Acqua Lete

Generalità

Lete è l'acqua minerale effervescente naturale più venduta in Italia.

Le sorgenti di acqua Lete sono situate nell'appennino meridionale, ai confini tra Campania e Molise. L'azienda Lete S.p.A. produce e distribuisce le acque minerali Lete, Sorgesana e Prata.
Acqua LeteAcqua Lete è considerata un'acqua minerale dalle caratteristiche uniche, in quanto ha un ridotto contenuto di sodio (5,1 mg/lt) e apporta bicarbonati e calcio.
Per molti, queste caratteristiche la rendono utile nella nutrizione contro l'ipertensione sodio-sensibile, in quella dello sportivo e di chi fatica a digerire dopo i pasti.

Caratteristiche Funzionali

Acqua Lete è l'acqua minerale effervescente naturale con il più basso contenuto di sodio prodotta in Italia.
L'azienda pubblicizza questo prodotto attribuendogli capacità digestive, diuretiche e benefiche per lo sport; come vedremo, queste caratteristiche sono avvallate da studi scientifici condotti presso prestigiose Università Italiane e pubblicati su importanti riviste scientifiche internazionali, validate da autorizzazioni del Ministero della Salute e conformi alla normativa di riferimento delle acque minerali.

Acqua Lete e Sodio

Il sodio rappresenta uno degli elementi caratterizzanti di un'acqua minerale. La sua concentrazione deriva dalla natura delle rocce con cui l'acqua minerale è stata a contatto. A differenza del calcio e del magnesio, il cui introito nella civiltà industrializzata risulta essere basso, quello del sodio è sicuramente eccessivo, superando di gran lunga i limiti raccomandati dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.

L'eccessivo introito sodico è legato soprattutto all'elevato contenuto di sale presente nella maggior parte dei cibi che consumiamo. La ricerca scientifica, in campo nutrizionale, ha messo in evidenza la stretta correlazione che esiste tra quantità di sodio consumato e il rischio di sviluppare ipertensione arteriosa. Anche l'assunzione di acque minerali ad elevato contenuto di sodio contribuisce all'eccessivo introito del minerale e, aspetto parimente importante, riduce la capacità dell'organismo di assimilare il calcio naturalmente presente nell'acqua.
La normativa di riferimento per le acque minerali stabilisce che solo un'acqua che ha un contenuto di sodio inferiore ai 20 mg/l può essere indicata per le diete iposodiche. Inoltre, il limite dei 20 mg/l di sodio, rappresenta un pre-requisito essenziale per poter riconoscere un'acqua minerale come acqua indicata per la preparazione degli alimenti dei neonati e dei lattanti.

Bicarbonati, calcio e sport

Il recupero muscolare è fondamentale per chi pratica attività sportive

La reintegrazione dei sali minerali è fondamentale prima, durante e dopo l'esercizio fisico. Studi e letteratura scientifica suggeriscono che l'utilizzo di acque minerali con elevato contenuto di bicarbonato e calcio possono influenzare l'equilibrio acido base e la densità urinaria.

Un importante studio scientifico “Influenza dell'acqua minerale naturale bicarbonato calcica Lete® sulla concentrazione di lattato ematico in atleti dopo esercizio” pubblicato su “The Open Sports Medicine Journal”, quotatissima rivista scientifica internazionale, ha dimostrato che l'utilizzo di acqua Lete prima e dopo l'esercizio, garantisce, rispetto ad altre acque (minerali) una significativa riduzione dei livelli di lattatemia misurati nei 30' successivi all'esercizio. Ciò significa che il recupero muscolare risulta più rapido, con una conseguente migliore risposta ai successivi carichi di allenamento e una minore suscettibilità ai traumi dovuti all'affaticamento muscolare.

Un ulteriore studio scientifico “L'assunzione di acqua minerale bicarbonato calcica Lete® migliora lo stato di idratazione in atleti dopo l'esercizio anaerobico di breve termine” pubblicato su “The Open Sports Medicine Journal” conferma che il consumo abituale di Acqua Lete può migliorare lo stato di idratazione degli atleti favorendo il recupero dalla fatica a seguito dello sforzo.

Acqua Lete e digestione

La dispepsia è una sindrome clinica caratterizzata da sintomi, cronici o ricorrenti, a carico del tratto intestinale superiore. Tali sintomi - comprendenti dolenza addominale, sazietà precoce, senso di ripienezza post-prandiale, nausea, vomito ed eruttazione - possono essere associati o meno all'assunzione di alimenti.

Diverse osservazioni cliniche suggeriscono che le acque minerali, in particolare le effervescenti naturali, grazie alle loro particolari proprietà chimico-fisiche, sono in grado di modulare l'attività motoria gastrointestinale. E' stato accertato, infatti, che il calcio e il bicarbonato influenzano positivamente tali disturbi.

Il calcio agisce direttamente sulla contrattilità della muscolatura liscia, mentre i bicarbonati agiscono diminuendo il tempo di svuotamento gastrico e regolando le secrezioni acide. L'assunzione regolare di acqua bicarbonato calcica “Lete”, come attestato dallo studio clinico “Effetti della somministrazione di acqua minerale bicarbonato calcica Lete® nella dispepsia funzionale” pubblicato su “Medicina Clinica e termale” modula l'attività motoria e secretoria del tratto gastrointestinale, inducendo un significativo miglioramento dei sintomi associati alla dispepsia funzionale, senza richiedere importanti modificazioni delle abitudini alimentari e dello stile di vita.

Acqua Lete stimola e facilita le funzioni digestive, come autorizzato in etichetta dal D.D. del Ministero della Salute n. 3650 del 29/11/2005.




Ultima modifica dell'articolo: 25/08/2017