E220 - E229 - Solfuri

E220 - E229 - Solfuri - Solfiti - A cura di Giulia D'Alessandro - Dietista

La famiglia composta dall'anidride solforosa e dai suoi sali è soggetta a forti critiche negative da parte degli specialisti in campo di alimentazione e nutrizione, a causa dei problemi relativi al suo impiego nei vari prodotti.
L'adeguamento della normativa italiana a quella europea ha fatto sì che aumentassero gli alimenti a cui è possibile addizionare questi conservanti, incrementando anche le dosi massime consentite.

Il nostro organismo è in grado di far fronte ai solfiti in dosi ritenute innocue, perché essi - prima dell'eliminazione con le urine - passano attraverso il fegato e subiscono l'azione della solfito-ossidasi. Se si eccede nella dose, invece, è possibile che possa comparire qualche effetto collaterale, come per esempio mal di testa. È obbligatorio riportare la presenza dei solfiti nelle etichette di birre e vini, per permettere al consumatore di sapere cosa c'è all'interno dei prodotti che consuma. Però, secondo la legislazione europea, se la quantità di solfiti nei vari prodotti è inferiore a 10 mg/l (quantità prodotta naturalmente nel processo di fermentazione e comunque irrilevante), non c'è l'obbligo di riportarli in etichetta.
In Italia i solfiti sono l'unico antisettico permesso in enologia, e il limite massimo che può essere contenuto nei vini destinati al consumo diretto è di: 210 mg/l per i vini bianchi secchi, 260 mg/l per i vini bianchi e rosè dolci, 400 mg/l per i vini dolci passiti, 160 mg/l per i vini rossi secchi e 260 mg/l per i vini rossi dolci.

 

Tabella (TRATTA DA :GLI ADDITIVI ALIMENTARI-MARIANI-TESTA)-


Di seguito sono elencate le quantità massime di solfiti che possono essere presenti negli alimenti (secondo le regolamentazioni europee):

 

ALIMENTI DOSE MASSIMA CONSENTITA (mg/Kg o mg/l)
Aceto 170
Amidi 50
Biscotti secchi 50
Crostacei 150
Farciture per torte di frutta 100
Gelatine animali 50
Melassa 70
Stoccafisso e baccalà 200
Sciroppo di glucosio 20
Senape di Digione 500
Senape (altri tipi) 250
Snack a base di patate e cereali 50
Surrogati di carne, pesce o crostacei a base di proteine animali 200
Zucchero 15
Cocco essiccato 100
Concentrati di frutta 250
Condimenti a base di succhi di agrumi 200
Confetture e marmellate (non extra) 50
Albicocche, pesche, uvetta, prugne, fichi secchi 2000
Banane essiccate 1000
Mele e pere essiccate 600
Frutta secca con guscio 100
Frutta candita 100
Funghi secchi 100
Mostarde di frutta 100
Ortaggi sott'olio, sott'aceto, in salamoia 100
Orzo perlato 30
Preparati per purea, fiocchi di patate disidratate 400
Pomodori secchi 200
Zenzero essiccato 150
Vini rossi 160
Vini bianchi e rosati 210
Vini rossi dolci(zucchero superiore a 5g/l) 210
Vini bianchi e rosati dolci 260
Vini tedeschi Spatlese e Auslese 300
Vini bianchi bordeaux 300
Vini francesi Sauternes, Barzac, Cadillac, Montbazillac 400
Ausbruchwein, Trochenbeerenauslese 400
Bevande analcoliche a base di frutta 20
Birra 50
Birra a doppia fermentazione 50
Sidro e vini di frutta 200
Idromele 200
Succo d'uva concentrato 200
Bevnde a base di vino 260
Succo di limone 350

 



E200 E201 E202 E203 E210 E211 E212 E213
E214-E2119 E220 E221 E222 E223 E224 E225 E226
E227 E228 E230 231 E232 E233 E234 E235
E236 E237 E238 E239 E240 E242 E249 E250
E251 E252 E260 E261 E262 E263 E270 E280
E284 E285 E290 E296 E297      

Bibliografia - E220 - E229 - Solfuri - Solfiti

Ultima modifica dell'articolo: 01/10/2016