Abbassare la Pressione in Modo Naturale

Pressione Alta - Ipertensione

La pressione alta è un disturbo che colpisce oltre 10 milioni di persone, delle quali solo ¼ è in grado di tenerla sotto controllo.
Abbassare la PressioneDal punto di vista medico, la pressione alta è indicata dal termine ipertensione e viene definita tale quando si verifica un aumento permanente della pressione ARTERIOSA, al di sopra dei valori considerati normali. Nello specifico, i limiti per diagnosticare l'ipertensione sono: pressione minima >90mmHg e pressione massima >140mmHg.
Quasi sempre (nel 95% dei casi), la pressione alta è di tipo essenziale, quindi indipendente da altre condizioni patologiche; questa forma di ipertensione risulta tutt'ora idiopatica, cioè non se ne conoscono le cause specifiche. Esistono poi altri tipi di ipertensione, detti secondari, che devono la loro insorgenza a malattie dei reni o del cuore.
L'ipertensione essenziale (che d'ora in avanti chiameremo semplicemente "ipertensione") è verosimilmente ad eziologia multifattoriale; tra le cause più importanti si riconoscono: predisposizione genetica/familiarità, sovrappeso, dieta scorretta, sedentarietà, abuso alcolico e stress. L'aumento della pressione è anche legato all'invecchiamento.
Tutta questa attenzione sulla pressione alta deriva dal fatto che un'ipertensione di grave entità, e/o aggravata da altri fattori di rischio (es. fumo, diabete, sovrappeso ecc.), AUMENTA SIGNIFICATIVAMENTE IL RISCHIO DI EVENTI CARDIO-CEREBRO-VASCOLARI (ictus cerebrale e coronaropatie).

Abbassare la Pressione

Per abbassare la pressione (che sia già definibile ipertensione, o che rientri ancora tra le casistiche di PRE-ipertensione) è necessario intervenire su più fronti. Anzitutto, se possibile, risulta indispensabile rimuovere l'agente scatenante primario; in caso contrario, è necessario ricorrere alla terapia farmacologica sotto controllo medico. In entrambe le situazioni, è sempre consigliabile abbattere l'indice di rischio cardiovascolare complessivo intervenendo anche su eventuali fattori di rischio collaterali, come la dieta e lo stile di vita.
In definitiva, se la pressione alta è dovuta esclusivamente ad una condizione fisica, dietetica e dello stile di vita, gli interventi prioritari sono:

In genere, questo tipo di pressione alta insorge con l'avanzare dell'età e proporzionalmente all'aumento del grasso corporeo; tuttavia, in occidente, si assiste sempre più alla manifestazione di ipertensione precoce (pubertà).

Al contrario, se si evince una base ereditaria talmente forte da prescindere da qualunque altro fattore di rischio, l'intervento farmacologico è pressoché inevitabile. Tra le varie molecole si utilizzano (da sole o in associazione): diuretici, inibitori adrenergici, calcio antagonisti, inibitori del sistema renina-angiotensina, vasodilatatori ad azione diretta.

Rimedi Naturali

Modi Naturali per Abbassare la Pressione

Come anticipato, la pressione alta è il frutto di un profondo scompenso metabolico.
A volte è sufficiente intervenire ESCLUSIVAMENTE in maniera "naturale" e senza l'utilizzo dei farmaci che, in genere, una volta assunti NON possono essere interrotti ma solo diminuiti! Tuttavia, tale approccio necessita due requisiti imprescindibili: una base genetica debole ed il totale rispetto della strategia senza eccezioni.
Nel paragrafo precedente abbiamo citato gli interventi prioritari da effettuare per abbassare la pressione; sono quasi tutti naturali ad eccezione dei farmaci e, per i più "severi", degli integratori. Analizziamoli uno per uno:

