E325 - Lattato di Sodio

E325 - Lattato di Sodio - E326 - Lattato di Potassio - E327 - Lattato di Calcio - A cura di Giulia D'Alessandro - Dietista

E325 LATTATO DI SODIO


Il lattato di sodio è il sale sodico dell'acido lattico, un acido formato naturalmente dalla fermentazione batterica degli alimenti, mentre industrialmente viene prodotto dalla fermentazione batterica dell'amido e della melassa. È possibile che questi additivi (i lattati), essendo appunto derivati da tale acido, possano indurre fenomeni di intolleranza nelle persone che non tollerano il lattosio.
Il lattato di sodio è un composto di origine sintetica e - oltre che un antiossidante - è anche un regolatore di acidità. L'acido lattico (ed i lattati) sono anche usati come conservanti, principalmente contro funghi e lieviti. Può essere contenuto in formaggi, confetti, dolci, gelati, gelatine di frutta, minestre, e conserve di frutta.
Ci sono pareri discordanti sul suo livello di tossicità. Non sembra che al momento ci siano effetti collaterali negativi, anche se ne viene sconsigliata l'assunzione ai neonati e ai bambini piccoli, perché non presentano ancora gli enzimi necessari per metabolizzare queste forme di lattati.
DOSE ADI:/

E326 LATTATO DI POTASSIO → VEDI E325
E327 LATTATO DI CALCIO → VEDI E325


E300-E304 E306-E309 E310 E311 E312 E313 E314 E315
E316 E319 E320

E321

E322 E325-E27 E330-E333 E334-E337
E338 E339 E340 E341 E342 E343 E350 E351
E352 E353 E354 E355 E356 E357 E363 E365-E367
E370 E375 E380 E381 E385 E387 E388  

Bibliografia - E325 - Lattato di Sodio - E326 - Lattato di Potassio - E327 - Lattato di Calcio

Ultima modifica dell'articolo: 20/09/2016