biifera (in primavera e autunno).
Come le more, i lamponi sono frutti polidrupa formati dall'aggregazione di più drupe sul medesimo ricettacolo (convesso) e appartengono alla categoria dei frutti aggregati o composti; tuttavia, contrariamente alle more che a piena maturazione assumono un colore nero-lucido, i lamponi mantengono una pigmentazione rosso-opaco (sfumatura indotta dalla presenza di pruina, una cera vegetale protettiva).

Composizione nutrizionale del Lampone - Valori di riferimento delle Tabelle di Composizione degli Alimenti INRAN
Lamponi Valori nutrizionali

Valori nutrizionali (per 100 g di parte edibile)

Parte edibile 100,0g
Acqua 86,4g
Proteine 1,0g
Lipidi TOT 0,6g
Acidi grassi saturi - g
Acidi grassi monoinsaturi - g
Acidi grassi polinsaturi - g
Colesterolo 0,0mg
Carboidrati TOT 6,5g
Amido 0,0g
Zuccheri solubili 6,5g
Fibra alimentare 7,4g
Energia 34,0kcal
Sodio 3,0mg
Potassio 220,0mg
Ferro 1,0mg
Calcio 49,0mg
Fosforo 52,0mg
Tiamina 0,05mg
Riboflavina 0,02mg
Niacina 0,5mg
Vitamina A 13,0µg
Vitamina C 25,0mg
Vitamina E - mg

I lamponi COLTIVATI vengono generalmente forzati alla produzione unifera (per incrementarne la qualità) tardo-estiva ed autunnale, anche se la relativa maturazione dipende molto dal clima e dall'esposizione solare della pianta; sia con produttività unifera che biifera, i lamponi richiedono sempre grandi estensioni culturali poiché si caratterizzano per una modesta produttività.


I lamponi sono frutti aciduli e dolciastri molto graditi dai consumatori di frutti di bosco e ampiamente ricercati dai cultori della fitoterapia. A tal proposito, ricordiamo che i lamponi vantano proprietà diuretiche e contengono ottime quantità di vitamine (soprattutto acido ascorbico), oltre che di sostanze fenoliche (tannini ed antocianine), tutte molecole fortemente antiossidanti, quindi antitumorali. NB. In erboristeria, dei lamponi si utilizzano anche i germogli, le foglie e le radici per formulare infusi, decotti ed estratti con diverse funzioni sull'organismo.
I lamponi sono consumati prevalentemente freschi o surgelati, ma se ne ricavano ottime confetture e sciroppi. Estremamente difficile da reperire ma comunque presente, la bevanda alcolica a base di lamponi; essa contiene una frazione alcolica piuttosto modesta (2-5%) e spesso (per incrementare la fermentazione) il mosto viene potenziato con zuccheri aggiuntivi.

Caratteristiche nutrizionali dei lamponi

I lamponi hanno un apporto energetico inquadrabile tra quello tipico dei frutti meno calorici; sono composti per lo più di acqua, che si attesta intorno all'85% della massa complessiva. Tra i macronutrienti energetici spiccano i carboidrati semplici (fruttosio - 5-7%), i quali ne determinano prevalentemente l'apporto energetico. Gli acidi liberi, responsabili del tipico sapore acidulo, del gusto e dell'aroma caratteristici dei lamponi, occupano l'1,5% mentre le sostanze proteiche raggiungono il 2%. La fibra cellulosa e i semi rappresentano il 6% mentre le sostanze minerali lo 0,5% del peso complessivo del lampone.



Ultima modifica dell'articolo: 20/02/2016