  1. Eliminazione del fumo di sigaretta, del consumo di alcolici e dell'abuso di nervini stimolanti.
  2. Dieta Ipocalorica e Aumento del Dispendio Energetico Complessivo: il sovrappeso è uno dei fattori che più incidono sull'aumento pressorio. Va da sé che riducendo l'eccesso di grasso fino al normopeso si possa godere anche di una netta moderazione della pressione arteriosa; tuttavia, anche la semplice perdita di qualche chilo in eccesso risulta utile, tanto che in generale per ogni kg perso ci si può aspettare la riduzione di 1mmHg dei valori pressori.
    Per dimagrire è indispensabile che il bilancio energetico complessivo risulti negativo, ovvero che le calorie assunte risultino inferiori a quelle consumate. Tale risultato può essere ottenuto con una dieta ipocalorica, magari supportata dall'aumento dell'attività fisica complessiva. L'entità della decurtazione energetica è circa del 30% rispetto al dispendio totale. L'aumento del dispendio interessa sia l'attività fisica di base (attività quotidiane: spostamenti in bicicletta o a piedi, fare le scale ecc.), sia quella auspicabile o motoria. Incrementare il dispendio significa poter giovare di una dieta ipocalorica più ricca, ovvero con più nutrienti ed energia, quindi più sopportabile.
  3. Bilancio Nutrizionale e Attenzione alle Necessità dell'Ipertensione: oltre ad essere ipocalorica, la dieta per l'ipertensione deve possedere alcuni requisiti ben precisi. Questi sono:
    1. Eliminazione TOTALE del cloruro di sodio aggiunto (sale da cucina) e, a volte, del sodio naturalmente presente nei cibi. Il sodio è un minerale che, se in eccesso, pare coinvolto nei meccanismi di insorgenza e aggravamento della pressione alta.
      Il sodio è naturalmente presente negli alimenti ma, attraverso l'assunzione di cibi grezzi (non lavorati), non è mai possibile crearne un esubero nutrizionale. L'unica eccezione è costituita da certi molluschi bivalvi che, essendo vivi e sigillati, al momento della cottura sprigionano acqua di mare dal loro interno. D'altro canto, le principali fonti alimentari di sodio nella dieta umana sono legate al cloruro di sodio aggiunto negli alimenti durante la lavorazione industriale o al momento del consumo, e al sodio contenuto in certi aditivi alimentari. Per favorire la riduzione della pressione, saranno quindi indispensabili certi accorgimenti come: divieto dell'aggiunta di cloruro di sodio sui cibi al momento del consumo, divieto del consumo di dado da brodo e divieto del consumo di carni conservate, pesci conservati, formaggi stagionati e vegetali in barattolo.
    2. Aumento del potassio e del magnesio con gli alimenti: se il sodio è un minerale responsabile dell'aumento della pressione, il potassio e il magnesio (alcuni ipotizzano anche il calcio) agiscono con un meccanismo diametralmente opposto. Tra l'altro, nel soggetto sano, il potassio e il magnesio "in eccesso" vengono facilmente escreti dai reni, il che facilita molto l'intervento nutrizionale: più se ne assume con gli alimenti, meglio è! Ovviamente, questa indicazione deve subordinare ad altre considerazioni di tipo nutrizionale. Trattandosi di minerali tipicamente contenuti negli ortaggi, nella frutta, nei cereali integrali e nei legumi, la loro assunzione massiccia potrebbe sfociare in alcuni squilibri come: eccesso di fibra alimentare ed eccesso di fruttosio.
    3. Aumento degli acidi grassi essenziali omega 3 e riduzione di quelli saturi/idrogenati: oltre a contribuire sensibilmente alla produzione di colesterolo endogeno (aumentando il rischio cardio-vascolare) i grassi saturi/idrogenati risultano in un qualche modo correlati all'aumento della pressione sanguigna; poco importa se si tratta di una relazione diretta o indiretta, l'importante è diminuirli drasticamente evitando di assumere: carni grasse (sono coinvolte di nuovo quelle conservate, citate al punto A), burro e formaggi grassi (quasi tutti quelli stagionati).
      D'altro canto, gli omega 3 svolgono un ruolo IPOtensivo molto importante e intervengono sulla riduzione del rischio cardiovascolare attraverso la riduzione dei trigliceridi nel sangue, il miglioramento della colesterolemia, la funzione antiinfiammatoria e la tutela dalle compromissioni legate a un'eventuale condizione diabetica tipo 2. Questi nutrienti sono piuttosto difficili da reperire e si trovano principalmente negli oli di alghe, krill, fegato di pesce, semi di lino, semi di canapa, semi di kiwi, germe di grano, soia e (a minori concentrazioni) in tutti gli alimenti dai quali si estraggono questi grassi da condimento.
    4. Iniziare un protocollo di attività motoria/sportiva: come menzionato, questa deve essere prevalentemente AEROBICA, meglio se associata a esercizi di tonificazione muscolare. Per quanto riguarda l'aerobica si consiglia di praticarne almeno 3-4 sessioni settimanali della durata di 50-60', con intensità oscillante tra la fascia aerobica e poco sopra la soglia anaerobica.
      La tonificazione mediante sovraccarichi assume un ruolo secondario e può essere svolta dopo quella aerobica o in sessioni indipendenti per 2 volte la settimana, evitando carichi eccessivi e lavorando ad alte ripetizioni.
    ATTENZIONE! La maggior parte dei concetti esposti fanno parte di un regime alimentare chiamato Dieta DASH.
  4. Utilizzo di prodotti erboristici e integratori: non sono tutti prodotti naturali. Ad esempio, l'arginina è un amminoacido di sintesi (responsabile della produzione endogena di ossido nitrico a livello cellulare). La sua reale efficacia ipotensiva è tutt'ora oggetto di controversie. Lo stesso vale per il potassio, il magnesio e gli omega 3, anche se in questo caso l'effetto benefico è conclamato. D'altro canto, esistono estratti e prodotti erboristici, in forma grezza o essiccata, che possono favorire la lotta alla pressione alta; tra questi ricordiamo le piante SPECIFICAMENTE ipotensive, come: aglio, cipolla, rauwolfia, betulla, biancospino, cardiaca, ginkgo biloba, mirtillo, orthosiphon, vischio, vite rossa, olivo, pervinca, uncaria, mughetto, ligustico, carcadè (ibisco), evodia e achillea iraniana. Eventualmente, ad essi si possono associare alimenti/estratti con funzioni diuretiche come: ananas, betulla, carciofo, cetriolo, foglie di noce, cipolla, equiseto, finocchi, mela, ortica, fiori di sambuco, stimmi di mais e tarassaco.

ARTICOLI CORRELATI

Diuretici naturali cibi diuretici Liquirizia e pressione alta Alimenti Utili in caso di Ipertensione Sale, Sodio ed Ipertensione Dieta Iposodica Esempio Dieta Iposodica Alimenti che Abbassano la Pressione Dieta e ipertensione, dieta DASH Esempio Dieta per Abbassare la Pressione Esempio dieta per la pressione alta Integratori per abbassare la pressione Sodio: Carenza, Eccesso ed Ipertensione Esempio Dieta Dash (Dieta Ipertensione) Sale dietetico Cistite: rimedi naturali Rimedi naturali contro il raffreddore Rimedi naturali contro la gastrite Cellulite, rimedi e attività fisica Cure e rimedi per i dolori mestruali Fitoterapia: i rischi del naturale Occhiaie: rimedi naturali Sindrome ansiosa: rimedi naturali Ragadi anali: un rimedio naturale Sbornia, postumi della sbornia e rimedi per farla passare Tosse: rimedi naturali contro la tosse Cellulite: rimedi naturali Menopausa: un approccio naturale Gastrite: Alimentazione e Rimedi Naturali Sbiancamento naturale dei denti Alopecia: rimedi naturali Capelli grassi: rimedi naturali Cattiva digestione: rimedi naturali Colesterolo alto: rimedi erboristici Dermatite Seborroica: Terapie e rimedi naturali Efelidi - Trattamenti e Rimedi naturali Emorroidi: rimedi naturali Herpes: rimedi naturali Piaghe da decubito: rimedi naturali Psoriasi: rimedi naturali Ridurre il Colesterolo con Rimedi Naturali Rimedi naturali contro il meteorismo Rimedi naturali contro l'alitosi Rimedi naturali e tisane per il diabete Rimedi naturali per stipsi e dispepsia Rimedio erboristico contro la stipsi e le disfunzioni intestinali Occhiaie: rimedi naturali anti-occhiaie Acne: rimedi naturali Insonnia, disturbi emozionali e rimedi dalla natura Intertrigine: prevenzione e rimedi naturali Allergia ai pollini: prevenzione, consigli e rimedi naturali Carminativo, rimedi e farmaci carminativi Rimedi naturali su Wikipedia italiano Alternative medicine su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 30/09/2017